di Giulia Caligiuri 17 Febbraio 2014
Kebab

Diciamocelo, la nostra nozione di “cucina etnica” è ancora dozzinale. La prima associazione ci rimanda ai ristoranti cinesi e a quelli giapponesi. Capita poi di pensare all’indiano o al messicano. Del cibo brasiliano sentiamo sempre parlare ma alla fine chi lo mangia! Idem per la cucina africana.

Insomma domina la confusione. E per quanto sdoganata, specie in alcune città, lo zoccolo duro di chi inforchetta considera ancora la cucina straniera come curiosa, esotica, anche divertente. Raramente legittima. Tanto che per amarla siamo usi italianizzarla.

Ma bando all’autocritica, autoassolviamoci definitivamente con questa gallery sui 21 piatti preferiti dagli italiani ai ristoranti etnici. Se poi non sempre rappresentano davvero la cucina del paese di provenienza, ce ne faremo una ragione.

POLLO IN AGRODOLCE (Cina)

pollo agrodolce
Il pollo in agrodolce è uno degli immancabili cavalli di battaglia nei ristoranti cinesi in Italia, apprezzatissimo da tutti. Una volta il sapore dolciastro di questi piatti era un grande ostacolo, ora nessuno (o quasi nessuno) se ne cruccia. Occhio però a dove lo si mangia, se costa sotto i 4 euro e la digestione occupa il successivo lustro qualcosa non è andato per il verso giusto.

Involtini primavera (Cina)

spring rolls
Contrariamente a quanto si pensa, non sempre si friggono. Noi conosciamo gli involtini primavera in questa sola variante, più pesante, ma in Asia sono mangiati anche senza immergerli nell’olio.

Riso alla cantonese (Cina)

riso cantonese
Immancabile sulla tavola degli italiani al ristorante cinese, il riso alla cantonese non è così diffuso nella Terra di Mezzo. Anzi, è più o meno inesistente. Frittata a pezzettini, piselli, gamberetti, misto di verdure. Spesso il riso viene fritto.

DIM SUM (Cina)

dim sum
È un tipo di cucina cinese, composta da più pietanze, tutte relativamente leggere, da servire tradizionalmente insieme al tè.  Cha siu baau (fagottini di carne) ripieni di manzo, pollo, maiale, gamberi, verdure. Verdure al vapore. Carne arrosto. Zuppe di vario genere. Sappiatelo, il nuovo cinesofilo guarda con sospetto i piatti precedenti e si getta con piacere sul Dim Sum.

POLLO TANDOORI (India)

pollo tandoori
A base di pollo arrosto, yogurt e spezie, il pollo tandoori è una delle cotture che più esalta la carne. Questa viene prima marinata nello yogurt e condita con il tandoori masala.

SALSA TZATZIKI (Grecia)

tzatziki

Tipico antipasto greco, si tratta di una salsa fatta con yogurt, cetrioli, aglio, sale e olio d’oliva. Molto fresca, ma dalla difficile digeribilità.

PITA GYROS (Grecia)

pita gyros
Tipicamente a base di carne di maiale, la pita gyros è una sorta di kebab greco. Viene cotto allo spiedo e servito sulla pita, poi condito con salsa tzatziki, pomodori, patatine e cipolla.

MOUSSAKA

moussaka
Sorella della nostrana parmigiana di melanzane, moussaka è uno sformato di melanzane e carne tritata, cotto in forno e condito con besciamella gratinata.

PAD THAI (Thailandia)

pad thai
Il pad thai è forse il piatto tailandese a base di noodles più conosciuto. Racchiude tutti i sapori della Tailandia: spaghettini di riso saltati in padella, uova, tofu, polpa di tamarindo, salsa di pesce, gamberetti secchi, aglio o scalogno, peperoncino rosso e zucchero di palma, fette di limone e arachidi. Può contenere anche altre verdure come germogli di soia, erba cipollina, foglie di coriandolo, ravanelli sottaceto o rape.

CHURRASCO (Brasile)

churrasco
Grossi spiedi (di pollo, manzo, maiale, pecora) cotti alla brace con sale grosso, sono il piatto più conosciuto della cucina brasiliana. Il sapore affumicato è il vero segno distintivo.

DULCE DE LECHE (Argentina)

dulce de leche
Dessert a base di latte e zucchero, cotti fino a quando non diventano una crema. Il sapore del dulce de leche ricorda fortemente le caramelle Mou, solo più dolce e gustoso.

