Take away all’italiana: 12 imperdibili gastronomie

Spesso simbolo delle città che le ospitano, nei casi più fortunati vere istituzioni cittadine, (Peck a Milano, Franchi a Roma), le gastronomie italiane difficilmente si limitano alla ristorazione veloce d’asporto. Che diamine, siamo in Italia!

Ecco allora accanto ai piatti fantasiosamente cucinati il vero lusso per gli occhi: salumi penzolanti e formaggi di ogni tipo, specialità introvabili, pasta fresca, pane e intere pareti riempite da bottiglie di vino.

Alle gastronomie però, non riconosciamo sempre la dignità culinaria che meritano. Per dire, le classifiche sono pochissime. Ci abbiamo provato con questo elenco di 12 indirizzi da provare quando vi prende lo sfizio, e per qualche motivo non potete cucinare.

Menzione d’onore:

Delices du Plat d’Etain a Cuneo
Rossi e Grassi a Milano
A Resca a Finale Ligure
Antica salsamenteria Tamburini
Gastronom a Napoli
La Parmense a Napoli
Enogastronomia De Sarzano Le due Lune a Sarzana (La Spezia)

#12 Gastronomia Arfè – Napoli

gastronomia arfè napoli

Siamo nel regno dell’apprezzato chef Antonio Arfè, dove si trovano molte le meraviglie della gastronomia napoletana, anche consegnate a domicilio. Fritti asciutti e ben eseguiti, sfoglie di melanzane, formaggi e salumi scelti con cura.

Gastronomia Arfè via Giacomo Piscicelli 37, Napoli.

#11 Rosticeria Gislon – Venezia

rosticeria gislon venezia

Resistere alla mozzarella in carrozza è complicato, si entra e, fila permettendo, se ne prende una al volo. Ma se questo è il motivo per cui stuoli di turisti conoscono Gislon, i veneziani apprezzano la cicheteria (da cicheto, piccolo spuntino a base di pesce, carne o verdure, in stile tapas) con polpi e baccalà, i fritti, il fegato alla veneziana e molto altro da portare a casa o da sperimentare nei pochi tavolini disponibili.

Rosticeria Gislon – Calle de la Bissa 5424, Campo San Bartolomeo, Venezia.

#10 Gastronomia Danesin – Treviso

gastronomia danesin treviso

Per i trevigiani Danesi è sinonimo di pizzette, ben lievitate e sempre appetitose. Ma il colpo d’occhio offerto dai banconi della gastronomia dice ben altro. Fantasiosi piatti pronti soprattutto di pesce, specialità locali, salumi e formaggi sono tutti acquisti a colpo sicuro.

Gastronomia Danesincorso del Popolo 28, Treviso.

#9 Steffanone – Torino

steffanone torino

Parlando di botteghe storiche, quanti possono affermare di aver portato in Italia l’insalata russa già a inizio Novecento? Steffanone, nato nel 1886, significa principalmente piatti della tradizione piemontese cucinati con cura meticolosa, e piccoli excursus esotici come fu all’epoca con l’insalata russa. Molte famiglie torinesi lo sanno, Steffanone è pure servizio a domicilio e catering per i ricevimenti.

Steffanone  via Maria Vittoria 2, Torino.

#8 Migliori – Ascoli Piceno

migliori ascoli piceno

Sintesi di una gastronomia voluttuosa come quella locale, le olive all’ascolana sono la vera celebrity della città. E ad Ascoli, anzi, in Ascoli, come si dice lì, dire Migliori equivale a dire frittura all’ascolana. Se alle olive ripiene di carne, impanate e fritte, proposte anche in versione street food nel piccolo chiosco esterno, spetta la vetrina, da Migliori si trova il meglio della cucina locale, dai piconi (ravioli ripieni di formaggio) al festingo (una torta natalizia a base di fichi secchi, specialità della vicina Offida).

Migliori piazza Arringo 2, Ascoli Piceno.

