Joe Bastianich lascia Masterchef Usa e Junior Masterchef Usa. Programma per la tv italiana con Buddy Valastro

Non parleremo di scoop per amor di sobrietà, ma sappiate che Tmz lo farebbe. Da una fonte anonima vicina a Joe Bastianich, abbiamo saputo che il protagonista di Giuseppino, biografia scritta insieme alla nostra Sara Porro, ha lasciato Masterchef Usa, il cooking reality originale condotto insieme a Gordon Ramsay e Graham Elliot, a cui sono ispirate le versioni internazionali compresa quella italiana. Prendendovi la briga di gugolare noterete che per ora nessun altro, neanche gli americani, ha dato la notizia.

Non vi basta? Okay, ecco altre esclusive. Bastianich ha deciso di lasciare anche Masterchef Junior, il talent show culinario che coinvolge bambini dagli 8 ai 13 anni, già visto anche in versione italiana. Per i precisini diciamo che la terza edizione di Masterchef Junior Usa sarà l’ultima con il trio Bastianich, Ramsay e Elliot.

State lì, ora arriva la parte più interessante.

Qual è secondo voi la causa di tutti questi abbandoni americani? Malgrado possieda una delle catene di ristorazioni più famose di New York, insieme al cuoco Mario Batali (i due sono soci anche di Eataly New York), Bastianich, come anticipato proprio da Giuseppino, ha deciso di passare più tempo in Italia, dov’è nata sua madre Lidia, emigrata poi a New York per aprire a 24 anni il primo ristorante, Buonavia, e nel 1981 il celeberrimo Felidia.

Del resto, da vero “Restaurant Man” (titolo di un suo libro per Rizzoli), Joseph detto Joe Bastianich ha aperto il suo locale anche da noi, Orsone, a Gagliano, Cividale del Friuli, poco distante dalla tenuta vinicola di famiglia. Lo sapete perché ve lo abbiamo raccontato tante volte

Ma nel futuro tricolore di Bastianich c’è soprattutto altra tv. Insieme a Buddy Valastro, il popolare Boss delle torte, che nella versione italiana del reality show prepara torte scenografiche nella Pasticceria Da Carlo, sta studiando un nuovo programma di cucina che contrappone Nord e Sud sulla falsariga della serie cinematografica Benvenuti al Sud, Benvenuti al Nord.

Sembra insomma che i fan italiani di Joe Bastianich (e chi non lo è) abbiamo diverse cose da commentare stasera durante l’aperitivo. Sempre che il loro idolo non passi di qui per smentirle.

Prisca Sacchetti

26 novembre 2014

commenti (22)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Gillo ha detto:

    “i fan italiani di Joe Bastianich (e chi non lo è)”

    Anche perché rischierebbe di passare per un bugiardo se affermasse di non essere
    un fan.
    Il fatto di aver lasciato Masterchef Junior piacerà a Cracco preoccupato della formazione dei bambini (v. intervista al Corriere).
    Insomma, l’America si libera di Giuseppino e l’Italia s’ingrandisce con un ennesimo eroe di cartone.

    Mentre in Italia il 60% degli italiani non va più a votare(ultime regionali),
    superando gli USA.
    Ci rifaremo con Buddy Valastro.

    1. Rasputin ha detto:

      Ci vuol coraggio, ora come ora, a votare o a guardare la tv in Italia; eppoi perché star a guardare dei nani che cucinano? O un americano che fa il pasticciere?

    2. Sandri_Bani ha detto:

      e c’è ancora chi si stupisce quando dico che non possiedo il televisore…

    3. Mickey ha detto:

      Beh, certo. Tutti sappiamo che il televisore serve esclusivamente a guardare generaliste o pay tv italiane.

    4. Sandri_Bani ha detto:

      io non volevo dire questo…
      anche volendo cercare film o programmi interessanti, sinceramente non ne trovo.
      forse qualcosa su Rai5, ma da anni non vedo in qualsiasi palinsesto (ovviamente non parlo di sky e simili) un film di Fellini, Visconti o Rossellini. e cito tre nomi a caso.
      ecco perchè da una decina d’anni non possiedo il televisore.

    5. Gillo ha detto:

      Apprezzo la tua scelta.Io la vedo poco.
      Riprendo il discorso di Mickey, che saluto con simpatia, per segnalare i pochi programmi in italiano che seguo molto più di tutto il resto:
      1 Rai5 che hai segnalato Rai Storia e la EFFE, RAI 4.
      La EFFE vi invito a provarla: Racconti delle città di mare è la mia preferita(c’è sempre una parte dedicata al cibo)
      Ed è proprio sulla EFFE che seguo volentieri l’unico programma sul cibo condotta da un “americano” Anthony Bourdain: No Reservations.
      A differenza di Racconti….mare è il cibo ed i locali tipici ad essere i protagonisti delle città che visita ma sempre calandolo nella realtà del posto.
      La trasmissione è ben fatta, seria, non mistificante la realtà e condotta con uno stile simpatico e sobrio.
      Ho voluto dilungarmi per spiegare meglio la mia posizione nei confronti di altre trasmissioni.E,sempre in questo senso, condivido Robimaio delle 10.05

      Ciao

    6. Sandri_Bani ha detto:

      grazie Gillo del consiglio!
      in realtà non sapevo che la Effe fosse anche un canale tv, pensavo si potesse vedere solo con internet…
      se posso permettermi, ti invio un caro saluto perchè sei una delle colonne portanti di questo sito e ti leggo sempre con piacere!

