di Chiara Cavalleris 1 Luglio 2020
birre d'Italia 2021

Nell’epoca delle artigianali in latta, in un paio d’anni passate da pura avanguardia a normalità persino nel Bel Paese, Birre d’Italia 2021 esce con a buttigghia ra sassa in copertina, una bottiglia che ricorda per molti versi una conserva di pomodoro in vetro. Dunque non si direbbe, ma Slow Food Editore, con l’edizione 2021 della guida ai migliori birrifici d’Italia in vendita da oggi, come sempre biennale, curata da Luca Giaccone e Eugenio Signoroni con il sostegno di collaboratori su tutta la Penisola, si è adeguato ai tempi che corrono.

A partire dal numero di birrifici presenti: 387, contro i 597 della scorsa edizione. Un taglio netto quanto doveroso, che rende la guida (da sempre unica nel suo genere, ma storicamente troppo inclusiva) finalmente tale. Mentre la proliferazione di produttori italiani pare non fermarsi, per quanto in maniera meno esponenziale rispetto agli scorsi anni, Birre d’Italia cambia rotta, prima troppo simile a un censimento della birra italiana, oggi vera e propria selezione.

Poi, la sburocratizzazione dei riconoscimenti ai birrifici, che ora sono solo più due: la Chiocciola, come sempre assegnata ai “birrifici eccellenti e slow riconosciuti per la qualità e la costanza delle birre, ma anche per il ruolo svolto nel settore birrario nazionale, per l’identità e per l’attenzione al territorio e all’ambiente”, e l’Eccellenza, “un nuovo riconoscimento per i birrifici che esprimono un’elevata qualità media su tutta la produzione”. Due soli vessilli anche alle singole birre, solamente più Slow e Imperdibili.

Ma il vero valore aggiunto della nuova guida è l’inserimento di una sezione, per ciascuna regione, dedicata ai locali in cui bere bene; non solo pub e taproom di birrifici, ma pizzerie e ristoranti che considerano seriamente il prodotto. Si tratta unicamente di elenchi di posti, con le informazioni di base del caso. Siamo ben lontani dalla guida ai pub e alle valutazioni su selezione e servizio, ma anche questa è una novità da valutarsi positivamente: il lavoro di distributori e publican, nel settore craft, è particolarmente delicato e importante, troppo capillare per essere ben comunicato. Insomma, questa sezione ci voleva dal momento che, molto pragmaticamente, i tanti bei birrifici recensiti poi il lettore non sa dove reperirli.

Veniamo all’elenco dei migliori birrifici della Penisola secondo Birre d’Italia 2021, le 34 Chiocciole e le 73 Eccellenze divise per regioni.

Le Chiocciole

birre d'Italia 2021

PIEMONTE

Elvo – Graglia (BI)
LoverBeer – Marentino (TO)
Montegioco – Montegioco (AL)
Croce di Malto – Trecate (NO)
Troll – Vernante (CN)
Beba – Villar Perosa (TO)

LIGURIA

Maltus Faber – Genova (GE)

LOMBARDIA

Elav – Comun Nuovo (BG)
Birrificio Rurale – Desio (MB)
Birrificio Italiano – Limido Comasco (CO)
Lambrate – Milano
Carrobiolo – Monza
Hammer – Villa d’Adda (BG)

ALTO ADIGE

Batzen – Bolzano-Bozen

VENETO

Ofelia – Sovizzo (VI)
Siemàn – Villaga (VI)

FRIULI VENEZIA GIULIA

Foglie d’Erba – Forni di Sopra (UD)

TOSCANA

Brùton – Lucca
Birrificio del Forte – Pietrasanta (LU)

UMBRIA

Birrificio dell’Eremo – Assisi (PG)

MARCHE

Mukkeller – Porto Sant’Elpidio (FM)
MC-77 – Serrapetrona (MC)

LAZIO

Hilltop – Bassano Romano (VT)
Vento Forte – Bracciano (RM)

ABRUZZO

Almond ’22 – Loreto Aprutino (PE)
Opperbacco – Notaresco (TE)

