Avatar

Valeria Brignani

ultimi post


Fare il seitan a mano: c’erano una drag queen, un metallaro, uno zombie e un italiano…

Questo post potrebbe iniziare come quelle vecchie barzellette dal respiro europeo con il francese, l’inglese, il tedesco e l’italiano, in cui quest’ultimo se la cava sempre e si distingue in quanto a furbizia, creatività e tendenza a rubacchiare e/o mentire. Perché fondamentalmente siamo un popolo con la capacità a prendersi poco sul serio e abbiamo ...

0 commenti

Di pasta madre ce n’è più d’una: come sono diventata una spacciatrice

È sabato notte e piove da circa un millennio. Sono in uno spazio occupato nella Brianza e appena fuori dall’area destinata al pogo selvaggio, mi accingo a sentire un gruppo che suona. Ho la mia birra in mano e sì, mi sto divertendo anche se ho preso tanta di quell’acqua da sentirmi le ossa umide ...

0 commenti

Non si tratta di essere snob. Personalissimo anatema contro i ristoranti All you can eat

Mi verrebbe voglia di prendermi a schiaffi da sola per ciò che sto facendo e cioè accostare una meravigliosa pagina di letteratura italiana (tratta da “La Storia” di Elsa Morante), a quello che sto per scrivere, ovvero il mio personalissimo anatema contro un’espressione e un fenomeno sociale specifico: ALL YOU CAN EAT. Sono quei ristoranti ...

0 commenti

Giovane, predisposta al martirio, si avventura nella pizza low cost giapponese

Nella mia umile e limitata esperienza di fondatrice e curatrice di un blog in cui si recensiscono prodotti del discount, ho scoperto una cosa. Chiamatela folgorazione, illuminazione, rivelazione… ciò che conta è che nel momento dell’epifania, io mi sono sentita come Santa Teresa nel pieno di quell’estasi mistico-erotica sapientemente scolpita dal Bernini. Questa piccola rubrichetta ...

0 commenti

Il tofu che toglie i peccati del mondo: cibo santo e cibo del demonio

La dolce Geum-ja ha scontato tredici anni di carcere per aver confessato il rapimento e l’omicidio di un bambino. Durante la detenzione ha aiutato i deboli, ha assistito il prete del carcere, ha punito i violenti e soccorso i malati. Tanto bella e buona da ricordare la Madonna, diventa difficile comprendere come abbia potuto commettere ...

0 commenti

Chi è più punk? Viaggio icono-gastronomico nella pastasciutta al pomodoro

“La via per Berlino” è un racconto di Silvia Ballestra del 1991, che solo un anno più tardi è diventato un romanzo dal titolo “La guerra degli Antò”, da cui poi è stato tratto l’omonimo film del 1999 per la regia di Riccardo Milani. «Verso le diciannove di ogni sera, il nostro Antò finiva di ...

0 commenti

La verità è dura da digerire: ma tutti dobbiamo mangiare la nostra dose di…

Valeria Brignani è la brillante ideatrice del sito Discount or Die. Cosa hanno in comune Pier Paolo Pasolini e Bruce Willis? Tralasciando l’evidenza dell’essere appartenenti alla medesima specie e al medesimo genere (uomo – maschio), sono stati entrambi apostoli di una verità alquanto indigesta e cioè che noi tutti mangiamo merda. In senso lato e ...

0 commenti

E’ la nuova austerità: il giallo epatite dei prodotti a marchio come riforma di noi stessi

Dopo lungo e tenace corteggiamento inizia la collaborazione tra Valeria Brignani, brillante ideatrice del sito Discount or Die e Dissapore. Se il cibo è Pop? Food as an Icon? Il cibo, icona pop, nella cultura contemporanea? Food Icon? Il cibo come icona popolar-culturale? Il cibo come icona nella cultura pop? Il packaging da DDR dei ...

0 commenti