di Carmelita Cianci 5 Luglio 2011

Dopo le passate di pomodoro e l’olio extra vergine d’oliva, la terza Prova d’assaggio, il test settimanale di Dissapore tra prodotti della stessa categoria, confronta 5 confetture extra di albicocche, classico estivo che alcuni di noi, se possono, preparano volentieri a casa. Essendo tra questi, non ho l’abitudine di comprare marmellate o confetture al Super, piuttosto, sono ammaliata da alcuni barattolini francesi ma… questa è un’altra storia. Non ho nulla contro il gusto albicocca anche se non rientra nella mia classifica personale, però è l’ingrediente base di un dolce inarrivabile, la Sacher Torte.

Obiettivo del test è stabilire quale confettura si avvicina per genuinità, equilibrio degli ingredienti e sapore a una confettura casalinga, possibilmente degna di Sacher.

PREMESSA.
Siccome non volevo confronti tra confetture diverse (bio o senza zucchero) ho considerato solo la linea classica, e più nel dettaglio, ho testato 4 confetture “extra”, che non possono cioè contenere quantitativi di frutta inferiori al 45%, e una non extra, la cui percentuale di frutta è del 35%. Visto che si è trattato di un test “alla cieca”, volevo capire se una simile diffrenza è percepibile dal punto di vista organolettico.

I CONTENDENTI.
Casa Giulia (extra).
Conad (prodotto a marchio di Conad, extra).
Consilia (prodotto a marchi degli Ipermercati Oasi, non extra).
Santa Rosa (extra).
Zuegg (extra).

I CRITERI
— Vista (colore – consistenza).
— Olfatto.
— Sapore.

Dal momento che non sono una tecnologa alimentare, il verdetto del test è oggettivo con deviazioni personal-affettive. Ho assaggiato le confetture sia singolarmente che abbinate al pane.

VERDETTO.
# 5 CONFETTURA CONSILIA.
Formato: 670 g
Ingredienti: albicocche, zucchero, sciroppo di glucosio-fruttosio, gelificante: pectina, acidificante: acido citrico.
Frutta utilizzata: 35 g per 100 g di prodotto; zuccheri aggiunti: 51 g per 100 di prodotto; zuccheri totali: 55 g per 100 di prodotto.
Realizzato per Consilia, nello stabilimento di Ronco all’Adige (Vr) Via Fontanelle 11.

— Giudizio: si conferma una confettura “non extra”, ricorda molto il miele
— Packaging: tradizionale da conserva, fin troppo semplice.
– Colore: tende al giallo, è sicuramente il più chiaro tra gli sfidanti. Anche la densità è più leggera.
– Sapore: All’olfatto, come al palato, non si avverte la frutta. Il sapore risulta eccessivamente dolce, quasi fastidioso, debole di consistenza.
— Prezzo: € 1,89/al kg, quindi € 2,82

In una parola: stucchevole.
Voto 4.

# 4 CONFETTURA EXTRA CONAD.
Formato: 400 g
Ingredienti: albicocche, zucchero, sciroppo di glucosio – fruttosio, gelificante: pectina; correttore di acidità: acido citrico.
Frutta utilizzata: 45 g per 100 di prodotto; zuccheri tot. 61 g per 100 di prodotto.
Realizzato per Conad S.C. da Conserve Italia Soc. Coop. Agricola nello stabilimento di Codigoro (Fe) Via della Cooperazione 5.
Valori nutrizionali in etichetta

— Giudizio: confettura poco equilibrata.
— Packaging: semplice e lineare, reso un po’ grossolano dalla forma allungata, con un’etichetta che richiama gli anni ’80.
— Colore tipico dell’albicocca, buona la consistenza.
— Sapore: All’olfatto si sente la frutta matura. Il sapore è abbastanza dolce, però non sgradevole. Si distingue l’albicocca, in bocca la pastosità è eccessiva, e il retrogusto quasi amarognolo.
— Prezzo: € 1,38/al kg, quindi € 3,45

In una parola: pastosa.
Voto 5,5.

