La guerra di Ferrero ai gelatai: levate la falsa Nutella dai vostri banchi

Ieri Repubblica spiegava che Nutella e, diciamo, pistacchio, sono tra le altre cose gusti di gelato. Ma il gusto Nutella d’ora in poi non lo potranno fare tutti i gelatai mentre per quello alla fragola continueranno a non esserci problemi. Potete immaginare il disorientamento di un bambino convinto che pistacchio e Nutella fossero frutti dell’Eden. Beh, il primo sì, l’altro anche ma soprattutto dell’ingegno di chi l’ha scoperto.

Non ci siamo spiegati? Diciamolo meglio.

Gusto pistacchio

Questo nella foto, cremoso e seducente, è il gusto pistacchio, presente all’incirca in ogni gelateria italiana, artigianale o meno.

Gusto Nutella

Questo invece è il gusto che i gelatai italiani ottengono mescolando Nutella, intesa come crema spalmabile prodotta da Ferrero, e altri gusti di gelato. Con alcune varianti (il colore di fondo può anche essere bianco) si è molto diffuso negli ultimi anni.

Pistacchi

Il pistacchio è un albero originario del Medio Oriente. Il frutto ovale a guscio sottile e duro, contiene il seme, ovvero il pistacchio, dal colore verde sotto una buccia violacea.

Nutella

Questa come tutti sappiamo è Nutella, la crema gianduia a base di cacao e nocciole dalla fama planetaria. Prodotta in 11 stabilimenti diversi, oggi viene venduta in 100 paesi del mondo.

Ferrero di Alba

A inventare Nutella è stata la Ferrero di Alba (Cuneo), partendo da una crema precedente chiamata Pasta Giandujot e dopo SuperCrema. Per il nome decisamente orecchiabile si sono uniti il sostantivo nut, cioè noce in inglese e il suffisso italiano ella.

Nutella professional line

Nutella Professional Line è il preparato che ora il gruppo industriale di Alba vuole imporre al mercato. Un semilavorato il cui lancio è accompagnato dal fermo invito rivolto a tutti i gelatai del mondo. Usate questa miscela e solo questa per preparare l’ice cream alla Nutella.

E chi non si adegua? Non si parla, almeno per ora, di azioni legali. Si vuole dare al settore della gelateria il tempo di adeguarsi. Ma Ferrero è lapidaria. Per qualsiasi dolcezza intitolata alla Nutella, incluso il gelato mantecato, usare Professional Line è una “raccomandazione categorica”.

30.000 gelaterie artigianali in Italia

Fare qualche conto aiuta a capire l’ostinazione di Ferrero, pronta a dare battaglia a chi non dovesse adeguarsi. Repubblica stimava che solo in Italia esistono 30mila gelaterie artigianali con 150mila addetti. Nel resto del mondo ce ne sono altrettante. Nel 2013, il giro d’affari del gelato artigianale in Italia è stato di 2,5 miliardi di euro: + 1% rispetto al 2012.

6 kg di consumo all'anno

Gli italiani hanno sviluppato una vera ossessione nei confronti del gelato. Il consumo pro-capite annuo è di 6 chili, pari a 380mila tonnellate.

Ferrero, altre 2 professional line ferrero

Oltre a Nutella, la nuova Professional line Ferrero per le gelaterie prevede prodotti specifici per ognuno dei cavalli di battaglia dell’azienda piemontese, come Rocher, Kinder e Raffaello.

Formula Nutella

Ma cosa contiene Nutella Professional Line? La composizione è misteriosa quanto quella della crema madre. Scopriremo in seguito se altrettanto controversa. Secondo Ferrero: “contiene ingredienti che, oltre a mantenere invariate le sensazioni date da Nutella se consumata così com’è, si attivano a caldo e a freddo per dare alle elaborazioni ottenute le stesse sensazioni gustative della crema”.

