X

Pausa ragù a un euro al minuto: quelli che non fanno buon viso a cattiva crisi

Costacrisi. Ci sono l’euro, la rata, l’Imu, spendere d’impulso non usa più. E quando è ora di darsi una regolata, insomma di accorpare gli investimenti, nessuno lo fa meglio dei romani. Loro accorpano anche le parole: Costacrisi. Costacrisi bisogna lavorare come matti, inventarsi nuove iniziative / alleanze / produzioni / supercazzole a raffica. Da Roma …

Costacrisi. Ci sono l’euro, la rata, l’Imu, spendere d’impulso non usa più. E quando è ora di darsi una regolata, insomma di accorpare gli investimenti, nessuno lo fa meglio dei romani. Loro accorpano anche le parole: Costacrisi.

Costacrisi bisogna lavorare come matti, inventarsi nuove iniziative / alleanze / produzioni / supercazzole a raffica. Da Roma spostiamoci a Napoli, lì sono bravissimi, le donne più ancora degli uomini.

Sentite questa.

La pausa ragù a un euro al minuto. E’ la trovata imprenditoriale del Tandem, un ristorantino del centro antico di Napoli gestito da una giovane attrice, Manuela Mirabile.

Funziona così. Il cameriere serve in tavola un piatto di ragù con fette di pane, poi aziona il cronometro. Il cliente paga un euro per ogni minuto trascorso.

Vale tutto: si può mangiare con le mani, con la forchetta, anche in gruppo attingendo a un solo piatto.

Pensateci, c’è dentro tutto: la spending review, la tradizione partenopea, l’anticonformismo shabby-chic della scarpetta, il vegetarianesimo sottotraccia (versione veg del ragù) e per gli snob champagne, uova con caviale, frutta di stagione, vodka e cognac con cioccolato e la fonduta di ragù.

Per irredimibile ottimismo penso che il Tandem sarà lì, in via Paladino anche tra un anno.

E voi non fate i cinici. Costacrisi.

[Crediti | Link: Repubblica Video]

Tags: ragù napoletano