Borghese? Cucina da avanspettacolo, Barbieri? Insopportabile: Raspelli vota i cuochi della tv

Se non siete su Dissapore per caso probabilmente conoscete Edoardo Raspelli: giornalista, scrittore, conduttore televisivo e, soprattutto, critico gastronomico. Uno dei primi, forse un po’ appannato ma comunque un caposcuola.

Con oltre 9000 ristoranti visitati, 42 anni di carriera e circa 200 recensioni l’anno, Raspelli ha spesso rivendicato il vezzo di dire la sua in tutta franchezza, sganciandosi dalla pratica oggi diffusa della lode indiscriminata al cuoco di turno.

[Cos’ha Edoardo Raspelli che io non ho?]

Incalzato da Piero Chiambretti, che su Corriere Tv ha una rubrica chiamata “Intercettazioni”, Raspelli ha appena dato i voti ai cuochi della televisione, tenendo fede a uno dei suoi motti preferiti: “se non mi piace lo scrivo, a differenza degli altri”.

Qualcuno di voi, colpito dal giudizio sul proprio telechef del cuore, ha qualcosa da obiettare?

CARLO CRACCO:

“Grandissimo cuoco, m’interessa poco in televisione”.

JOE BASTIANICH:

“Supponente, presuntuoso, se il suo linguaggio lo adoperassi io nei giornali prenderei una querela tutte le settimane, voto 5”.

BRUNO BARBIERI:

“Televisivamente insopportabile, antipatico, grande cuoco e giramondo, voto 8”.

DAVIDE OLDANI:

“Grandissimo chef nel suo ristorante, in televisione tra 5 e 6”.

GIANFRANCO VISSANI:

“Per il modo di comportarsi, per le scarpe rosse che lo fanno sembrare un personaggio uscito dal Vaticano alcuni anni fa, voto 4. Per la sua cucina straordinaria 10 +. Per il suo modo di comunicare tra il 5 e il 6”.

ANTONELLA CLERICI:

“Giochi di parole e cucina del cazzeggio, voto 5”.

BENEDETTA PARODI:

“L’ho vista cucinare con me in diretta da Barbara d’Urso, voto 0”.

ALESSANDRO BORGHESE:

“Cognome importante, genealogia importante, gastronomia da avanspettacolo, voto 5”.

[Crediti | Corriere Tv]

Anna Silveri

9 gennaio 2018

commenti (7)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Ma per favore….

    Uno su tutti: da quanti secoli nn passa da Vissani a mangiare? Considerato che ora c’è il figlio. Esperienza dimenticabile

  2. E a questo signore inflessibile che voto darebbe il pubblico ?

  3. “Critico gastronomico” significa che ha abbastanza cognizioni di cucina da poter criticare le tecniche di produzione del cibo dei cuochi citati nell’articolo?

  4. Da quando in qua Benedetta Parodi merita di essere presa in considerazione? Un pò come considerare cibo sano una busta di quattro salti in padella

  5. “Un critico è un uomo che conosce la strada, ma non sa guidare l’auto.”

    Kenneth Tynan

«