La dieta dell’estate è in salsa piemontese: il buonappetito

Uno dice Piemonte e tutti pensano agli agnolotti, al bollito, al fritto misto. Piatti che se consumati ad agosto con i 35 gradi odierni facilmente danneggerebbero anche il più indomito dei metabolismi.

Capisco. A queste temperature, con quest’afa che fa si ha voglia di freschezza, di leggerezza, di levità. Ma è proprio per questa stagione che i nostri avi hanno progettato i piatti piemontesi estivi che sono la mia passione. Hanno avuto secoli per farlo – l’estate langhetta o monferrina era già rovente prima dei surriscaldamento globale – e il risultato si vede: piatti perfetti, di grande sapore e al contempo lievi come l’acqua.

[Segnatele! 10 sagre estive dove si mangia bene]

Penso prima di tutto al carpione: le milanesi, le uova, le zucchine, financo il pesce serviti freddi nel loro sughino di cipolla, alloro e aceto. Che goduria. Poi chiudo gli occhi e la mia mente va alla lingua, ai tomini, alle acciughe al verde: cosa c’è di più balsamico della celebre salsa a base di prezzemolo? Quindi il vitello tonnato, la carne cruda, magari un po’ di formaggio e un’ultima fetta del salame artigianale che matura da gennaio.

Quando vedo i servizi del telegiornale che d’estate consigliano di mangiare leggero, verdurine, gallette di riso e bere molta acqua, penso che siano fortemente diseducativi. Se volessero fare un vero servizio pubblico, dovrebbero consigliare tomini, bagna freida, insalata russa e grignolino.

Luca Iaccarino Luca Iaccarino

2 Agosto 2018

commenti (1)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Orval87 ha detto:

    Nell’altro articolo scrivete “niente intingoli pesanti d’estate”, qui suggerite i piatti classici piemontesi…