Food porn: Unforketable con Niko Romito renderà le foto superate come Le Ore (la rivista)

Ieri sera sono stata alla presentazione di Unforketable, qui a Milano. C’era il parterre delle grandi occasioni gastromondane: i giornalisti della carta, i blogger e anche quelli in mezzo, come alle feste di Hollywood in cui ci sono sia gli adepti di Scientology che quelli della Cabala.

Scrivere di Unforketable, se io lavorassi come si deve, mi avrebbe richiesto complessivi dieci minuti. La frase che segue, ad esempio: 

Unforketable è la prima enciclopedia video del gusto nata per divulgare la tradizione culinaria italiana rinnovandola secondo la visione di Niko Romito. È un progetto di Mani e Materia, società nata dall’incontro fra lo chef di Castel di Sangro, appena incoronato con la terza stella Michelin, e il Pastificio Garofalo“.

Ecco, questa l’ho presa quasi tutta dal comunicato stampa, proprio come la dichiarazione di Niko Romito:

“La cucina italiana vista da me a casa tua: questo è Unforketable. Tutte le ricette hanno come filo conduttore il gusto e la semplicità. Il gusto perché in tutti i piatti che ho realizzato è fondamentale la centralità del prodotto, del singolo ingrediente e soprattutto l’alleggerimento dei grassi, filosofia da sempre alla base della mia cucina, e semplicità perché tutte le preparazioni possono essere realizzate con strumenti che si trovano nelle case di tutti. Ho scelto di raccontare queste ricette attraverso il linguaggio più attuale, dei video in cui ci sono solo tre elementi: le mani, la materia e la tecnica con tutti i miei segreti”

Insomma in pratica, stiamo parlando di:

52 video, diretti da Elisia Menduni, in cui le mani e le materie prime utilizzate sono gli unici veri protagonisti del rinascimento in ogni casa della più classiche ricette che, tramandate di generazione in generazione, rappresentano oggi la base della cultura gastronomica del nostro Paese. Preparazioni che mettono al centro gli ingredienti per scoprire e non coprire gli alimenti, valorizzandoli e rendendoli protagonisti attraverso l’esaltazione dei sapori per raggiungere così la centralità del gusto. Grazie ai suggerimenti di Niko Romito, Unforketable è un vero e proprio video corso di cucina.

Niko RomitoNiko Romito e Emidio Mansi

Il catalogo è disponibile online qui, oppure su smartphone. I piatti sono classificati a seconda delle materie prime utilizzate, o si può scegliere di comporre un menu personalizzato, in base a tipologia di cottura e livello di difficoltà.  Le video ricette sono disponibili in streaming su un massimo di tre computer o su dispositivi mobile, in italiano ed in inglese, su Unforketable.com e, sugli store di Apple e Google. Il costo del singolo video è di 3 euro sul sito e 3.59 Euro sugli store Apple e Google e sono disponibili pacchetti che consentono l’acquisto di più ricette a partire da 10 Euro. Ogni mese arriveranno 10 ricette nuove.

Sono curiosa di vedere come va l’esperimento con queste ricette, meravigliose però a pagamento. Molto curiosa.

Invece, i video dedicati alle basi fondamentali di cucina (salse, sughi, creme, impasti), e alle tecniche di preparazione (disossare, spinare, friggere etc.) sono disponibili gratuitamente.

Quindi questo è quanto. Anni che non si lavorava così poco per scrivere un post, che dio benedica i comunicati stampa scritti in italiano corretto.

Quindi come mai mi sta richiedendo ore?

Sito UnforketableUnforketable

Perché sto guardando tutti i video, e sono semplicemente ipnotici. La bellezza estetica, l’esattezza, la cura nei movimenti e nell’esecuzione delle ricette rendono Unforketable un prodotto superbo. Dimenticate gli show di cucina in cui c’è una persona ai fornelli, quelli che in inglese si chiamano “stand and stir”, “sta’ in piedi e rimescola”.

