BAKE OFF liveblog

Ore 20:43 | Stasera comincia un programma chiamato Bake Off. Potete non esservene accorti solo nel caso in cui abbiate subito una commozione cerebrale. Nelle ultime settimane l’ufficio stampa Discovery, evidentemente reclutato tra i Navy Seals, ci ha letteralmente attaccati con hashtag #bakeoffitalia, promo, anteprime e iniziative varie ed eventuali.

Ore 20:44 | Tipo questa.

unnamed

Ore 20:45 | Non preoccupatevi, saprete presto che cos’è. 

Ore 20:46 | Il risultato di questo fuoco incrociato è che ormai chiunque possiede alcune nozioni base su Bake Off. Per esempio, la location è Villa Arconati, alle porte di Milano. L’arredamento è shabby chic (così scrive ogni foodblogger che si rispetti, almeno). I giudici sono il pasticcere Ernst Knam, meglio noto come il re del cioccolato, e Clelia D’Onofrio, ex direttrice del Cucchiaio D’Argento, mentre la presentatrice è Benedetta Parodi. Degli aspiranti pasticceri, invece, si sa solo quello che c’è scritto sul sito.

IMG_0870IMG_0882

Ore 20:49 | “Carina, sveglia, parla tantissimo”
“Dice di essere determinato e competitivo, ma risulta simpaticamente svogliato e decisamente un buono”.
“È insicuro e anche un po’ imbranato. È legatissimo alla sorella”.

Quali di queste frasi sono tratte dalle biografie dei concorrenti, e quali dal tema di un ragazzino di seconda media dal titolo “Mi presento ai miei compagni”?

Ore 20:51 | La risposta giusta è …

Ore 20:52 | Fanno tutte parte delle biografie dei concorrenti.

Ore 20:58 | Insomma, la suspence è altissima. E Benedetta Parodi, dal suo account Twitter, contribuisce a farla crescere.

Schermata 2013-11-29 alle 16

Ore 21:01 | Un solo twit, e già due errori – l’hashtag ufficiale è #bakeoffitalia, quanto a sta sera … beh, non c’è bisogno che vi dica la scrittura corretta. Provo un improvviso e inaspettato moto di simpatia nei suoi confronti. Prometto che non scriverò  “frolla surgelata” e “Mars fritti” per tutta la puntata.

Ore 21:11 | Musichetta. Prati verdi. Benvenuti a Bake Off Italia!

Ore 21:12 | Ernst Knam è già entrato nella parte del poliziotto cattivo. “La perfezione in Germania è un must”.

Ore 21:15 | “La pasticceria, ovvero i dolci, sono il sale della vita. Quindi dosateli bene”. Voglio già adottare Clelia D’Onofrio come nonna putativa.

Ore 21: 17 | La sfida creativa di oggi è … pane e marmellata. C’è perplessità in me, e anche nei concorrenti. Tre ore di tempo per preparare due pani (da impastare a mano) e due marmellate. Ernst Knam dice che la scelta fondamentale è quella di lieviti e farina. Clelia D’Onofrio  che il pane non è più quello di una volta. La voce fuori campo che è “l’alimento per eccellenza”.

Ore 21:18 | Su, ditemi qualcosa che non so. Tipo chi sono i concorrenti, che manco i nomi mi scrivete.

Ore 21:21 | Emanuele ha appena dato del teutonico a Knam, e afferma di avere “due o tre neuroni più degli altri”. Inoltre, lui vincerà perché è “totalmente perfetto”. #sapevatelo

Ore 21:22 | Ma Knam l’ha già messo in difficoltà con domande su lievito di birra, farina forte e Klutine. Fallo nero, Ernst, FALLO NERO!

Ore 21:25 | Questa luce pastello mi ha già stancato. A voi no? (sì, era una scusa per sapere se qualcuno mi sta leggendo). Siete in ascolto? Anche a voi è già venuto il calo glicemico?

Ore 21:29 | Ecco, l’aspirante fotografo “alla ricerca di me stesso” ci mancava proprio. Punto 10 a 1 sulla sua eliminazione alla prima puntata.

Ore 21:32 | C’è qualcosa nel modo in cui Knam guarda la marmellata che mi inquieta profondamente. Solo a me viene in mente questa scena?

Ore 21:39 | Inizia la prova d’assaggio, e i complimenti dei giudici si sprecano. “Bello”, “straordinario”, “tutti bravi”. Ma il sangue dov’è? Mi rifugio su Twitter in cerca di twit malevoli, ma trovo solo gente affamata che si sta preparando pane e marmellata. Mi rassegno all’idea di prendere un chilo e mezzo a liveblog.

Ore 21:42 | Prova tecnica : la Sacher Torte. Per essere il duecentomillesimo cooking talent degli ultimi anni, una novità c’è: la sfida avverrà alla cieca. Se non fossi troppo occupata a cercare merendine al cioccolato nella dispensa, direi di essere sinceramente curiosa.