#7 La Tradizione – Roma

la tradizione roma

Vicinissimo ai Musei Vaticani, e per questo passaggio obbligato per i gourmet in visita alla capitale, La Tradizione è uno scrigno di cose buone che da oltre 30 anni delizia i romani con una selezione monstre di formaggi (oltre 400 referenze), salumi, dolci, pane casereccio e curatissimi piatti di gastronomia. A completare la proposta della bottega/gastronomia romana anche una ricca scelta di olii e vini.

La Tradizione via Cipro 8, Roma.

#6 Gastronomia di Bonardi Piero -Milano

bonardi piero gastronomia milano

Classica tappa domenicale per i milanesi che restano in città e vogliono organizzare il pranzo senza negarsi il piacere. Conosciuta e apprezzata per la squisita paella, dal venerdì la gastronomia di Bonardi propone delicati piatti di pesce o per contro la più terragna tradizione milanese, cassoeula e mondeghini (polpette di carne) in testa. Tutto preparato dalle mani esperte di Piero, cuoco di rango, affiancato dal figlio nella scelta del vino, con una bella gamma di  etichette.

Gastronomia di Bonardi Pieroviale Umbria 27, Milano.

#5 Karl Bernardi – Brunico

karl bernardi brunico

Se contiamo i piatti di Bernardi che hanno conquistato l’ammirazione dei buongustai locali non la finiamo più. Goulash artigianali, sia classici che di manzo o di cervo, wurstel al naturale e un condimento a base di erbe e spezie che si tramanda da generazioni. Molte specialità sudtirolesi sono disponibili anche nella nuova enoteca, oppure nei negozi più forniti grazie a una linea di barattoli distribuiti in tutta Italia.

Karl Bernardi via Centrale 36, Brunico.

#4 Paolo Atti & Figli – Bologna

paolo atti bologna

130 anni per questa ditta bolognese nata e cresciuta come panificio di successo (è arrivata a 13 negozi e persino un pastificio), che dal secondo dopoguerra ha messo radici nel negozio di via delle Caprarie, dove al pane e alla pasta affianca una ricchissima proposta di ricette bolognesi e emiliane, anche se a prezzi non proprio competitivi. Tortellini, paste ripiene, specialità rare e rosticceria in un negozio di grande atmosfera.

Paolo Atti & Figli via Caprarie 7, Bologna.

#3 Baudracco – Torino

baudracco torino

Gastronomia da applausi con la fissa per la qualità e un menu che cambia a ritmo vorticoso spaziando dalla pasta fresca (imperdibili gli agnolotti) alle preparazioni a base di carne come il prosciutto cotto a marchio proprio, dalle acciughe al verde sino ai dolci della tradizione. Completano la proposta di cibo d’asporto i salumi, i tanti e ottimi formaggi, i vini e le birre.

Gastronomia Baudracco – Corso Vittorio Emanuele II, 62,  Torino.

#2 Franchi – Roma

franchi roma

Istituzione romana nata come norcineria nel 1925, dove si mangia veloce sì, ma solo per ingordigia. Supplì, crocchette e arancini di riso sono vere madeleine gastronomiche per generazioni di romani, e se spendere per mangiare bene non vi spaventa i piatti di carne e di pesce sono squisiti, irrinunciabili i carciofi alla romana. Siete avvisati, una volta entrati in questa università della gastronomia le resistenze si allentano.

Franchi – via Cola di Rienzo 200, Roma.

#1 Peck – Milano

peck milano

Probabilmente la gastronomia più famosa d’Italia e una delle più conosciute nel mondo. Oggi somiglia più a un megastore  –di lusso– della gastronomia. Simbolo di Milano, da poco proprietà della famiglia Marzotto, schiera un invincibile esercito di rarità gastronomiche italiane e planetarie, inclusa la gamma di prodotti a marchio che spaziano, noblesse oblige, dalle aragoste al foie gras. Di altissimo livello e sempre irreprensibili i piatti di gastronomia. Come sa la buona borghesia milanese ci sono anche il bar e il ristorante (già chez-Cracco).