Questo è vero food porn. Food porn di classe. Food porn in video. 

Renderà le foto di cibo patinate superate come Le Ore (la rivista, dico).

Avatar Sara Porro

28 Novembre 2013

commenti (23)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Sembra davvero accattivante questa app e invoglia a essere “provata”. Le foto, ma anche le ricette ivi contenute sono estremamente gradevoli alla vista e danno proprio il gusto di sperimentare quelle ricette così succulente.
    Inoltre si unisce la tecnologia al gusto…davvero cool!

  2. Avatar Federico ha detto:

    3.50€ il video, con altri 3€ me la mangio in qualche calda hostaria qui a Roma..dalle STELLE alle stalle..non capisco la logica, bastava puntare alle visualizzazioni per poi vendere pubblicità (o immagine Garofalo in qualità di Sponsor) invece che ambire a divulgare la tradizione culinaria..A PAGAMENTO!!!

    1. Come si dice, dai una carbonara a un uomo e si nutrirà una volta sola. Se gli insegni a farla con un video patinato, lo nutrirai per sempre.

      Oppure puoi mangiare le patatine guardando il video, come me

    2. Avatar Fra ha detto:

      LOL 50 ricette (a dire il vero tutte abbastanza semplici) a 100 euri. Sul tubo ci sono migliaia di video magari non così patinati però gratis, vuoi mettere? E con quei soldi mi ci compro la stagione 1988 de Le Ore…

  3. Avatar Alessandro Vaia ha detto:

    Bellissimo e fantasico, ma come dice federico, forse un po’ troppo caro… Pazienza, intanto mi guardo quelli gratis poi per gli altri si vedrà di volta in volta…

  4. Avatar Laura ha detto:

    A me piace l’idea: è un modo nuovo da illustrare ricette e trucchi. 27 anni orsono quando iniziai a cucinare compravo la rivista “La cucina italiana” non era proprio economica allora: con essa ho imparato a cucire. Poi naturalmente compravo i libri e gli speciali insomma è stato tutto un percorso. Ora non la compro più perchè non mi emoziona più, è diventata fredda con ricette banalotte. Unforktable sarà, per me, la possibilità di migliorarmi nella cucina e in più senza cartaceo, fantastico!

    1. Avatar Cuoco ha detto:

      Compravi riviste di cucina e hai imparato a cucire? Questo sì che è un trucco…:)

  5. Buona sera a tutti, sono Emidio direttore commerciale Pasta Garofalo e, incidalmente, anche di Unforketable, quindi sono assolutamente di parte, pero’ vorrei rispondere a tutti:
    1) 100 euro per 50 ricette sono una follia. Non le spenderei mai. 100 euro per un corso di cucina, passo passo, a prova di incapace, con tecniche innovative e utilizzabili il altre 1299 ricette, incidentalmente suggerite da uno chef con tre stelle michelin, mi sembrano ben pagate…
    2) Unforketable nasce nel luglio 2012, c’e’ un anno, continuato di lavoro, se all’assoluto diritto di critica si unisse pure un po’ di curiosita’, andandolo a guardare si scoprirebbe che c’e’ un lavoro ENORME alle spalle. Garofalo NON e’ lo sponsor, Niko NON e’ il testimonial, e’ una societa’ 50% per uno. Se le stalle sono queste…
    3) L’osservazione che le ricette sono semplici presuppone il non averle viste… anche io sapevo fare la maionese, ma non cosi’. Per altro la collezione 1988 di Le ore costa molto piu’ di 100 euro, lo so perche’ la ho comprata 🙂
    4) Magari dire che Sara Porro ha scritto come sempre in maniera geniale non guasta, questo a prescindere dal fatto che Unforketable sia una figata che una fesseria cosmica!

    P.s. andatevelo a vedere, guardate le basi con calma, cercate di capire un paio di suggerimenti nelle intro alle ricette. Ho detto che sono di parte, ma ne vale veramente la pena 😉 ciao a tutti!

