Osterie del Gran Fritto: il fast food può essere buono

“Nel mondo ci sono esempi squisiti, perfino nutrienti, di fast food, spesso più veloci e più economici dei vari *clown, *colonnelli e *king e dei prodotti della loro risma”.

Sono a Cervia e sotto l’ombrellone leggo “Avventure Agrodolci” di Anthony Bourdain.

La prossima volta che vi trovate con la lingua di fuori e una gran fame davanti a un bancone di fast food – e un clown gironzola nei paraggi – girate semplicemente sui tacchi e dirigetevi verso l’operatore indipendente, il lupo solitario giù in strada: un negozio di focacce, di patatine fritte, un carrettino di kebab….” Che è un po’ la stessa cosa che ieri mi ha detto Andrea Bartolini, mentre mangiavo una porzione di Gran Fritto all’Osteria del Gran Fritto di Milano Marittima.

Per chi non lo sapesse, il fritto di pesce dei Bartolini (Andrea è il figlio di Stefano Bartolini e insieme al padre gestiscono Le Osterie del Gran Fritto di Milano Marittima e Cesenatico, il Ristorante la Buca e Terrazza Bartolini sempre a Milano Marittima) è uno dei più famosi della riviera romagnola.

E’ nei menu delle due Osterie (a 13.50€) e disponibile anche da asporto (10.50€) o da passeggio (il cono del fritto, una mezza porzione rispetto a quello servito al tavolo, avvolto in un cono di carta e costa 5 euro) in due versioni: Gran Fritto di Pesce dell’Adriatico e Fritto di pesce senza spine per i vagabondi.

Cartoccio di fritto, osteria del gran fritto

Gamberi al sale, osteria del gran fritto

Piadina, saraghina affumicata, osteria del gran fritto

patatine fritte, osteria del gran fritto

Il Gran Fritto rappresenta la tradizione del  fritto romagnolo, è fatto sia con pesci già puliti (mazzancolla nostrana, calamaro e calamaretto) ma anche il pesce più “divertente” (per usare le parole di Andrea che considera “vagabondi”, inteso alla romagnola, ossia “un po’ pataca” quelli che preferiscono il fritto “senza spine”, perché si perdono le parti più buone) che include le varietà suggerite dal mercato quotidiano, come ad esempio le spade (che non sono il pesce spada, ma sono pesciolini rosa, lunghi e schiacciati usati in Romagna per fare i brodi), i paganelli, i moletti o lo zanchetto.

I pesci sono impanati solo con la farina, fanno tre cambi di olio (Andrea dice che è uno spettacolo di giocolieri il lavoro dei suoi collaboratori in cucina) e vengono salati alla fine con il Sale si Cervia della salina Camillone.

I Bartolini in modalità “street food”, con un chiosco, le friggitrici e il cono di fritto, hanno partecipato al Salone del Gusto, a Slow Fish e saranno anche a Sapore di Sale, a Cervia in settembre, ma hanno in testa l’idea di cucire attorno a questa loro specialità una catena di fast food, con un progetto pilota magari in riviera e poi nelle città italiane.

Un modo anche per valorizzare il pesce azzurro dell’Adriatico che è un prodotto economico e buono, e un’alternativa ai classici stereotipati cibi da fast food.

osteria del gran fritto

osteria del gran fritto

“Un pasto semplice, veloce, spesso consumato in piedi, non deve per forza far parte di quell’orribile, generico spiegamento di omologazione autodistruttiva che si estende dai centri commerciali di San Diego, attraverso gli Stati Uniti e poi l’Europa, l’Asia e torna di nuovo al punto di partenza, tutto uguale, tutto con lo stesso sapore: bocconcini incartocciati di “manzo” grigio con salsa multiuso.

Gli orrori incredibilmente ipercalorici delle polpettine di pollo all’aroma di manzo, di frullati di latte che non contengono latte e non sono stati mai frullati, di “barbecue” che non hanno mai visto una griglia, di “formaggio” che non è formaggio, e famosi locali a tema (come l’Hard Rock Cafè), per i quali il cibo è solo un’esca per vendere una T-shirt, non devono essere la regola generale.”

Il fast food del Gran Fritto prenderà vita nei prossimi sei mesi, dice Andrea, intanto qua la stagione estiva è partita.

Martina Liverani

12 Luglio 2013

commenti (10)

Accedi / Registrati e lascia un commento

    1. kikko ha detto:

      non pastellato,passato in farina che è diverso…anch’io posso solo permettermi l’osteria,ma da tanti anni quando posso ci vado volentieri.per quel che riguarda l’olio di frittura…essendo del settore e conoscendo il loro fornitore vi posso assicurare che almeno fino a poco tempo fa,era cambiato spessissimo e di prima qualità

  1. triti ha detto:

    Non sono mai stata alla Terrazza di Milano M ma quando sono dalle parti di Cesenatico faccio di tutto perchè molto “casualmente” verso l’ora di cena o pranzo io possa passare da quelle parti … ho un ricordo libidonoso del fritto dell’Osteria (il mio baget mi permette l’osteria e non il lussuosso ristorante della porta accanto 🙂 ) buonissimo, asciutto e croccante, molto buono anche il risotto e pure i dolci! I miei complimenti a Stefano Bartolini.

  2. Nome ha detto:

    Mi attizza…mi attizza…le foto dei gamberi con aneto e prezzemolo, della piadina (?) con sardine e cipolle di tropea e delle patate fritte con la buccia sono da codice penale, soprattutto a quest’ora :P:P:P

    Nonostante trasudi fighetteria sarà sicuramente tappa di una delle mie scorribande in riviera 🙂

  3. Se lo studiate attentamente Bartolini non è che fa delle cose “trascendentali”, fuori della portata di un bravo ristoratore medio…eppure, com’è “difficile” trovare in giro per le spiagge italiane qualcosa di simile. Perchè ?

  4. marzia sangiorgi ha detto:

    Ci siamo stati l’altra sera, il fritto è improponibile. Troppo croccante fino al punto di non capire cosa stessi mangiando (ho ordinato i calamaretti con zucchine) unto stra unto. Non ci siamo!

«