I supplì sono un’istituzione profondamente romana. Dove mangiarli?

I supplì di RomaEravamo pronti a liquidare l’articolo sui supplì (“lo street-food alla romana”) scritto da Maria Laura Rodotà sabato scorso sul Corriere con luogocomunismi quali “se di cibo possono parlare tutti che almeno non si addentrino nel ginepraio delle top-ten”. Pregiudizi. Ci siamo ricreduti.

L’idea che il supplì sia un’istituzione profondamente romana è vera, “a Roma è più facile comprare un supplì che un pacchetto di sigarette”. E indubbiamente, una caccia al perfetto supplì è un bel modo di girare la città.

Della top ten compilata dal Corriere diteci voi: vi sembrano questi i 10 migliori spacciatori di piacere romano? Sono proprio questi 10 luoghi che possiedono lo status amichevole e molto romano di tempio del supplì? E soprattutto, il supplì romano, rampollo della squisitezza passata alla storia come arancino sisicliano, “un tenero involucro di riso pastellato” contenente un ripieno di piselli e carne al sugo, è ROSSO o BIANCO?
Ecco la top ten del Corriere.

1 – Franchi, via Cola di Rienzo 200, tel. 06 68.74.651
2 – Volpetti, via Marmorata 47, tel. 06 57.42.352
3 – Frontoni, via.le Trastevere 52, tel. 06 58.12.436
4 – Panattoni, via.le Trastevere 53, tel. 06 58.00.09.19
5 – Mondi, via Flaminia vecchia 468, tel. 06 33.36.466
6 – Euclide, via Flaminia nuova km 8.2, tel. 06 33.39.027
7 – Al peperoncino, via Ostiense 369, tel. 06 54.10.192
8 – La casa del supplì, p.zza Re di Roma 20, tel. 06 70.49.14.09
9 – ‘Gusto, p.zza Augusto Imperatore 9, tel. 06 32.26.273
10 – Simposio di Costantini, p.zza Cavour 16, tel. 06 32.03.575

Immagine: Anice e Cannella.

Massimo Bernardi Massimo Bernardi

11 Gennaio 2010

commenti (63)

Accedi / Registrati e lascia un commento

    1. Buonissimi peraltro pure i supplì di pesce e gli arancini bianchi, oltre naturalmente ai filetti sublimi. Se qualcuno mi dice che costa troppo gli rido in faccia.

    2. Avatar jade ha detto:

      buongiorno Tommaso,
      da poco hanno aperto sotto casa mia, ma ero restìa causa atmosfera swedish-sussiegosa. provo?

    3. A Testaccio quindi? Io conosco solo la casa madre in corso Rinascimento, ma se tanto mi dà tanto dovrebbe essere eccellente anche la dépendance. Almeno spero. Se lo trovi, consiglio il baccalà mantecato, l’unico che piaccia anche alla mia fidanzata.

    4. Avatar jade ha detto:

      sì, ha aperto in piazza Testaccio, credo a Natale. non c’è gran folla per ora. ma sai com’è Testaccio verso il nuovo, specie se questo nuovo si mangia. niente baccalà, però sono vegetariana. però ci entro. e ti saprò dire.

  1. Avatar Arcangelo Dandini ha detto:

    Mancano Pizzarium e 00100, immancabili per capire anche la differenza tra le panature e non solo sui condimenti.

  2. Avatar Alessandro Bocchetti ha detto:

    La lista è buona, ma molto ancienne regime…

    Roscioli, bir e food, sforno, 00100, rosticcerí, Gatta Mangiona e se Arcangelo volesse… 😉
    il supplí romano è rigorosamente rosso e magari senza pane grattato come all’obitorio (panattoni)… Però in questi gg sono ghiotto di un supplí con riso ai frutti di mare che fa la Gatta Mangiona, Giancarlo dice che è tipico di Venezia, io non lo conoscevo ma è da urlo!
    Ciao A
    ciao A

  3. Avatar Antonio Scuteri ha detto:

    Ha ragione Alessandro: lista molto ancienne regime.
    Sono i tipici nomi che qualsiasi romano, anche non particolarmente buongustaio, è in grado di snocciolare senza fatica. Lo stesso tipo di romano che metterebbe in cima alla lista dei tiramisù quello di Pompi e in cima alla lista dei gelati Giolitti e San Crispino ecc ecc

    Manca tutto il nuovo e, in definitiva, anche tutto il meglio

    1. Avatar Andrea ha detto:

      D’accordo con te che manca il nuovo, d’accordo con te che mancano alcuni indirizzi cruciali (per i quali quoto Arcangelo); del resto però credo che la riflessione debba partire proprio dal nome del post, suppli=istituzione romana: in quanto tale il suppli quì inteso deve essere, a mio avviso, il suppli che ogni romano ha in mente quando lo si invita a mangiarne uno e cioè quello rosso con la mozzarella (carne o rigaje gentilmente incluse); così come avviene, ad esempio, per la carbonara dove esistono ottime versioni vegetariane o di pesce, ma la carbonara del romano è e resta quella con la pancetta (meglio se di Arcangelo – la carbonara, non la pancetta! 😉 ).
      Detto questo evviva la ricchezza e la varietà dei condimenti di Gabriele, della Gatta Mangiona o di Sforno ma il suppli-istituzione per me resta quello di Franchi… a prpoposito il mio gelato preferito non è nè di Giolitti nè di S. Crispino!

