di Rossella Neri 21 Agosto 2014

Si fa presto a dire “i ristoranti sono tutti pieni”. Eppure c’è chi la crisi la prende poco alla leggera ed è costretto a prodigarsi in sconti al limite del fallimento. Ma non solo. La leva dello sconto a volte diventa il modo per piegare deboli coscienze a una moralità un po’ pelosa, o il gioco burlone del solito maschio sciovinista che non riesce a evitare di fare il piacione.

Per questo abbiamo fatto la classifica dei tre sconti più imbarazzanti dell’anno. Ma accettare lo sconto perché si è ringraziato dio per il pasto sarà morale? E incide più sulla socialità unirsi in preghiera o sequestrare i cellulari?

Ai posteri l’ardua sentenza.

#3 lo sconto sulla carne.

best butt

Come da copione, è stato accusato di machismo fuori luogo il cameriere piacione che ha fatto lo sconto alla ragazza con miglior fondo schiena.

La cosa peggiore per me è l’entità dello sconto: 2 centesimi. Ci sarebbe stato da offendersi a morte.

#2 Il sequesto del cellulare

bedivere Beirut

washington-strada-separata-per-chi-usa-i-telefoni

Bedivere Eatery & Tavern a Beirut lancia l’anno scorso la proposta choc: se quando entri al ristorante consegni alla cassa il cellulare ti fanno lo sconto del 10% su quello che consumi. In pochi gironi è diventato un caso su Reddit, un sito di social news molto popolare negli Stati Uniti.

Inevitabile pensare che la proposta non avrebbe avuto alcun seguito in città ben più plagiate e corrotte dalla moda del texting selvaggio.

Dall’altra parte del globo, a Washington, per tutta risposta hanno creato la corsia preferenziale per utenti di cellulare.

#1 Non si fanno sconti sulla moralità.

sconto per preghiera

Ma il primo posto della classifica se lo guadagna un ristorante Mary’s Gourmet Diner del North Carolina che offre il 15% di sconto a chi si ferma a ringraziare il divino per il pasto ricevuto. Non solo: la preghiera si può fare all’inizio, in mezzo o alla fine del pasto.

Il proprietario del ristorante, Mary Haglund, ha dichiarato a Fox News  che non si tratta di proselitismo religioso, ma di premiare quegli avventori che si prendono il tempo di gustare il cibo.

[foto crediti: christian post, elite daily, dagospia, buzzfeed]

1