di Rossella Neri 27 Dicembre 2014
habanero

Sono abbuffate fameliche di complimenti, auguri, saluti e: come sono buoni i cappelletti quest’anno, stupendo il panettone, molto meglio di quello di tua suocera. Tutto già visto, tutto già sentito? Mettiamo un po’ di peperoncino. Anzi, mettiamone 10, i 10 peperoncini più piccanti del mondo, che è come dare il colpo finale a chi è lì lì per stramazzare.

Gli uomini che amano il cibo piccante sono pieni di testosterone: non è la boutade del presidente del consorzio della ‘Nduja calabrese, lo afferma uno studio dello scienziato venuto dal regno della cucina snob, il professor Laurent Bègue dell’Università di Grenoble (si chiama Some like it hot” – A qualcuno piace caldo, solo il titolo vale la lettura).

 

Lo studio si spinge a sostenere che l’amore per il peperoncino, nei maschi più virili, è la conseguenza della passione per il rischio, dimostrata dalla capsaicina, sostanza che si lega con il recettore del dolore e provoca bruciore, battito accelerato e sudorazione.

In Inghilterra, dove sospinto dalla massiccia immigrazione indiana il cibo piccante è ormai la regola, i quotidiani tipo il Telegraph usano lo studio per dileggiare i francesi, che lo snobbano abbastanza.

Da cosa dipende lo sfottò?

Pare che l’abuso di peperoncino aumenti le percentuali di testosterone negli uomini (ma per il momento è stato provato solo sui roditori).

Comunque, chi vuole portarsi avanti col lavoro può insaporire la propria dieta con uno di questi 10 peperoncini, i più piccanti del mondo secondo la scala ufficiale di Scoville (unità di misura è lo shu: Scoville heat units).

#10 Byadagi

peperoncini piccanti, byadagi

Coltivato dello stato indiano del Karnataka, da questo peperoncino si estrae un olio venduto negli stati uniti e in Europa come base per lo smalto per le unghie.

La sua forza relativa, 100.000 shu, lo ha reso una delle spezie base nella cucina dell’India del Sud.

#9 Bird’s eye

bird's eye

E’ il peperoncino della cucina thailandese, del Kerala, del Vietnam e dello Sri Lanka: arriva fino a 250.000 shu.

#8 Habanero

peperoncini piccanti, Habanero

L’Habanero con i suoi 350.000 shu è entrato a far parte del Guinness dei primati nel lontano 1999.

E’ spesso confuso con lo Scotch Bonnet con cui condivide il sapore e la carnosità, ma l’Habanero è rosso e famoso ai più.

#7 Scotch Bonnet

Peperoncini piccanti, scotch bonnet

Coltivato soprattutto nei Caraibi e in Guyana, ne esistono anche delle varietà dolci.

E’ molto diffuso, anche se non lo sappiamo, in Occidente.

#6 Habanero Orange

peperoncini piccanti, habanero orange

Arancione, messicano e sottovalutato.

L’Habanero Orange è stato per errore spodestato dalla varietà Red Savina, ma doveva essere lui a detenere il Guinness dei primati fino al 2006.

#5 Habanero Red Savina

habanero red savina

Il più piccante secondo il Guinness dei primati dal 1999 al 2006.

Misura circa 300.000 shu, ma il Chile Pepper Institute ha determinato che quello di attribuirgli una così alta percentuale di capsaicina è stato un errore di calcolo: l’Habanero Orange è più piccante, arriva infatti a 360.000 shu.

#4 Bhut Jokolia

peperoncini piccanti, bhut jokolia

Dal 2007 al 2011 è stato il peperoncino più piccante del mondo. E’ conosciuto anche con i simpatici nomignoli di “peperoncino velenoso” e di “peperoncino cobra”.

E’ comunemente usato negli spray anti aggressione, e qualche tempo fa si era pensato di trarne una bomba chimica. Misura poco più di 1 milione di shu.

#3 Naga Viper

naga viper

Per un breve periodo nel 2011 è stato anche lui il peperoncino più piccante del mondo (titolo che evidentemente non si nega a nessuno) con i suoi 1.400.000 shu.

E’ però una varietà ibrida, creata in Inghilterra, incapace di riprodursi da sola.

#2 Trinidad Moruga Scorpion

Peperoncini piccanti, trinidad moruga scorpion,

Il peperoncino terribile dei Caraibi che misura 2 milioni sulla scala di Scoville è dal 2011 il più piccante ufficialmente.

Oltre al più forte è anche il più grosso, e qui le battute sulla sua mascolinità si potrebbero sprecare.

#1 Carolina Reaper

Peperonccioni piccanti, carolina reaper

C’è sempre qualcuno più grande.

Avrà pensato questo il T scorpion quando dopo solo un anno di permanenza nel Guinness dei primati, nel 2013 è stato spodestato dal Carolina Reaper, un ibrido nato in South Carolina ad oggi il più piccante conosciuto con i suoi 2.200.000 shu. La sua caratteristica è avere la codina, come uno scorpione.

[Crediti | Link: Research Gate, Telegraph. Immagini: Focus, The hot pepper]

1