BURRITOS (Messico)

burritos

Più corretto, forse, definirla tex mex. Tortillas di farina farcita con carne di bovino, di pollo o di maiale, poi richiuse su loro stesse. Tutto qui.

CHILI CON CARNE (Messico)

chili con carne
Tipicamente texano, sta conoscendo dei momenti di gloria anche oltreoceano. La preparazione è rituale e consiste in carne macinata, pomodori, peperoncini molto piccanti, cipolle, origano, cumino e una grande varietà di spezie.

FAJITAS (Messico)

fajitas

Carne, peperone, cipolla, spezie. Pochi ingredienti essenziali, ma ben studiati: la carne deve essere preferibilmente fatta marinare, i peperoni e le cipolle devono essere tagliati a strisce piuttosto spesse e fatti soffriggere nell’olio.

SALSA GUACAMOLE (Messico)

guacamole
L’origine di questa salsa è messicana, ma con il tempo si è diffusa in tutto il Sudamerica (e in tutto il mondo). Pochi, semplici ingredienti che, se mixati in maniera magistrale, danno vita a uno dei condimenti più buoni: avocado, succo di lime, sale e pepe nero. C’è chi aggiunge poi il peperoncino o il pomodoro.

CEVICHE (Perù)

ceviche
Tipicamente peruviano, ma cucinato in molti Paesi dell’America Latina, è a base di pesce crudo marinato nel limone, insieme a diverse spezie.

SUSHI, SASHIMI, MAKI (Giappone)

sushi
È forse il cibo etnico più famoso al mondo ed è composto principalmente da riso e pesce. Poi ci sono anche le alghe, le verdure, le uova, le variazioni di pesce crudo o cotto, eccetera. Ma una cosa è certa: chiunque, almeno una volta nella vita, ha assaggiato un pezzo di sushi, sashimi, maki.

RAMEN (Giappone)

ramen
Le sue origini sono cinesi, ma il ramen è uno dei piatti tipici del Giappone. A base di tagliatelle cinesi di frumento, brodo di carne o di pesce, aggiunta di salsa di soia, carne di maiale, alghe secche, cipolla verde. Esploso in Europa, specie in Francia e Inghilterra un decennio fa, il ramen è uno dei piatti più “cool” del momento, in Italia.

CUSCUS (Maghreb)

cus cus
È un alimento tipico dei Paesi del Nordafrica (ma non dimentichiamoci della Sicilia): granelli di semola conditi con carne, pesce, verdure, salse di ogni tipo. Conosce decine e decine di varietà e può forse essere considerato uno degli alimenti più versatili al mondo.

FALAFEL E HUMMUS (Paesi Arabi)

falafel
Polpette a base di legumi (ceci soprattutto), sommacco, cipolla, aglio, cumino e coriandolo. Falafel e hummus sono largamente consumati nei Paesi Arabi come Palestina, Siria, Egitto, Giordania e sono nati per sostituire la carne quando vietata. Spesso si accompagnano con un altro alimento a base di legumi, tipico del mondo arabo: l’hummus, una salsa di pasta di ceci e pasta di semi di sesamo, aromatizzata con olio d’oliva, limone, paprica, semi di cumino e prezzemolo.

DONER KEBAB (Turchia)

Kebab
In turco, doner, significa rotante. Kebab, dall’arabo kabab, vuol dire invece carne arrostita. Secondo la versione più accreditata il kebab come lo conosciamo oggi, sapore gocciolante sotto forma di sfizioso take-away, nasce in Germania, a Berlino, nel quartiere multietnico di Kreuzberg. Dove un giovane turco, Mehmet Aygun, apre negli anni ’70 la prima kebabberia moderna. Ma In Turchia, cuocere la carne di montone marinata sulla brace sotto forma di spiedino (shis kebab, dall’arabo spiedo) è usanza che risale al Medio Evo. Poi, nel 1870, fu Iskender Efendi, un giovane di Bursa, città nel nord-Ovest della Turchia, a inventarsi la cottura verticale per consentire al grasso, sciogliendosi dall’alto verso il basso, di rendere lo spiedino più morbido e saporito.

[Crediti | Link: La Cucina Italiana, Wikipedia| Immagini: Luxirare. Flickr/SoniaPiyush BediVeronica OraziJanine CheungpelmelNavin75Duncan CallowAnish PalekarLaeti ImagesZoryana Ivchenkobour3Roger Ferrer IbáñezPim TechamuanvivitbeautyfakeCezar Mario RechSimmer Till DoneTexas RibseatdrinkmanJoshua BouselRobertmargueriteEsther MorenoJackie KroegerKibbes Fusion Restaurante…“Bella”]