Pizza, panzerotto, sushi o hamburger: dove investire 10 € a Milano?

Come riportato questa mattina su Corriere Milano, esiste un quadrilatero dello street food meneghino. In zona Duomo, sono quattro i posti in cui andare a pranzo per farsi una pausa à emporter tra venditori di rose ambulanti e Rinascente. Cinquanta metri contesi da 4 locali:

1. Luini (panzerotto). Dichiara “migliaia” di presenze al giorno.

2. Spontini (pizza). Inaugurato da poco dichiara già 500 presenze al giorno.

3. Musubi (giapponese). Dichiara due-trecento presenze al giorno.

4. McDonald’s (hamburger). Dichiara duemila presenze al giorno.

panzerotto Luini

1. Luini (panzerotto), via Santa Radegonda.

Una volta c’era solo lui, ora la scelta è variegata. Aperto dal 1949, ha rilevato un forno aperto dal 1888. Famosi i panzerotti, se non si vuole fare la fila bisogna evitare l’ora dalle 13:00 alle 14:00.

Il panzerotto migliore di Milano, con mozzarella e pomodoro – per chi non abbia assaggiato il calzone napoletano al forno del corso principale di Amalfi, potrebbe risultare il migliore al mondo.

Spontini pizza

2. Spontini (pizza). Via Santa Radegonda 11.

Ha aperto lo scorso 10 febbraio, è dunque il nuovo arrivato nel distretto meneghino dello street food. La sua pizza al trancio è famosa, con sedi in disseminate in giro per Milano.

Dicono che la bontà della pizza di Spontini sia sopravvalutata, ma lo dice chi non ama la pizza al taglio alla milanese, quindi si parte da premesse poco solide. Però, poi, de gustibus…

Sushi, Musubi

3. Musubi (sushi). Via Santa Radegonda.

Giapponese fusion italico con scelta abbastanza bulgara. Nel senso di poca roba, buoni i ravioli.

Dei quattro è il locale con meno fila, quindi automaticamente consigliato a chi non ha voglia di farsi la coda e ha poca fame (giapponese soprattutto nelle porzioni). Ha aperto in via Radegonda il 26 luglio.

hamburger mcdonald's

4. McDonald’s (hamburger). Galleria Ciro Fontana.

Ho tanto atteso il giorno in cui avrei recensito un McDonald’s, e ora che è arrivato non so che dire se non: McFlurry agli smarties.

Lavorano molto, vantano quasi gli stessi numeri del negozio principale in via Galleria Vittorio Emanuele, con il 40 per cento di clientela straniera.

Con 10 euro da investire voi dove andreste prima (e non mi dite che vi fiondate sul migliore hamburger)? E dove, invece, non andreste proprio?

[Crediti: Link: Corriere della Sera, Dissapore. Immagini: Francisco Antunes, 190.arch (aka mamma190), yeswekern]

Avatar Olga Mascolo

6 Marzo 2014

commenti (19)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Giancarlob ha detto:

    Luini e in seconda battuta Spontini. In quella zona sta nascendo un locale dopo l’ altro. Perfino Ravizza, storico negozio di sport/abbigliamento sportivo, si è trasformato in un locale mangereccio. Li accanto c’ è anche la Hoepli: non è che cambierà status anche la libreria ?

  2. Avatar videogirl ha detto:

    dimenticate che, sempre in quei 50 mt., c’è anche “cioccolati italiani”.
    proprio oggi passavo di lì, osservando deserto di clienti nel triangolo della moda e alla calca di gente nel pentagono della sugna, pensavo che alla gente non è restato che mangiare…

    1. Avatar dink ha detto:

      Tipo la malefica pizza “alla pisana” che conosco fin troppo bene…

    2. Tra l’altro mai provata in loco, mentre a Milano sono in molti a proporla, azzardo a causa della grande presenza di discendenti di vecchi ristoratori toscani.
      Il citatissimo Visintin adora per esempio quella di Attilio, fatta con questo stile:
      http://www.lapizzadal1964.com/

    3. Avatar Olga Mascolo ha detto:

      Grazie della precisazione, io non ne sono una fan.

  3. Avatar elisa ha detto:

    io andrei in viale Monte Grappa 18 a mangiare gli sciatt valellinesi da Sciatt a porter, serviti in un bel cartoccetto, che se vuoi ci bevi anche un buon bicchiere di vino e forse non arrivi ancora a dieci euro 🙂

  4. Tra l’altro mai provata in loco, mentre a Milano sono in molti a proporla, azzardo a causa della grande presenza di discendenti di vecchi ristoratori toscani.
    Il citatissimo Visintin adora per esempio quella di Attilio, fatta con questo stile:
    http://www.lapizzadal1964.com/

    1. Avatar Olga Mascolo ha detto:

      vero, a me piace al massimo da Mimmo in via Canonica, ma comunque non ne sono una fan. (se volete lo ripeto un’altra volta)

  5. Avatar AlSal ha detto:

    Grazie a Tommaso per la precisazione sull’origine. Per decenni il luogo dove si è potuto gustare/asportare una tra le migliori pizze “alla toscana” di Milano era Da Marino in via Piero della Francesca. Parlo al passato in quanto, ahimè, ha chiuso i battenti da qualche mese.

  6. Avatar AndreJaco ha detto:

    Segnalo anche l’ottimo trancio da Musicco Giuseppe, in Via Feltre zona Piazza Udine Milano.
    Soprattutto asporto, buonissima la doppia mozzarella veramente ricca o la diavola. Base bella croccante.

  7. Avatar AlSal ha detto:

    AndreJaco cita il pregio imprescindibile da ogni pizza al trancio: la base croccante / biscottata. Quella del nuovo Spontini ne è priva. Perlomeno il trancio toccato a me. Vogliamo dire che la base di un buon trancio mai e poi mai dovrebbe cedere ai rebbi di una forchetta o alla…lama di un coltello entrambi in plastica?

    1. Diciamo la verità: la pizza toscana alla Spontini è buona se è appena uscita dal forno, croccante sotto e soprattutto calda da ustionarsi le dita. Se si intiepidisce perde gran parte del suo appeal, di cui peraltro, come la Mascolo, non sono stellare estimatore.

  8. Avatar Mich ha detto:

    giro l’angolo e vado a mangiarmi uno o due panini del G.B. Bar!!! 😀