di Cinzia Alfè 9 Luglio 2017
pulizie cucina

Pulite con regolarità il forno a microonde, lavate coscienziosamente i piatti, quando non usate la lavastoviglie, e le vostre tovaglie sono candide come la neve. E pensate, come la maggior parte di noi, che tutto ciò sia sufficiente a fare della vostra cucina un luogo pulito e immacolato che manco quella di Mastrolindo in persona.

Ma da quanto tempo non pulite l’interno della lavastoviglie, “tanto ci circola sempre l’acqua e quindi è sempre pulita”? Da quanti anni non vi prendete la briga di controllare sotto il frigo e sotto il forno, o magari all’interno del ceppo dei coltelli in bella mostra sulla tovaglia candida?

Con un’occhiata più approfondita, potreste purtroppo scoprire che la vostra cucina non è quel luogo lindo e immacolato che dovrebbe essere. Come fare allora, per rimediare a un lungo periodo di incuria e mancate pulizie?

Basterà seguire i consigli di Becky Rapinchuk, fondatrice del blog Clean Mama, riferiti dalla rivista Bon Appétit, per combatterete lo sporco nei posti più impensati della vostra cucina. Come questi.

Scarico del lavello otturato o maleodorante

Per quanto siate attrezzati con quei tappi salva-lavello che non permettono ai residui dei cibi di andare giù per lo scarico, qualcosa riesce comunque sempre a infilarsi: basta annusare i gradevoli effluvi che salgono su colpendovi a morte ogni volta che abbassate la testa sul lavandino.

scarico lavello

Per rimediare, basterà mescolare dentro una tazza del bicarbonato di sodio e del succo di limone in parti uguali, versare tutto nello scarico e lasciare agire per almeno 5 minuti. Fate poi scorrere l’acqua fredda, e un buon profumo di pulito si spanderà per la vostra cucina, mettendo fine alle zaffate maleodoranti cui eravate rassegnati.

Lavastoviglie

No, le lavastoviglie non sono “sempre pulite”, anzi. Ma, fortunatamente, sono anche facili da pulire. Basta versare una tazza di aceto sul fondo della macchina e avviare un ciclo a vuoto, senza piatti: l’aceto scioglierà ogni incrostazione presente all’interno.

Per le incrostazioni più resistenti, invece, soprattutto quelle sugli ugelli spruzzanti, togliete ogni residuo di sporco usando uno stuzzicadenti.

lavastoviglie

Se la lavastoviglie è dotata di filtro, non dimenticate di pulirlo periodicamente, togliendolo dalla sede e strofinandolo con un vecchio spazzolino prima di rimetterlo a posto.

Pulire per bene la lavastoviglie servirà a migliorarne l’efficienza e prolungare la durata.

Ceppo dei coltelli

Avete sempre tagliato il pane e rimesso il coltello nel ceppo senza neppure lavarlo. Tanto il pane è pulito, no? Intanto, però, giorno dopo giorno, le briciole hanno preso fisa dimora sul fondo del ceppo, formando uno spesso strato di sporcizia.

Per pulire il ceppo, basterà, ovviamente, togliere i coltelli, prenderlo e rovesciarlo sopra il lavandino, scrollandolo bene per far uscire tutte le briciole.

blocco coltelli

Poi, un pezzetto di panno-carta intriso di aceto bianco e arrotolato su un coltello saranno utilissimi per raggiungere gli angoli più incrostati. L’esterno, invece, lavato con acqua e sapone, andrà asciugato subito, soprattutto se in legno.

Ante dei pensili e battiscopa

A un’occhiata superficiale, i pensili della vostra cucina non sembreranno certo gridare pietà come quelli di alcune pubblicità in TV. Invece sono sporchi, molto sporchi, anche se non si vede: provate a passarci sopra una tovaglietta di carta inumidita, e vedrete quanta sporcizia riuscirete a raccogliere!

pensili cucina

Per pulirli alla perfezione, utilizzate un panno in microfibra intriso di una soluzione composta da acqua e sapone di Marsiglia, che è efficace ma anche abbastanza dolce per pulire le superfici delicatamente.

Potrete usare la stessa soluzione anche per i battiscopa e per le credenze. Sì, anche all’interno, già che ci siete.

Lo sporco “sotto”.

Oltre agli spari sopra, c’è anche lo sporco sotto. Per quanto non sempre visibile, infatti, lo sporco si annida anche sotto frigorifero, forni e lavastoviglie. Ovviamente è buona cosa pulire con cura anche quegli spazi. Peccato che non sempre sia così piacevole mettersi a spostare frigo e forno.

cucina

Meglio allora dotarsi di uno strumento apposito, anche fatto in casa, come un lungo coltello ricoperto con un panno, magari in microfibra, da passare sotto i vostri elettrodomestici. La sporcizia verrà via senza problemi, e senza bisogno di affaticarsi a spostare nulla.

E ora, finalmente, dopo tutte queste pulizie, potrete concedervi un rinfrancante bicchierone di acqua dissetante, fresca e, soprattutto, pulita: ovviamente, se avrete pulito a dovere il dispenser del frigo.

[Crediti | Link: Bon Appetit]