Ore 21:43 | Clelia D’Onofrio assaggia la Sacher Torte di Knam. MA ALLORA DITELO CHE È UNA CONGIURA AI DANNI DEL MIO GIROVITA.

Ore 21:45 | Benedetta Parodi, intanto, offre il suo imprescindibile aiuto in attività come aprire il barattolo del burro spray. Sapevo che si sarebbe resa utile, in qualche modo.

Ore 21:47 | La sciura-che-non-vuole-essere-sciura, Elena, combina un disastro dietro l’altro, dalle dosi alle glassature. Rovescia pure la sua Sacher per terra. #nonèunacucinapersciure

Ore 21:51 | Le Sacher dei concorrenti vengono sistemate sul tavolo. L’aspetto è, come dire … ?

Ore 21:51 | Ok, non lo dico.

Ore 21:52 | Roberto aveva toppato con il pane e marmellata, e ora la sua Sacher assomiglia a un frisbee glassato. C’è aria di eliminazione (non è uno spoiler, giuro – se sapessi davvero chi viene eliminato mi farei pagare per non dirlo. IN TORTE).

Ore 21:54 |@MargoSchachter #ilConfrontoPD e #BakeOffItalia : sempre dilettanti allo sbaraglio
@MargoSchachter A quanto pare, Renzi ha fatto cadere la torta e Cuperlo ha sbagliato la glassatura. #bakeoffitalia #primariePD

Ore 21:56 | Sacher Torte peggiori: quelle della sciura Elena e di Roberto. Vincitrice della prova tecnica è Madalina, la bionda di origini rumene. Brava, e pure gnocca: non c’è giustizia al mondo, figurati in una bakery shabby chic.

Ore 21:56 | Momento dell’eliminazione. Le musichettine leziose, i fiori e i colori pastello non contribuiscono propriamente a creare un clima di tensione.

Ore 22:00 | La migliore di oggi è Lucia. Ad essere eliminato, invece, è Roberto. La sciura Elena piange disperata, dicendo che si meritava l’eliminazione perché “la mia Sacher era talmente brutta”. Ammirevole fair play.

Ore 22:02 | Bilancio di questa prima puntata di Bake Off: mi ha portato a fare cose che non credevo di poter fare. Tipo uscire in pigiama per cercare qualcosa di dolce (che non sia lo yogurt Muller alla stracciatella nel mio frigo). O trovarmi d’accordo con Costantino Della Gherardesca. Che dal suo account twitta: “Non ci sono commenti sarcastici da fare: #BakeOffItalia è un programma televisivo esemplare. Visione obbligatoria per chi lavora in TV”. Ok, magari il tono entusiasta è un filo sopra le righe, ma lo ammetto: a me Bake Off è piaciuto.

Al prossimo venerdì.

commenti (26)

Accedi / Registrati e lascia un commento

    1. Avatar Giorgia Cannarella ha detto:

      Io avevo capito “Dolci da forno”. Andiamo bene.

  1. Una cosa da coma glicemico: è tutto in delicati colori pastello, dalle decorazioni floreali ai coltelli da cucina…sembra la casetta delle Barbie. E Knam che taglia la Sacher con un coltello lillà ha quel nonsodichè di Ken…mah!

  2. Avatar Rosi ha detto:

    io lo sciabbiscic lo odio lo odio lo odio, a morte i il verde acqua e il bianco – ora distruggo le mie alzatine e dipingo il gatto di rosso, per rappresaglia.
    Peccato per la verve da comunione, ora me lo riguardo, dai (Real Time, lo vedremo 6 volte SOLO IN QUESTO WE)

  3. Sarò possibilista…penso che lo guarderò, ma senza troppe speranze in qualcosa di televisivamente appagante.
    Al prossimo venerdì…

  4. Avatar Luca ha detto:

    Bah,insomma un bakeoff italia senza infamia e senza lode; la glassatura perfetta del marketing in questi giorni non corrisponde ad una sostanza che per ora sembra un po gommosa.

    p.s : voglio sperare in una avances dell’umilissimo Emanuele verso Ernst entro la fine della stagione! starebbero proprio bene insieme

  5. Avatar Daniele ha detto:

    Come dissi già per The Chef fare le puntate di un ora per questo tipo di programmi è assurdo, non si vede mai cucinare in pratica! Peccato perché il format è bello e Knam è l’uomo giusto al posto giusto

  6. Avatar mafi ha detto:

    Ah ah ma allora non sono l’unica. A una certa non ne potevo più, per fortuna ravanando nei meandri del frigo ho trovato una kinder délice, non so manco di quando era ma vabbè, non stiamo a guardà il capello.
    Prima prova spiazzante (non me l’aspettavo, bella!), Knam io ti amo, signora D’Onofrio…che stile ragazzi.
    Giuro che della Parodi vedevo solo faccia, in pratica dal collo in giù si mimetizzava perfettamente con l’ambiente circostante.
    (a Emanuè, il lievito di birra è un funCo)