365000 tonnellate di Nutella vendute nel mondo

Ferrero commercializza ogni anno in tutto il mondo 365mila tonnellate della sua crema spalmabile di nocciole e cioccolata. Fateci caso, sono 15mila tonnellate in meno rispetto al consumo pro-capite di gelato degli italiani in un anno.

Nutella ha compiuto 50 anni

Nutella ha compiuto 50 anni il 20 aprile scorso. Per festeggiare l’evento sta organizzando il concerto di Mika in piazza del Plebiscisto a Napoli. Ma sulla location c’è il veto della Sopraintendenza. E’ scontro.

Ferrero al Festival del gelato di Firenze

Per rendere esplicito che fa sul serio e presentare ai gelatai il “vero gusto” (così lo chiama Ferrero), il gruppo dolciario ha scelto un evento dove alla presenza dei consumatori si accompagna quella degli addetti ai lavori.

Il Gelato Festival che partirà da Firenze (1-4 maggio) per approdare poi in mezza Italia e mezza Europa. Ai gelatieri Ferrero darà l’altolà.

D’ora in poi, insomma, anche il gelato alla nutella si farà solo se doc.

[Crediti | Link: Repubblica, Scatti di Gusto, Dissapore, Il Fatto. Immagini: linusice, Generazione web, Grandain, Nutrizione e sport, Tempi]

Andrea Soban Andrea Soban

28 Aprile 2014

commenti (41)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar frankie ha detto:

    brrr, che paura! Lo si chiami Shitella, così i Ferrero sono contenti. Altrimenti l’ incauto gelataio prenderà la strada per la Kolyma…

    1. Avatar nikola ha detto:

      hai ragione siamo al delrio Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
      Ministro Affari regionali, Autonomie e Sport 2013.
      Sindaco di Reggio Emilia dal 2004 al 2013.

    2. Avatar frankie ha detto:

      E non dimentichiamo Vanessa!

    3. Avatar Gillo ha detto:

      Siete incredibilmente DISSAPORIANI, attenti, con un senso critico al di sopra della mediac(e altro).
      Delrio era un errore ortografico voluto.
      PS
      Scusatemi,
      se ho le mie piccole ossessioni: in tutto saranno 4 o 5 i miei “bersagli preferiti”(le conoscete).
      Ma questo, spero, che non impedisca mai un buon rapporto con voi.
      Ho un gran rispetto per chi scrive su questo BLOG: editore, direttore, redattori e frequentatori.
      Anche se, su ALCUNI PUNTI, possiamo avere opinioni diverse, vi voglio bene 🙂

    4. Avatar frankie ha detto:

      Contento di essere benvoluto da te, Gillo. Contraccambio con simpatia.:-)

  2. Avatar Miki ha detto:

    Come si fa a “denunciare” le gelaterie che spacciano il nutellone o la nutellas? A parte evitarle a me hanno sempre dato fastidio per l’uso improprio del marchio altrui…

  3. Avatar Colon Irritato ha detto:

    Lo trovo più che giusto. La Nutella, che piaccia o meno, è un prodotto industriale e come tale suppongo brevettato. Fine. I gelatai utilizzano pertanto il nome di un brand come gusto di un prodotto che vendono e questo non è corretto. Che la gente si prenda il gelato alla nocciola e facciamola finita.

  4. Avatar clubdogo ha detto:

    boh, penso che correttamente possano impedire di denominare un gusto “nutella”; magari sarà consentito produrre una “crema con nutella”

  5. Avatar giovanni ha detto:

    Non amo le multinazionali ma stavolta non posso dargli torto. Come evitare altrimenti che migliaia di gelaterie in italia vendano il gelato “Nutella” giocando sulla fama del prodotto ed invece ti rifinalo improponibili schifezze che con la Nutella non hanno niente a che fare ? Sopratutto nel sapore …..

