Pizza, giappone

Nella mia umile e limitata esperienza di fondatrice e curatrice di un blog in cui si recensiscono prodotti del discount, ho scoperto una cosa. Chiamatela folgorazione, illuminazione, rivelazione… ciò che conta è che nel momento dell’epifania, io mi sono sentita come Santa Teresa nel pieno di quell’estasi mistico-erotica sapientemente scolpita dal Bernini.

Questa piccola rubrichetta si chiama “Io sto con Murray” e per saperne la ragione – se non l’avete ancora fatto – vi tocca rileggere il primo post con cui ho esordito, qui, su Dissapore.

Quale sarebbe questa verità? Vi chiederete voi ed io ora lo spiego: la sublime arte di legittimare e dare dignità agli ultimi (prodotti del discount, tarocchi, industriali e bruttini per esempio), può essere applicata a qualsiasi ambito della nostra vita. Quando dico “Io sto con Murray”, riferendomi al personaggio di Don DeLillo in “Rumore Bianco”, io sto gridando a gran voce: «Io sto con gli ultimi. Io sto dalla parte dei pariah, dei negletti, degli innominabili…»

Ecco allora, che la mia missione (e la mia predisposizione al martirio) mi porta ora a cercare di raccontarvi, nel modo più dignitoso possibile e con il massimo rispetto del caso, qualcosa che farà rabbrividire i più e cioè…

LA PIZZA. LOW-COST… IN GIAPPONE!

La pizza in Giappone ha un nome e un cognome. Quel nome è Salvatore e quel cognome è Cuomo; Salvatore Cuomo: pioniere della pizza nella terra del Sol Levante, ha ormai costruito un impero di ristoranti e bar sparsi qua e là tra Tokyo e Osaka.

La vera pizza napoletana con i migliori ingredienti, in un ambiente famigliare e confortevole, che però io non ho mai sperimentato. Perché? Perché per una margherita “da Salvatore” bisogna preventivare di lasciarci giù circa quindici euro per una pizza grande come un 45 giri di vinile. E poi lo ammetto, sarebbe stato tutto troppo facile cominciare dal migliore.

Invece io, masochista della forchetta in terra straniera, ho deciso di stare dalla parte degli appestati e degli ultimi. Come quella volta in quell’izkaya coreano (un pub in cui si fanno le ordinazioni attraverso futuribili touch-screen installati sui tavoli)… ancora rammento quell’oscena cosa – impossibile definirla pizza – che popola tuttora i miei incubi: Pasta fillo (giuro), una sgommatina di pomodoro, una sforforata di simil-parmigiano e pesto. Sì, pesto! A voler sopperire alla mancanza di basilico fresco. Il tutto rigorosamente carbonizzato. Costo: 3-4 € / Voto: zero assoluto.

O la piccola e kawaii Cheese Pizza, acquistata per meno di 1,50 € in un “combini” (convenience store aperti 24 h su 24). Tenera nella sua rotondità e con quel vezzo, come lentiggini, di cubetti di pomodoro fresco al centro. Meglio addirittura, della più o meno italica Speedy Pizza – ve lo garantisco – con cui abbiamo rovinato orde di tosta-pane nella nostra giovinezza.

pizza in giapponeMa tornando a ciò che può essere definito “pizza” in Giappone, l’annosa questione delle dimensioni (della pizza, dei letti e delle stanze d’albergo) è qualcosa che ha caratterizzato buon parte dei miei viaggi nipponici.

Con lo stomaco che brontola ed un atavico bisogno di carboidrati-pomodoro-mozzarella, il mio compagno di viaggio ed io, abbiamo sostato minuti interminabili davanti alle vetrine luminose dei ristoranti che ospitano le repliche dei piatti serviti. Si chiamano replica food, sono fatti di cera e servono, per l’appunto, per dare una dimostrazione dell’offerta culinaria.

Nei posti filo-italiani che vendono la “vera” pizza napoletana per esempio, sotto la replica viene sempre riportato il diametro della pizza che raramente supera i 25 centimetri. Una rara eccezione: ad Osaka, nel quartiere Umeda, nel ristorante semi-italiano “La Boheme”, abbiamo trovato una margherita di ampiezza dignitosa, ma di spessore criticabile. Costo: 8-9 € (acqua e coperto inclusi) / Voto: 7 + un plauso per il sottofondo musicale di beat italiano degli anni Settanta.

Abbiamo parlato della più grossa ed ora parliamo della più piccola. Siamo sempre ad Osaka nella centralissima Namba. Tra un pachinko rumorosissimo, un negozio di gashapon ed un internet café ecco un locale che vanta pizza e italian soda nel menu. La pizzetta (è il caso di dirlo) è più piccola della mia mano e costa intorno ai tre-quattro euro. Non è male. E la rotella con cui mi è stata servita fa quasi tenerezza.

In Giappone ogni pizza, anche la più piccola, viene servita con tanto di rotella taglia-pizza sortendo, alle volte, un effetto involontariamente comico. Costo: 3-4 € / Voto: 5 (non raggiunge la sufficienza a causa della modestissima dimensione).

Oltre alla rotelle e alle piccole dimensioni, ho scoperto che le pizze giapponesi sono spesso accompagnate da una generosa manciata di mais. Come è possibile vedere in quasi ogni pizzetta confezionata in rivendita nei combini e, addirittura, nell’abominio generato e non creato dal dio della cucina fusion: un buozi (paninetto cotto al vapore cinese) con ripieno di pizza (italiana) e mais!