Peck – via Spadari 9, Milano.

[credit | immagini: iodonna, monocle, contradasanfilippo, firstonline, panoramio, turismitalia.files, 2spaghi]

Andrea Soban Andrea Soban

6 marzo 2014

commenti (25)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Daniele ha detto:

    Non vi siete troppo sforzati a fare questa lista che sarebbe da rivedere, soprattutto non si capisce cosa intendiate per “gastronomia”?! tipo “Rosticeria Gislon” (ottimo posto per i classici cicchetti veneziani), come dice il nome, è una rosticeria!!

    1. Andrea soban ha detto:

      da Gislon ci sono stato più e più volte ed è tutto tranne che una rosticceria (il nome quello è)
      non si va x i cicheti perché il must sono le mozzarelle in carrozza
      ed ha un bancone fortissimo di piatti pront che i veneziani conoscono bene 😉
      io lì ho mangiato appollaiato al bancone sugli sgabelli non al piano superiore

  2. Carola ha detto:

    Attenzione, nella parte dedicata a Gastronomia di Bonardi Piero -Milano si parla di mondeghiNI ma in realtà si chiamano MondeghiLI. Prego correggere.

  3. Dirtyfishydishcloth ha detto:

    Atti fa tante cose buone, ma non la proporrei come migliore gastronomia bolognese…anche perché è specializzata nella produzione di pasta fresca e prodotti da forno, non è una è una gastronomia a 360°. Nella vicina Via Oberdan, la “Salumeria” (si chiama così ma di fatti è una gastronomia vera e propria)Bruno e Franco è di gran lunga superiore, imho.

    1. Paolo ha detto:

      Appoggio l’osservazione di Dirty. Anche a me la segnalazione di Atti aveva lasciato un poco perplesso, lo stesso stupore. Ottima, certo, ma non una gastronomia a tutto tondo; nulla a che fare con la foto di copertina, per capirci.
      PEr la periferia d’Italia, invece, ci sono sempre quelle salumerie-gastronomie-con-cucina di Zibello, Busseto e dintorni, che meritano il viaggio e la spesa

  4. Oco ha detto:

    Atti e’ una panetteria. Di qualita’ quantomeno discutibile. Vedo poi che avete menzionato Tamburini. Un posto morto dove i giapponesi entrano a fotografare i prosciutti appesi ma nessun bolognese si sogna di spendere un euro. A posto!

  5. Kiki ha detto:

    un suggerimento visto che pensavo di trovarla in elenco: Mosca a Biella

    1. Riccardo I. ha detto:

      In compenso, credo sia la prima volta che su Dissapore nominano la Tradizione, che come formaggi e salumi non so se abbia rivali a Roma.

    2. Sneakerfreaker ha detto:

      Mettere Franchi mi perplime ancora di più. Negli ultimi anni si è trasformato in un bel trappolone per turisti!
      Bene la Tradizione!

  6. Camilla ha detto:

    Chiamatela gastronomia o tempio del gusto, ma Timpani e Tempura dello chef Tubelli non può mancare. I suoi timballi di pasta sono insuperabili insieme a tutto il meglio della tradizione culinaria partenopea.

  7. Lorenzo ha detto:

    Gentile Andrea Soban…
    la invito a visitare la famosa Gastronomia F.lli Giannoni a Lido di Camaiore (LU). Una vera istituzione per la Versilia e la Toscana intera.

    1. Riccardo Francalancia ha detto:

      Salvo poi tenere alcuni prodotti che si trovano anche al supermercato.
      Altro trappolone per turisti.
      La Madia, sempre a Lido di Camaiore, merita molto di più.
      Ma anche la Gastronomia Mosa, a Viareggio.

    1. Grazia ha detto:

      Campagnoli, non puoi guardarne le vetrine senza sbavare

  8. Vics ha detto:

    a Firenze
    gastronomia Galanti in piazza della Libertà
    gastronomia l’ortolano in via degli alfani
    rosticceria giuliano

«