di Stefania Pompele 18 Aprile 2016
birre IPA

Bevitori incalliti di caffè (bruciati) rigorosamente senza zucchero, sorseggiatori seriali di teina in purezza, drogati di cioccolato fondente extra (al 90% di cacao), consumatori compulsivi di radicchio e cicoria.

Voi che per godere dovete un po’ soffrire. Insomma, genti tutte che ben conoscete e sapete apprezzare il lato amaro del gusto, non sarà che siete drogati anche di IPA?

È tra gli stili responsabili del rinascimento birrario americano, le sue luppolature decise e caratterizzanti hanno saputo varcare presto i confini a stelle e strisce decretando, di fatto, l’inizio e il successo della nuova era craft (trasposizione di ciò che noi chiamiamo birra artigianale).

Tra un sorso e l’altro anche in Italia se ne parla (e se ne beve) da ormai 10 anni.

Le interpretazioni e variazioni sul tema India Pale Ale furoreggiano anche da noi ed è impossibile non notarle nelle produzioni dello Stivale. Dunque, se anche voi non riuscite a resistere a un naso agrumato e resinoso a un amaro deciso, questa gita turistica nelle IPA tricolore potrebbe interessarvi.

Birra IPA

Disclaimer: 1) scegliere un solo nome in alcune regioni è stata una mezza tortura, ma tant’è. 2) L’elenco è frutto di assaggi con cui alleno il fegato, quindi del mio sindacabilissimo giudizio. 3. Mancano Val d’Aosta, Basilicata, Puglia e Sicilia, avete suggerimenti?

LIGURIA

IPA (Italian Pale Ale) – Scarampola 

Questa variazione sul tema arricchita con pompelmo enfatizza il naso di sentori agrumati (caratteristica predominante dei luppoli USA) e veste di italici aromi lo stile.

LOMBARDIA

Wave Runner –  Hammer

Dal controllo qualità in Ferrero alle (ottime) birre il passo è breve. A Marco Valeriani, head brewer di Hammer, il piglio per i luppoli non manca di certo.

PIEMONTE

canediguerra, ipa

American IPA – Canediguerra

Mai sentiti? Qualcosa mi dice che in questi anni avrete di certo assaggiato birre prodotte da quelle sante (all’incirca) mani di Alessio Gatti (aka Allo). Fossi in voi li terrei d’occhio.

TRENTINO ALTO ADIGE

Colonial – Batzen 

Sul sito non c’è, ma vi giuro che la fanno. Ed è pure buona! Cercatela.

VENETO

Amitabh – Birrificio Artigianale Ofelia 

Godibile interpretazione in chiave inglese dello stile. Una English IPA in cui luppoli e base maltata trovano un armonioso sodalizio.

FRIULI

A Freewheelin’ IPA –  Birrificio Foglie d’Erba

E insomma, a me le birre di Gino Perissutti piacciono (e i fatti mi cosano).

EMILIA ROMAGNA

toccalmatto, zona cesarini

Zona Cesarini – Toccalmatto 

Hai detto luppolature? E dove altro potevo cercare se non in casa Toccalmatto? Lunga vita alla Zona, classicone intramontabile e sempre goloso.

TOSCANA

Riappala –  Piccolo Birrificio Clandestino 

Si va a Livorno ad assaggiare la Riappala, de’!

UMBRIA

Suburbia (English IPA) – Fabbrica della Birra Perugia 

Luppolatura inglese (anche in dry hopping, sapete cos’è? Lo acceno QUI) in questa versione il cui nome tributa “uno dei locali più incredibili mai visti sulla scena punk – rock italiana”, realizzata in collaborazione con Toccalmatto.

MARCHE

Breaking Hops (Double Ipa) MC-77 

Intensamente luppolata e diversamente analcolica (7,2%vol), eccovi una versione cazzuta di IPA. La double, appunto.

LAZIO

Follower – Ventoforte 

Vento forte ai sentori di luppolo direi. Questo birrificio romano è decisamente anglofono. La Follower è una delle tante variazioni sul tema luppoli.

ABRUZZO

Overdose opperbacco

Overdose – Microbirrificio Opperbacco 

Dicevamo che ci piace l’amaro? Bene, Opperbacco incontra Dada e Foglie D’erba, il match si esprime in questa IPA “volutamente esagerata”. Siete avvisati.

MOLISE

Dulcamara – Kashmir 

Un sodalizio Inghilterra – USA nella scelta dei luppoli per incipriare il naso di questa grintosa sig.na luppolata.

CAMPANIA

Noscia –  Maltovivo 

Maltovivo ci propone la sua idea di IPA, e noi ce beviamo.

CALABRIA

Mericana – ‘A Magara 

La calabrese che vuò fa’ l’americana ce l’abbiamo e sembra godere di buona salute.

SARDEGNA

50 Nodi – P3 Brewing Company 

Vento in poppa per questa sferzata di luppolo sarda.

Vi ho amareggiati a sufficienza?