Altra catena, altra pizza. Con la carta di credito bloccata, gli ultimi giorni del mio secondo viaggio in Giappone sono stati caratterizzati da un’ossessiva oculatezza nella spesa ed una religiosa austerità nei consumi. Decidiamo però di destinare ben tredici euro per assaggiare una pizza (suggerita dagli internauti) ad Asakusa, piccolo e tradizionale quartiere di Tokyo, famoso per il grosso tempio Senso-Ji e per la presenza di membri della Yakuza che ho scoperto adorano terrorizzare gli stolti gaijin (stranieri) come me e il mio moroso, schernendoli per i loro tatuaggi.

Ignorati gli sberleffi degli Yakuza, ci rintaniamo nel ristorante-pizzeria “Miami Garden” e prendiamo una margherita. Microscopica – non aveva ancora imparato al leggere i centimetri effettivi – con quattro grosse foglie di basilico arpionate su quella che dovrebbe essere mozzarella e sugo. Sugo con tanto di soffritto! Costo: circa 13 € / Voto: 4 (a causa del costo eccessivo, della dimensione ridotta e dell’arroganza del sugo sulla pizza).

Terzo viaggio in Giappone. Rinunciamo a questo folle gioco al massacro di trovare una pizza buona ed economica. Vaghiamo per Osaka in cerca di cibo e, come Isacco un momento prima di essere sacrificati, ecco che la mano del padre si ferma e ci grazia… scopriamo Saizeryia! Catena filo-italiana presente in quasi ogni quartiere di Tokyo ed Osaka. Prezzi contenutissimi per piatti decenti e bevande gratis.

Assaggiamo la pizza (ma dai?) ed è buona! Piccola, ma molto molto saporita. Anche questa servita con tanto di rotella in differenti versioni: margherita, acciughe, funghi e calamari. Ed è pure aperto 20 h su 24. Costo: 2,5 – 4 € / Voto: 7 + un plauso per i Ricchi & Poveri, Mario Merola e Domenico Modugno mandati in loop persino al cesso.

Pizza in giapponeMa è a Koenji che ritrovo la fede in definitiva.

Ad una manciata di fermate della metro dalla centralissima Shinjuku ecco, che nel posto più umile e modesto (come una mangiatoia a Betlemme), mangio la miglior pizza low-cost di tutto il Giappone.

Il posto si chiama “SEMPRE PIZZA – Da Giovanni” ed è un non-luogo senza pareti, in cui i tavoli sono fatti di pannelli di compensato grezzo, i piatti sono usa&getta e le bevande vanno prese direttamente da un distributore automatico. Un verso del “Don Giovanni” di Mozart decora una parete. Non vengono fornite ne’ rotelle, ne’ posate. Venticinque centimetri di diametro, per un’ottima pizza cotta nel forno a legna, capace di far convertire persino gli agnostici e gli atei più razionali. Ottima salsa di pomodoro, (presumo) mozzarella, olio di oliva extra-vergine e basilico.

Tutto perfetto. Tutto buono, come il mondo stesso dovrebbe essere. Semplice e buonissimo. Costo: 2,5 – 4 € / Voto: 9.

[Crediti | Link: Discount or Die, Dissapore. Immagini: Valeria Brignani]

commenti (13)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Pizza? in Giappone?? Con tutte le cose assurde che si possono assaggiare??? Vabbè, la prima sera appena arrivato il mio gentile collega mi chiese di raggiungerlo in un ristorante.. italiano. Rinunciai al cibo (anche perchè dopo 17 ore di volo ero un pò stanco) e si prese una coppa con tiramisu e pezzi di Yokan (per i non pratici è una specie di pasta dolce fatta con fagioli azuki, uno dei tipici dolci jap). Hip hip hurrà per l’ Italia spaghetti mandolino mamma!!

  2. Avatar Apest ha detto:

    Seeh scolta… vai in giappone e mangi la pizza???
    Bah…
    Grazie comunque per la recensione… d’altronde qualcuno si sara’ dovuto sacrificare… 😉

  3. Assaggiare la pizza a tutti i costi è uno dei miei fetish irrinunciabili quando vado all’estero…è pur sempre un’esperienza curiosa da fare, imho! In Giappone (a Tokyo, nel turistico quartiere di Harajuku) mangiai una pizza abbastanza decente per gli standard italiani: ok, l’impasto era un po’ biscottoso, però era bella grande, e anche il condimento era stato preparato correttamente.

  4. Avatar Stefano F. ha detto:

    Io in Giappone ci sono stato tante volte, per lavoro, e mi è capitato di mangiare anche la pizza, abbastanza “diludente”. Ho sempre cercato anche di evitare i ristoranti italiani, se non costretto da esigenze di rappresentanza (negli anni ’90 a Ginza si potevano spendere anche 700 mila lire da Pinchiorri). Ma il cibo giapponese ha talmente tante varietà, anche a prezzi molto vantaggiosi, che non c’è che l’imbarazzo della scelta. Per saziarsi con buon gusto e poca spesa l’ideale e l’okonomiaki, tipica specialità più diffusa ad Osaka, che è appunto detta “la pizza giapponese”

  5. Valeria, amo la pizza ed il tuo racconto è stato come una traversata nel deserto. . .ma poi alla fine arriva l’oasi. . .Giovanni . Quanti Giovanni fanno le pizze al mondo?Tanti, ma questo di Tokio è davvero bravo:osservate la leopardatura ,ottima, addirittura migliore di alcune pizze del 1 Campionato.
    Generalmente tolgo le immagini,ma per vedere le pizze le ho dovuto inserire.
    Sei giovanissima,sei simpatica ,sai scrivere e la Yakuza si sarebbe dovuta inchinare al tuo passaggio.E continua a scrivere per noi.

  6. Avatar myla ha detto:

    Non ho creduto finche non ho visto coi miei occhi… sta roba bruciata col piscio verde sopra. Bleah.