di Adriano Aiello 19 Aprile 2013
Franceschini, Renzi

Mentre il Pd affossa se stesso, l’Italia e la dignità di chi ne segue le vicende, due modelli si scontrano anche nella pausa pranzo (è la cena di ieri sera, licenza poetica). A seguire questi 2 scatti verrebbe da dire vecchio e nuovo, con:

(1) l’inciuciatore strutturale Franceschini –barba da uomo vissuto e larghe intese– che gli dà di pizza al taglio e birretta soprammensolare, sullo sfondo di un mesto frigo-vetrina Coca Cola, mentre

(2) il non-vecchio Renzi, il Mr. Bean televisivo e post-ideologico festeggia il crepuscolo del candidato presidente Marini al terzo piano di Eataly Roma, con passo sicuro e compagnia numerosa.

(Era in una sala riservata da Oscar Farinetti, patron di Eataly e renziano di ferro, con apparecchiati sei tavoli rotondi da una decina di posti ciascuno, abbiamo appreso, dove i parlamentari sorseggiavano bollicine conversando tra loro).

Peccato che, al netto di populismi e gastrocentrismi, vecchio e nuovo diventano concetti vacui se la sostanza per il Pd resta quella: catastrofe!

Come non fare di queste immagini un nuovo episodio di “Didascalizzami questa”? In attesa di altre perle, adottiamo la dida della lettrice Antonella: “Pizza e fighi”.

[Crediti | Link: Giornalettismo, Corriere, immagini: Corriere]