# 3 CONFETTURA EXTRA LE CLASSICHE SANTA ROSA.
Formato: 350 g
Ingredienti: albicocche, zucchero, sciroppo di glucosio – fruttosio, gelificante: pectina; correttore di acidità: acido citrico.
Frutta utilizzata: 50 g per 100 di prodotto; zuccheri tot. 61 g per 100 di prodotto.
Distribuito da Santa Rosa, prodotto nello stabilimento di Sanguinetto (Vr), Via Roma, 23.
Valori nutrizionali in etichetta.

— Giudizio: più armonioso rispetto al precedente, tuttavia resta la dolcezza eccessiva.
— Packaging: classico e rustico, un “revival” degli anni ‘80.
— Colore tipico dell’albicocca, leggermente scarico, con una consistenza corposa.
— Sapore: L’odore è fresco, con leggeri segnali di aspro che si ritrovano anche al palato. Continua a spiccare il dolce, ma la percezione della frutta è superiore rispetto ai rivali. Anche in questo caso la bocca resta leggermente pastosa.
— Prezzo: € 1,82/al kg, quindi € 5,20

In una parola: gradevole
Voto 6.

# 2 CONFETTURA EXTRA CASA GIULIA.
Formato: 350 g
Ingredienti: albicocche, zucchero, gelificante: pectina, correttore di acidità: acido citrico, antiossidante: acido ascorbico.
Frutta utilizzata: 65 g per 100 di prodotto, zuccheri tot. 63 g per 100 di prodotto.
Realizzato da C.I. Srl – Via Santa Maria 65010, Collecorvino (Pe), Italia
Valori nutrizionali in etichetta

— Giudizio: è la confettura con più frutta, e si sente.
— Packaging: un cubo, d’impatto, ma fastidiosamente spigoloso.
— Ha il colore tipico dell’albicocca matura, più carico rispetto ai precedenti. La consistenza è compatta.
— Sapore: odore deciso, una piccola esplosione di frutta. Il sapore è intenso e dolce ma non pecca di presunzione, l’albicocca non viene sovrastata dallo zucchero, anzi, si sente eccome (il match finisce in parità). Non stonano affatto le note sottilmente aspre nel finale.
— Prezzo: € 1,95/al kg, quindi € 5,57

In una parola: equilibrata.
Voto 6,5.

# 1 CONFETTURA EXTRA ZUEGG.
Formato: 320 g
Ingredienti: albicocche, zucchero, gelificante: pectina di frutta, succo di limone.
50 g di frutta per 100 g di prodotto; zuccheri 46 g per 100 di prodotto.
Distribuito da Zuegg S.p.A., Verona (Italia).
Prodotto nello stabilimento Zuegg GmbH, (Germania)
Valori nutrizionali in etichetta.

— Giudizio: la confettura più gradevole e bilanciata della serie, come riportato in etichetta è la sola priva di acidi.
— Packaging: sobrio e minimalista, ricorda le mie amate confetture francesi.
— Ha il colore tipico dell’albicocca e una buona consistenza.
— Sapore: fresco e fruttato all’olfatto, restituisce un gradevole richiamo  di limone. Finalmente il sapore dell’albicocca svetta sul dolce dello zucchero che si arrende. Il gusto è delicato e morbido con lievi sfumature aspre in chiusura.
— Prezzo: € 2,15/al kg, quindi € 6,72

In una parola: (quasi) casalinga.
Voto 7.

COSE IMPARATE DA QUESTA PROVA D’ASSAGGIO.
Le confetture (extra) da supermercato rimangono troppo dolci, ed è legittimo chiedersi se l’eccesso di zucchero sia un modo per compensare la modesta percentuale di frutta utilizzata. Le etichette possono guidarci nella scelta con indicazioni molto utili, abituiamoci a leggerle, ma ancora non dicono da dove arriva la frutta. La conclusione è scontata: pur essendo migliorato il livello generale restano decisamente preferibili le confettura casalinghe preparate con frutta locale, percentuali di zucchero ragionevoli e senza pectina.

E ora tocca a voi? Che marmellate o confetture preferite, e quali comprate al Super?

[Crediti | Link: Dissapore, immagini: Carmelita Cianci]