Gente del Fud: chi ha paura delle spezie?

Episodio n°2 di Gente del Fud, la web-serie che Dissapore, in collaborazione con l’omonimo sito, appena-nato e già 8ava meraviglia del mondo, consacra ai prodotti tipici italiani per cui garbatamente saliviamo. A presentarli, eroici foodblogger con tanto di intervista via webcam. Dopo carni e salumi tocca oggi alle spezie.

La bella mora che apre il video è Fedora D’Orazio. Occhi grandi, zigomi altissimi, sorriso radioso. Viene da un piccolo paese in provincia di Frosinone, il blog si chiama Cappuccino&Cornetto. In Abruzzo, dove studia, le tentazioni sono molte, ma alla fine ha scelto lo zafferano de L’Aquila, perla regionale famosa worldwide. Fedora è giocosamente contrapposta a Monica Zacchia, esperta pasticciera e autrice del blog Dolci Gusti. Monica è romana, sguardo vispo riflesso negli occhiali, competenza a nastro, istinto di protezione verso l’acqua dei fiori d’arancio, prodotto in via d’estinzione nella versione artigianale.

Durante il montaggio del video mi sono confrontata con il mio collega Federico sulle spezie, che uso soprattutto sotto forma di odori. E’ come se un utilizzo più coraggioso delle spezie, specie quelle dai nomi strani, appartenga a una maturità che in cucina si raggiunge solo con l’esperienza.

E’ stato così anche per voi? E che rapporto avete oggi con le spezie? Quali vi fanno salivare e quali, viceversa, proprio non sopportate?

P.S. Non scordate di dirci per quale blogger fate il tifo in Gente del Fud di oggi, perbacco.

[Crediti | Video: riprese e montaggio: Lorenza Fumelli e Federico Mercuri]

Lorenza Fumelli

24 Novembre 2011

commenti (50)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Complimenti alle belle signore e ai loro prodotti!Io le spezie le uso…ci provo almeno. Lo zafferano mi piace tantissimo, soprattutto nel risotto, da quando lo chiamavo il riso giallo..ma in generale tutte: cardamomo per dolci , anice per dolci e non…buone tutte e da rivalutare!

  2. Sembra che lo facciate apposta! Io adoro le spezie, tutte, le uso sempre, anzi, ne abuso sempre. E tra lo zafferano e l’acqua di fiori d’arancio non saprei davvero cosa scegliere. Lo zafferano anche nel dolce ed il fiori d’arancio anche nel salato, naturalmente. Perchè le spezie rappresentano uno stato d’animo, un sentimento, una passione, una giornata particolare: momenti e sentimenti personali ed ogni volta diversi.
    Bellissimo il video e ancora bravi a tutta la brigata.

  3. Che belle che siete!! Brave ragazze! Cran.. sei andata alla grande e sei troppo carina.. Mica dietro quella porta c’è un deposito di zafferano de l’Aquila? 🙂 perchè, se così fosse, anche io lo porterei sull’isola!
    Baci per tuttiiiiii e la mia ansia cresce..

  4. 😛
    ecco la mia faccia golosa!
    Ringrazio Lorenza e Federico, siete stati mitici! Adesso però ho una missione da compiere…andare da Monica e provare il vero distillato di fiori di arancio 😀

    bellissima intervista e sono felice anche dell’accoppiata:D

    1. Cranberry sei un mito!!!! Complimenti per la tua professionalità!!!

  5. La mia spezia culto e’ la Cannella, da quando passai tre giorni in un ostello alle isole Lofoten (una fantastica palafitta sul mare) e la mattina la panetteria sfornava le brioscine alla cannella il cui odore era una sveglia inebriante.
    Odio invece la citronella. La odio proprio, non mi piace, non la digerisco, sono infastidito dall’odore. In Thailandia per splendidi motivi ci ho passato molto tempo ed era una sofferenza a ristorante…

    1. Mr. R. ha detto:

      Niente baccalà a colazione?

  6. ricbrig ha detto:

    All’episodio No 3 inizieranno a presentarsi i primi segni di addiction a questa serie. Gia’ lo so!

    Complimenti per l’idea e alle bloggers!

    1. ricbrig ha detto:

      Ah comunque le mie spezie del cuore, beh non e’ una singola ma un blend di spezie tostate che servono per “blackening”, un modo di cucinare pesce nella cucina Cajun. Si tratta di pepe di vari tipi, peperoncino, pepe cayenne e erbe come timo, origano aglio e cipolla in polvere. Ogni famiglia o ristorante ha il suo blend.

  7. chiccodicaffè ha detto:

    Le spezie sono il bello della cucina, l’aspetto versatile e realmente creativo del mettersi ai fornelli. Al di là delle distinzioni ad opera dei puristi che le vogliono rigorosamente separate dalle erbe, per me cucinare vuol dire usare erbe e spezie. Ho un discreto olfatto da cane da tartufi e il grosso guaio è che ogni persona per me speciale è associata nella mia memoria ad una spezia. Di recente ho aggiornato la lista di spezie-droga con pepe verde vanigliato, pepe cubebe e Sumac. Le miscele di spezie poi, diventano un meraviglioso quiz (senza premi). Per ovvie ragioni di regionalismo e categoria, voto Fedora!

    1. Nicola ha detto:

      Pepe rosa per preparazioni delicate, anche. Cmq ogni giorno una scoperta.

  8. Grande Cran bravissima e bellissima finalmente ti ho vista! sei spigliata e a tuo agio… Bravi Lorenza e Federico…
    menomale è passata pure questa, ahahahhhh

  9. Dopo un viaggio in India il mio rapporto con le spezie non è più lo stesso. Un mondo, un universo da esplorare in maniera diversa, eliminando tutti gli stereotipi di 35 anni trascorsi in Italia.

    1. SPEZIE Fabbri’ si parlava di SPEZIE! Quello di cui parli tu pure e’ aromatico ma non so se e’ a tema… :–D
      Quello che mi ha colpito in India e’ la capacita’ di miscelarle, se non mettessero tonnellate di piccante sarebbe divertentissimo provare a distinguerle in ogni piatto.
      Cosa ti sei portato a casa e ti ha distrutto scoprire che era finita? A me, scusami Cran, lo zafferano del Kashmir.

    2. L’ho letta 3 volte prima di capirla, ma ce l’ho fatta 😀
      Il thè del Kashmir (speziatissimo) ha cambiato la mia vita.

    3. Nicola ha detto:

      mi permetto di suggerire medioriente, syria in particolare. Non saranno italiane ma sono buone, Tanto.

  10. Siamo consumatori instancabili di zafferano, mentuccia & origano (ma è un aroma, vale?!)

    Bravi tutti! 🙂

«