    7. Nome ha detto:

      Io non perderei neppure TV2000. Tutti i giorni trasmette due episodi di Derrick (qualcuno addirittura inedito)

    8. razmataz ha detto:

      io quando sento dire non ho il televisore da aaaaaaaaanni, perchè la televisione fa schifo sento sempre prudermi le mani, quindi ringrazio il solito gentiluomo gillo che ha risposto con la sua solita cortesia molto meglio di quanto farò io (nb: i miei due migliori amici non hanno la televisione e mi arrabbio anche con loro).

      gillo ha citato la effe. io ho registrato su mysky tutta la serie dei racconti dalle città di mare (gillo: fratello !). programmano inoltre sempre dei bellissimi film o comunque non banali. ma comunque basta fare selezione e cose interessanti si trovano senza ridursi a vedere io e le mie ossessioni o robe del genere.

      io mi chiedo cosa faccia la gente la sera. ma avete sempre voglia di leggervi il sempre troppo citato ‘buon libro’ ? ma ogni tanto spegnere il cervello no ? (e lo dice una che legge un libro alla settimana minimo eh). non so voi, io alla sera arrivo brasata, sarà che ho anche una certa età e ogni tanto ho bisogno di leggerezza, anche della signora in giallo, per dire.

    9. Gillo ha detto:

      Vabbè, non vedere la TV non significa non scaricarsi da Mirc ad esempio:
      Le vite degli altri
      Un treno per Lisbona
      Miracolo a Le Havre
      L’uomo senza passato
      La parte degli angeli(guardatelo)
      Accattone
      Il cielo sopra Berlino
      Sono alcuni dei grandi film che ho visto ultimamente.
      Poi c’è la Musica che distrae e rinfresca lo spirito.
      Poi condivido con te il piacere della lettura che nel mio caso significa saggistica.
      Insomma chi non vede la TV ha anche altre possibilità di intrattenimento.Sono diventato molto selettivo sulla TV, per fortuna c’è qualcosa di buono.
      Quando guardo Racconti … mare sulla EFFE penso a Rossella Neiadin perché la conduttrice è un’ottima fotografa.
      Un caro saluto, Razmataz.
      nt

    10. Sandri_Bani ha detto:

      su dai ragazzi facciamoci passare il prurito alle mani, al mondo c’è posto per tutti, anche per chi non ha il televisore no?
      e di leggerezza ne ho bisogno anch’io, non preoccupatevi, non ho sempre il cervello acceso, anzi…
      la sera di solito faccio questo in proporzioni variabili: cucinare, chiacchierare con mio marito, giocare con mio figlio di un anno, leggere quando mi va una rivista/libro/o qualsiasi altra cosa (anche Dissapore e scriverci pure qualcosa…), terminare le faccende domestiche rimaste in sospeso, mettere a letto mio figlio di un anno, magari vedere un pezzo di film in dvd prima di cascare addormentata, dormire.
      ecco, questo è quanto. la leggerezza secondo me si può trovare anche senza tv in casa e con questo non disprezzo certo chi ce l’ha o chi la guarda (anch’io ci sono cresciuta davanti alla televisione!), ma in questa fase della vita semplicemente non è tra i miei interessi.

    11. dolce euchessina ha detto:

      Favorisce anche la diuresi e aiuta l’evacuazione, con i programmi giusti.

    12. robimaio ha detto:

      su bastianich non dico nulla altrimenti mi ritrovo qualche picciotto sotto casa 😀

    13. gastro_picciotto ha detto:

      ti facciamo trovare una testa di cavallo cotta a bassa temperatura e successivamente glassata sul letto

  2. robimaio ha detto:

    scusate ma juniorpirlachef non è sfruttamento di minori??? solo perché firmano i genitori babbei non vuol dire che non lo sia. Qualcuno dovrebbe denunciarli!! Ci indigniamo se bambini in pakistan india ecc…lavorano per marchi famosi e non cercando di guadagnare una miseria per aiutare le loro famiglie povere(giustamente ma poi bisogna intervenire al posto loro) e non proibiamo questa indecenza dei bambini in tv?mala tempora currunt!

  3. Colon Irritato ha detto:

    ma gli americani non ci avevano già colonizzati nel secondo dopoguerra? ah ma sono italo americani e questi si che ne sanno di cucina tricolore: spaghetti e polpette, fettuccine Alfredo, pizza col pollo…

  4. Enzo ha detto:

    I bambini devo andare in televisione solo allo Zecchino d’Oro.

  5. fontici ha detto:

    giustissimo Enzo i bambini devono fare i bambini poi alla maggiore eta’
    decideranno loro

  6. mafi ha detto:

    sembra insomma che i fan italiani di Joe Bastianich (e chi non lo è)

    Io.

    1. Paolo ha detto:

      Ma soprattutto: Bastianich CHI?

«