di Anna Silveri 27 Agosto 2018
carlo cracco

Assorbito com’è dal nuovo ristorante e dagli altri suoi locali milanesi, Carlo Cracco ci aveva spiegato in una lunga video-intervista, che trovare il tempo per tornare in tivù non sarebbe stato facile. Niente più MasterChef, insomma, per lo chef barbuto (e non) più famoso d’Italia.

[Carlo Cracco tornerà a MasterChef ora che ha aperto il ristorante in Galleria?]

Invece, ora, avviato il locale in Galleria, Cracco torna in tv –o per meglio dire, su Netflix– con The final table.

Calma, ora vi spieghiamo cos’è.

Netflix, il gigante dello streaming, sta per aggiunge un altro piatto al suo menu. Dall’autunno sarà disponibile The Final Table, appunto, un talent culinario internazionale presentato da Andrew Knowlton, responsabile della sezione ristoranti di Bon Appétit, patinata rivista americana pubblicata da Condè Nast.

Nel programma, 12 squadre guidate da due chef cucinano i piatti nazionali di Brasile, Inghilterra, Francia, India, Giappone, Messico, Spagna, Stati Uniti e Italia.

[Massimo Bottura torna su Netflix in “Date da mangiare a Phil”]

Ogni episodio si concentra su un paese diverso, con celebrità, critici gastronomici e un giudice, quello che viene considerato “il migliore chef del paese”. Che per l’Italia, nell’idea di Netflix, è proprio Carlo Cracco.

Nell’ultimo episodio, come tradizione, solo uno degli chef si aggiudica il titolo di vincitore.

La produzione non sembra aver badato a spese, ingaggiando come giudici chef molto noti: Grant Achatz per gli Stati Uniti, la francese Anne-Sophie Pic, la brasiliana Helena Rizzo, l’inglese Clare Smyth, l’indiana Vineet Bhatia, la giapponese Yoshihiro Narisawa, la messicana Enrique Olvera e lo spagnolo Andoni Aduriz.

Il produttore di The Final Table Knowlton è lo stesso dell’edizione originale di MasterChef, quella americana, vale a dire Robin Ashbrook.

[Chef’s Table: guardare Corrado Assenza su Netflix è tempo investito bene]

Lo spettacolo è una prova ulteriore di come Netflix investa in una solida programmazione gastronomica, basata in particolare su Chef’s Table, la serie che scava nella vita e nei piatti degli chef più visionari, compresi Massimo Bottura e Corrado Assenza –pasticciere del Caffè Sicilia di Noto (SR)– scritta e girata dal giovane regista di Los Angeles David Gelb, e arrivata ormai alla stagione numero quattro.

commenti (3)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Luca63 ha detto:

    Cosa fa ?
    Guadagna quattrini , si guadagna molto di piu ‘ in tv che nei ristoranti .
    Non molti anni fa ci avessero detto che i cuochi sarebbero diventati delle star ci saremmo messi a ridere .Passata questa moda chissa ‘, potrebbe essere il turno dei muratori o dei falegnami .