di Carlotta Girola 4 Maggio 2015
Expo 2015, Padiglione giapponese, prezzi

Una suora forse scaramantica che chiude l’ombrello. Inizia così il mio primo giorno di Expo 2015, dopo una mezzora di coda al metal detector dell’ingresso e uno sguardo un po’ compassionevole sui No-Expo (quelli buoni che gridavano come pazzi ma tenevano le mani in tasca).

Però è difficile ricostruire una cronaca precisa del visto e percepito, e tanto poi l’avrete già letta da qualche altra parte.

Allora rifacciamo. Comincio dalla fine e cerco di ricostruire random il meglio e l’inevitabile peggio della giornata inaugurale di Expo 2015.

Expo 2015, suoraExpo 2015, no expo

Tornando a casa ho pensato che in fin dei conti non mi interessa se non ho ancora un pass stampa per Expo 2015, richiesto quasi un mese fa.

expo 2015, burger riceexpo 2015, padiglione giapponese, burger riceExpo 2015, padiglione russia

Farò il biglietto stagionale e ammortizzerò la spesa in diversi modi.

Ad esempio mettendo dei chili con cibo etnico che magari non mangerò mai più, ad esempio il burger rice del Padiglione Giappone (però che prezzi!) o l’intruglio futurista in quello della Russia.

Expo 2015, selfie, azerbaijanExpo 2015, selfie carabiniereExpo 2015, selfie

E poi ho anche pensato che tutta quell’energia che stava a Milano (che poi non sembra di stare a Milano) andava condivisa, e tanta e subito.

E vi assicuro che non ho mai visto tanta gente fare foto, farsi foto, farsi fare foto. Neanche in Piazza San Pietro a Roma.

Expo 2015, padiglione cinaExpo 2015, padiglione UruguayExpo 2015, padiglione belgioExpo 2015, padiglione Brasileexpo 2015, padiglione thailandiaexpo 2015, padiglione kuwait

Parliamo dei padiglioni, quelli che “forse non sono finiti”.

No, in realtà almeno da fuori sono finiti. E alcuni sono davvero belli.

expo 2015, padiglioneexpo 2015, padiglione omanexpo 2015, padiglione omanExpo 2015, padiglione omanexpo 2015, turkmenistan

Poi ci sono anche dei padiglioni definibili kitsch, i Paesi in questione mi perdoneranno, ma li farei almeno rientrare nella categoria “pare di stare a Gardaland”.

Expo 2015 lavori non finitiExpo 2015 lavori non finitiExpo 2015 lavori non finitiExpo 2015 lavori non finiti

Certo, chi aveva l’occhio lungo (e poi neanche tanto) ha visto anche le magagne.

Qualche cosa buttata lì, qualche lavoro in corso e qualche cumulo sospetto.

expo 2015, belle facce3Expo 2015, belle facceExpo 2015, belle facceExpo 2015, belle facce

Ma poi, su tutto, vincevano in sacco di belle facce. Ma tante, proprio.

Expo 2015, slow food

Mia madre, terrorizzata dal fatto che andassi ad Expo il primo giorno, mi ha mandato messaggi ogni mezzora per sapere se andava tutto bene, e per sincerarsi che non ci fossero cattivoni nei paraggi.

Ma glielo dicevo che ero al sicuro, che le aree “calde” erano presidiate.

E lo erano anche quelle “lente”, per dire la verità.

Anche quelle fast, ma i carabinieri lì preferivano ordinare hamburger.

Expo 2015, stand mcdonald'sExpo 2015, stand mcdonald'sExpo 2015, stand mcdonald's

E, a proposito di McDonald’s, se vi eravate chiesti “ma chi avrà il coraggio di andare a mangiare un hamburger di McDonald’s dentro Expo?”, la risposta è “in tanti”.

expo 2015, madonninaexpo 2015, padiglione vaticano

Insomma bello e brutto. Sacro…

expo 2015, stand algida

Chi c’era lo sa: è stata una giornata unica, perché era la prima, perché si sentiva davvero qualcosa di speciale, perché non me lo spiego ma è così.

Chi non c’era, invece, deve solo andare.

Non importa se “il primo mese non ci penso neanche”, prima o poi andateci.

[Crediti | Link: Dissapore, immagini: Carlotta Girola]

1