di Giorgia Cannarella 7 Ottobre 2013
Pollo a 1000 lire

Spintonarsi dopo tre ore di fila per un pollo a 50 centesimi. La stessa Italia in coda per l’iPhone 5? Forse sì. forse no. Ma è uno scenario mediamente inquietante.

Parliamo di quanto accaduto due giorni fa alla festa del Girarrosto Santa Rita a Torino, che per festeggiare i cinquant’anni di attività ha lanciato una simpatica promozione: un pollo arrosto acquistabile con le vecchie 1000 lire o i corrispondenti 50 centesimi odierni.

I suoi polli sono una realtà storica del Piemonte, con ben 23 punti vendita tra Torino e città limitrofe, dove comprare carni arrosto, al forno, e sfiziosità da rosticceria varie ed eventuali. Questa volta però i famosi polli Santa Rita sono stati protagonisti di una commedia all’italiana. Ma nella variante senza risate.

Non basta la pagina Facebook di S. Rita intenta a racconti di palloncini e foto ricordo con i polli pupazzo (sufficientemente inquietanti da sostituire la coulrofobia in cima alle mia paure), La Stampa narra di un sabato di ordinaria follia.

Sì, perché c’è la crisi. E un pollo allo spiedo a 7 euro e 80 non se lo possono permettere tutti. La signora Gigliola, ad esempio, no: “Ma lo sa lei da quanto tempo a casa nostra non si vede un pollo arrosto? Posso dirle la data esatta: 22 maggio 2007, da quando la mia fabbrica, che faceva bottoni, ha chiuso”. E come lei ce ne sono tanti, pronti a stare in fila sul marciapiede dalle sette di mattina alle nove di sera, per due ore o più, sotto la pioggia e in mezzo agli spintoni. Tutto per un pollo a 50 centesimi?

Fila al girarrosto Santa Rita

La stessa scena si ripete in tutti i punti vendita: Gran Madre, Porta Palazzo, corso Francia, via Madama Cristina. Davanti a uno due disoccupati sfiorano addirittura la rissa, separati dagli uomini delle sicurezza che invece che cacciarli, però, li rassicurano: “Ne diamo uno a famiglia, state tranquilli”.

Non so voi, ma da gastrocentrica appena letta la notizia la prima cosa che mi è venuta in mente è stata: ma tutti ‘sti polli, dove li prendono? Dal sito mi informano che sono tutti italiani allevati a terra, conditi a mano ogni giorno con erbe aromatiche fresche. Speriamo.

La seconda è più inquietante domanda che alberga in me è: cosa ci dice dell’Italia e di noi stessi questa faccenda? Per leggere l’accaduto è sufficiente scomodare la solita crisi economica, o la fila per scroccare il pollo la faremmo in tutti i casi?

Forse esagero, però mi torna in mente la duna discussione che ha acceso gli animi in rete la settimana scorsa, sugli italiani popolo di merda.

[Crediti | Link: Facebook, La Stampa, Santa Rita, immagini: Facebook]