  6. Avatar Laura ha detto:

    Secondo me non è che il colosso della crema al cioccolato possa fare molto: potrà impedire di usare immagini o marchio ma forse si doveva sveglitre prima. Non è di molto tempo fà che propio mi pare su dissapore si è parlato che la Ferrero aveva già intentato una casusa contro una blogger che parlava di Nutella e poi ha lasciato perdere. Insomma forse le strategie di tutelare il proprio marchio dovevano arrivare già anni orsono: ora mi sembra che si vuole chiudere la stalla quando i buoi sono scappati. Insomma un’azienda leader di un settore con lungimiranza difende il proprio marchio ed è sacrosanto. Ora però mi scappa da ridere se dopo anni e anni di negligenza in questo senso, si vogliano prendere le contromisure quando il prodotto è stato imitato in tutti i modi possibili. Alla fine all’azienda è andata bene anche questo tipo di “pubblicità”.

  7. Avatar Green Manalishi ha detto:

    La Ferrero (ben svegliata, dopo almeno un ventennio di gelati venduti con quel nome) fa benissimo a tutelare il proprio nome, anche perchè ditemi quanti di voi hanno mai mangiato un gelato “alla nutella” che somigliasse anche minimamente all’originale. Normalmente, il gelato alla nutella è fra i più deludenti che possiate trovare in gelateria.

    1. Avatar Emanuela ha detto:

      In una gelateria ad Aversa, provincia di Caserta, fa il gelato Nutella, l’ho assaggiato 4 5 anni fa. Sembra proprio nutella freddissima.. anche la consistenza è densa come la Nutella e non come il gelato.. ricordo che faceva fatica anche a sciogliersi..

  8. Avatar Salvatore ha detto:

    La crema spalmabile in questione è solo un ingrediente del gelato, come possono vietrane l’uso? Magari non si potrà mettere il logo sulla vaschetta ma credo, coem qualcuno ha già detto prima, chiamare il gelato “Crema alla …”.
    Mi chiedo poi come si comporti la Mars che anni prima del marchio in questione ha iniziato a produrre gelati. Ci sono già denunce in atto, che qualcuno sappia?

    1. Avatar MAurizio ha detto:

      Non ne vieterebbero l’uso, vieterebbero di chiamare il gelato con un marchio depositato se NON si utilizza quel tipo di prodotto per farlo.
      Al gelataio cambia qualcosa nell’utilizzare la normale Nutella spalmabile o l’apposito preparato “alla Nutella” prodotto da Ferrero ?
      Costa forse di più ? Di meno ?
      Ma se uno nel gelato “alla Nutella” ci mette la Crema Venchi sarà anche migliore e di maggior costo ma rimane una “frode” con sfruttamento improprio del marchio che garantisce una folta clientela.
      “Bambino bambino, prendi il gelato alla crema Venchi E’ buonissimo !! Maddechè, voio quello coa Nutella !!”

    2. Avatar Salvatore ha detto:

      Infatti, se non c’è quella crema particolare ha poco senso chiamarla con quel nome. Ma come si pongono, come scritto nell’articolo, rispetto a chi decide di usare comunque il prodotto senza seguire la “raccomandazione categorica” ad usare il loro preparato?

    3. Avatar andrea Soban ha detto:

      per non addetti ai lavori
      le creme ‘altre’ vengono utilizzate perchè non solidificano nel freddo del banco gelato.
      Però c’è una differenza: questo nuovo preparato di Ferrero serve a preparare il gelato alla nutella (quindi al gusto di nutella, dal colore scuro), non un gelato ‘variegato’ con la nutella

    4. Avatar Salvatore ha detto:

      OK, mi è chiaro, ma resta aperta la mia domanda: se fossi un gelataio e volessi usare quella crema come ingrediente di un gelato, tralasciando la qualità del risultato finale, la ditta di Alba me lo potrebbe impedire? E potrebbe anche impedirmi di chiamarlo “Crema alla XXX”? È solo curiosità. Non sono gelataio e non mangio la crema spalmabile in questione.