    2. Avatar jade ha detto:

      andrea ora vogliamo sapere qual e’.

    3. eheheheh! caro Antonio, e qual è secondo te il nuovo e il meglio? Fuori i nomi, grazie.
      🙂

      Se ce lo dici ci andiamo anche noi.
      😉

  4. Avatar Daniela ha detto:

    E cortesemente, si potrebbe sapere quali sarebbero il “nuovo” e “il meglio”?

  5. Avatar Alberto Rinaudo ha detto:

    Sicuramente mancano i supplì degli chef (Gabriele Bonci su tutti) ma credo che la scelta sia orientata verso il classico supplì romano, rosso e da rosticceria.
    Arcangelo farebbe dei supplì da urlo se fosse una rosticceria: per nostra fortuna non lo è, o meglio è altro.
    Il supplì nasce in rosticceria, e già mangiarlo seduti è un controsenso. La mozzarella deve filare mentre lo addenti per strada. Quindi, cassati anche i supplì enormi, che vanno di moda in qualche luogo. Come cassate anche le pseudo arancine (è femmina, eh?) fatte dall’omonimo luogo.
    Concordo su Franchi: nella sua classicità, rimane se non n° 1 quantomeno nella top 3!

    1. Avatar Arcangelo Dandini ha detto:

      :-)))) io e Gabriele ai bei tempi andavamo alla ricerca del suppli’ perfetto….Ci siamo fatti quadrati a forza di assaggi…

    2. Avatar alessandro bocchetti ha detto:

      ahhh, è così che sei divennato quadrato 😛
      ciao A

    3. Arcangelo fa i supplì da paura. E per non farti arrabbiare li ho mangiati sul triclinium (quasi, diciamo divano).

    4. Avatar lianto ha detto:

      arancina al femminile rappresenta l’etimologia palermitana quella catanese si declina rigorosamente al maschile

  6. Avatar Rizzo Fabiari ha detto:

    all’epoca del lavoro presso il Crostaceo Rubro (1911/1914) il preferito della redazione era indubitabilmente Frontoni, che proponeva supplì di livello definitivo (alcuni, dopo il primo boccone, si scioglievano in lacrime per la gioia e abbracciavano altri avventori in sala). Ma sono anni che non ho il polso – né il gomito – della situazione frontonesca.

    1. Avatar marco bol ha detto:

      Ma non erano quelli di Sisini (proprio a due passi da Frontoni) ma su via San Francesco a Ripa..?

      Io ricordo quelli. Definitely.

    2. Avatar Rizzo Fabiari ha detto:

      giusto: io mi pensava che quella parte fosse parte dell’istessa proprietà. Allora il testo suddetto va inteso come segue: “(…) il preferito della redazione era indubitabilmente Sisini, che proponeva supplì di livello definitivo (…)”.

    3. Avatar Andrea ha detto:

      Ecco, chi gira l’angolo di Frontoni e imbocca Via San Francesco a Ripa ed entra al numero 137 sa…

      Concordo su Franchi nella top 3. Anche quelli di Pizzarium meritano.
      Per citare una non rosticceria quelli de La Berninetta a via Pietro Cavallini sono spettacolari.

  7. Avatar Letico ha detto:

    Provate da Pecorino, a via Galvani. Anni fa erano ottimi quelli di Perilli…

    1. Sottoscrivo, come anche quelli di PIZZARIUM.
      Letico mi risveglia vecchi – felici – ricordi ….

  8. Forse Franchi merita un “premio alla carriera” perchè è un’istutuzione, ma la qualità è scesa notevolmente.
    Molto meglio birF&fud.

    1. Avatar Arcangelo Dandini ha detto:

      Grande delusione ultimamente da franchi.
      Pensare che e’ stato un riferimento per la panatura….

  9. La lista potrebbe essere stata scritta non del decennio, ma nel secolo scorso. Forse la Rodotà voleva ringiovanirsi? Che si fanno a fare ste graduatore se poi si è completamente inconsapevoli di dove è andata l’offerta gastronomica della città negli ultimi lustri? Più che altro si fa un danno a chi è nato da meno anni e che magari è moooooolto più bravo dei citati. Vabbe…
    E poi, scusatemi l’ignoranza, ma Mondi non è una gelateria…?