CAMPANIA

Sorrento – Massa Lubrense (NA)
Birrificio dell’Aspide – Roccadaspide (SA)

PUGLIA

Birranova – Conversano (BA)
B94 – Lecce

SARDEGNA

Barley – Maracalagonis (CA)

AFFINATORI

Cantina Errante – Barberino Tavarnelle (FI)
Ca’ del Brado – Pianoro (BO)
Casa Gori – Pienza (SI)

Le eccellenze 2021

VALLE D’AOSTA

Les Bières du Grand St. Bernard – Gignod (AO)

PIEMONTE

Canediguerra – Alessandria
Civale – Alessandria
Aleghe – Giaveno (TO)
Birrificio della Granda – Lagnasco (CN)
CitaBiunda – Neive (CN)
Un Terzo – Pralungo (BI)
Kamun – Predosa (AL)
La Piazza – Torino
San Paolo – Torino

LIGURIA

Altavia – Sassello (SV)

LOMBARDIA

L’Orso Verde – Busto Arsizio (VA)
Menaresta – Carate Brianza (MB)
Vetra – Caronno Pertusella (VA)
Hop Skin – Curno (BG)
Manerba – Manerba del Garda (BS)
Extraomnes – Marnate (VA)
Porta Bruciata – Rodengo Saiano (BS)
Alder – Seregno (MB)
Birrificio Lariano – Sirone (LC)
Stradaregina – Vigevano (PV)

TRENTINO

BioNoc ́ – Mezzano (TN)
Birra del Bosco – San Michele all’Adige (TN)
Rethia – Vallelaghi (TN)

VENETO

Crak – Campodarsego (PD)
32 Via dei Birrai – Pederobba (TV)
Mastino – San Martino Buon Albergo (VR)

FRIULI VENEZIA GIULIA

The Lure – Fogliano Redipuglia (GO)

EMILIA-ROMAGNA

Birrificio Valsenio – Casola Valsenio (RA)
Mazapégul – Civitella di Romagna (FC)
Argo – Collecchio (PR)
Dada – Correggio (RE)
La Buttiga – Piacenza
BiRen – Sant’Agostino (FE)

TOSCANA

Calibro 22 – Cavriglia (AR)
Lorem Ipsum – Dicomano (FI)
Piccolo Birrificio Clandestino – Livorno
Brasseria della Fonte – Pienza (SI)
Birrificio Saragiolino – Torrita di Siena (SI)

UMBRIA

Birra Perugia – Torgiano (PG)

MARCHE

Birrificio dei Castelli – Arcevia (AN)
Il Mastio – Colmurano (MC)
RentOn – Fano (PU)
Babylon – Folignano (AP)
Godog – Jesi (AN)
61cento – Pesaro
Birracruda – Pesaro

LAZIO

Ritual Lab – Formello (RM)
Eastside – Latina
Eternal City Brewing – Roma
Jungle Juice – Roma
Rebel’s – Roma

ABRUZZO

Bibibir – Castellalto (TE)
La Casa di Cura – Crognaleto (TE)
Anbra – Fossa (AQ)
Maiella – Pretoro (CH)

CAMPANIA

Karma – Alife (CE)
Okorei – Mariglianella (NA)
Serrocroce – Monteverde (AV)
Bella ’Mbriana – Nocera Inferiore (SA)

PUGLIA

Rebeers – Foggia
Birrificio Svevo – Modugno (BA)

BASILICATA

Birrificio del Vulture – Rionero in Vulture (PZ)

CALABRIA

De Alchemia – Saracena (CS)
Limen – Siderno (RC)

SICILIA

Alveria – Canicattini Bagni (SR)
Ballarak – Palermo
Yblon – Ragusa
Epica – Sinagra (ME)

SARDEGNA

Il Birrificio di Cagliari – Cagliari
P3 Brewing – Sassari
Mezzavia – Selargius (CA)

AFFINATORI

Klanbarrique – Limido Comasco (CO)