    1. Avatar Laura ha detto:

      Salve Emidio,
      come ho detto io la trovo, come ho già detto, un’ottima idea e spero abbia successo.
      Poter vedere i trucchi di un grande cuoco, anche nelle ricette più semplici mi può permettere di acquisire nuove tecniche.
      L’idea di forza è prorio il video con tutti i passi della ricetta.
      Inoltre è un progetto inovativo ed a me piace la novità.
      Se non fossi stata curiosa non avrei imparato a cucinare, come so fare ora.
      Per me c’è sempre da imparare, questo mi dicono i tanti anni passati in cucina e questo è un modo assai interessante di farlo.

    2. Grazie Laura, a Napoli si dice di non chiedere come e’ l’acqua all’acquafrescaio (dira’ che e’ fresca!). Ma il punto e’ proprio quello della curiosita’. Questa non e’ una operazione pubblicitaria con il pastificio che regala le ricette dello chef o lo chef che fa il ricettario sponsorizzato. c’e’ un investimento mostruso. girare 150 video, ognuno con almeno 15 scene da montare, un anno di lavoro continuativo, merita la curiosita’. Poi si decide che e’ una fesseria e amen, ma non avere la curiosita’ di capire cosa Niko ha da rivelare e’ un peccato per chiunque ama la buona cucina

    3. Avatar Laura ha detto:

      Il problema Emidio è che pare che ormai in cucina ci sia molta presupponenza.
      Invece la cucina è sacrificio, dedizione, anche se passare tanto tempo in cucina a me piace ma anche innovazione.
      La video ricetta è un modo per raggiuntere nel comdo della tua cucina e cosa c’è di meglio di questo?
      Sento, sempre e costantemente, il bisogno di sentirmi aggiornata anche se la mia è solo cucina nelle mura di casa. I miei commensali non sempre soddisfatti e all’invito rispondono subito esono ancora più contenti,sanno di trovare una cucina curata in ogni dettaglio e anche novità.

    4. Avatar Laura ha detto:

      Che lapsus volevo dire che son sempre soddisfatti! Sarà un lapsus freudiano?

  6. Avatar Gabriella Cinelli ha detto:

    Niko, l’ho sempre detto è un genio, e credo che abbia in questa intuizione fenomenale sentito l’influenza del grande lavoro di Ferran che da ben 4 anni sta creando la Bullipedia che inaugurerà in primavera… Unforketable anticipa il suo lavoro , forse lo completerà forse lo migliorerà.Le idee geniali a volte avvengono in più parti del mondo simultaneamente..grazie al lavoro di molti.Grazie Niko e grazie Ferran.

  7. Avatar skioppo ha detto:

    Comunque se Rocco Siffredi spiegasse in video, a prova di incapace, 50 “evoluzioni” con tecniche innovative, passo passo, altro che 100 euro.Ed anche quello sarebbe il frutto di un lavoro enorme.

  8. Avatar Bastian ha detto:

    Il successo di internet è il free con upgrade a pagamento, auguro tutte le fortune a Niko ma questa roba è talmente ambiziosa da potersi rivelare una vaccata e fa ridere la faccia uno che sul menu scrive di non volere che i suoi piatti vengano fotografati (dalla gente comune).

  9. Avatar susinadamaschina ha detto:

    Davvero interessante questa enciclopedia del gusto (messaggio subliminale: fossi nella Garofalo starei già pensando ad una raccolta di prove d’acquisto per avere in regalo le app di Unforketable).

  10. Avatar Livro ha detto:

    Avevo visto già mesi fa sul canale ufficiale del Risotrante Reale due video di ricette filmate in questa maniera e li avevo trovati molto belli.

    Non so se lo comprerò, ma l’idea di una ricetta ”velocizzata” senza saltare i passaggi la trovo geniale. (che poi è quello che in parte già facevo io, che sono si un amatore, ma qualche base già ce l’ho e certi passaggi sono per me scontati, velocità 2X su Youtbe e viaaaa…)