Gente del Fud vuole sapere chi fa il riso Carnaroli più buono d’Italia, e lo vuole sapere da voi

Abbiamo attivato una collaborazione con Gente del Fud, il sito che mappa, commenta e tramanda i nostri prodotti tipici con la collaborazione dei foodblogger. Dieci di loro racconteranno le irresistibili specialità regionali italiane ma stavolta non per esibizionismo, ansia di status, adesione bovina alla critica gastronomica.

Tutt’altro, lo faranno per invitare voialtri lettori di Dissapore, con l’occasione trasformati in Buon Gustai (nel senso di gente che mangia bene), a segnalare su Gente del Fud nomi e cognomi dei produttori a cui dovete i più sublimi bocconi della vostra vita. Cosa bella per il Pil, ne converrete, e per l’autostima nazionale.

Facciamo un esempio. In questa prima ricetta della serie “I blogger di GdF” viene segnalato il riso Carnaroli di Chiara Dufour. Conoscete altri produttori di riso Carnaroli che meritano? Che aspettate, vi basta un clic per segnalarlo a Gente del Fud.

E se il sacro fuoco della condivisione tra fratelli dell’Internez non basta, c’è anche il regalo! In ogni episodio della serie, a nostro insindacabile giudizio, uno dei segnalatori riceverà una confezione da 12 kg di pasta Garofalo. Attenzione, per portarsi la pasta a casa non basta commentare, bisogna segnalare.

E’ tutto, possiamo iniziare. Qui entra in scena Antonietta Pasqualino, chef della Cucina dei Frigoriferi Milanesi e foodblogger con Boxing Catering.

ingredienti, risotto blue cheese

Da alcuni anni partecipo al Mercato della Terra di Slow Food a Milano, attivamente, nel senso che ho uno stand dove cucino con gli ingredienti che trovo la mattina al mercato.

Poi, già che sono li, gironzolo tra i produttori e faccio un po’ di spesa.

Spesso mi capita di tornare a casa con alcuni formaggi, spesso così buoni che li mangio come sono, senza pensare a troppe elaborazioni. Ma il Capra blu (che sarebbe un gorgonzola di capra) mi ha sempre incuriosito, ha un sapore da gorgonzola forte, pasta abbastanza asciutta, ottimo se abbinato a miele o marmellate.

Volevo abbinarlo a qualcosa di dolce come la barbabietola per creare un contrasto tra i due gusti. Così ho pensato a un risotto lasciato all’onda, quasi da mangiare con il cucchiaio.

Il risotto viene preparato con la barbabietola e finito con la crema di Capra blu che per contrasto, anche cromatico, lo rende particolarmente invitante.

Racconto degli ingredienti.
Per la preparazione del risotto ho utilizzato:

  • Il riso Carnaroli di una piccola azienda agricola, Cascina Scanna di Chiara Dufour con sede nel Parco Agricolo Sud Milano.
  • La barbabietola già cotta (per velocizzare le operazioni).
  • I classici ingredienti di tutti i risotti, vale a dire scalogno, burro, parmigiano e brodo.
  • Il Capra blu l’ho aggiungo alla fine della preparazione, sul risotto già nel piatto, dopo averlo ammorbidito con qualche cucchiaiata di panna tiepida.

Risotto in crema di Blue Cheese, preparazionepreparazione, Risotto in crema di Blue CheeseRisotto in crema di Blue Cheese, preparazioneRisotto in crema di Blue Cheese, preparazioneRisotto in crema di Blue Cheese, preparazioneRisotto in crema di Blue Cheese, preparazione

Preparazione.
La preparazione del risotto in sé è piuttosto semplice, è importante però servirlo (e mangiarlo) appena fatto, in modo che rimanga “all’onda”.

Ingredienti per 4 porzioni

  • riso carnaroli 350 g
  • barbabietola già cotta 200 g
  • brodo vegetale 1,5 l
  • scalogno 40 g
  • olio evo qb
  • vino bianco 1/2 bicchiere
  • burro 20 g
  • parmigiano 40 g
  • blu di capra 100 g
  • panna 50 g
  • noce moscata ( facoltativa)
  • sale e pepe

Risotto in crema di Blue Cheese, preparazioneRisotto in crema di Blue Cheese, preparazioneRisotto in crema di Blue Cheese, preparazione

frullare la barbabietola con 1/2 tazza di brodo vegetale
tritare finemente gli scalogni
farli appassire in una casseruola con 2 cucchiai di olio
aggiungere il riso
tostare
sfumare con il vino bianco
aggiungere il brodo
aggiungere la barbabietola frullata
proseguire con la cottura
regolare di sale e pepe
a fine cottura mantecare con burro e parmigiano
se non risulta abbastanza morbido aggiungere ancora un po’ di brodo
far sciogliere il blu con la panna tiepida
disporre il riso nei piatti e aggiungere la crema di blu
spolverare con noce moscata

Piaciuta la ricetta di Antonietta? A noi è sembrato un risotto all’onda da favola. Ma ora torniamo a bomba: quali altri produttori di riso Carnaroli volete segnalare a Gente del Fud? Vi aspettano 12 kg di pasta Garofalo.

[Crediti | Link: Gente del Fud, Boxing Catering, immagini: Antonietta Pasqualino]

Avatar Dissapore Dissapore

15 Ottobre 2013

commenti (54)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Claudio ha detto:

    Saro’ una bestia, ma io francamente non impazzisco per il carnaroli, rimane sempre troppo al dente per i miei gusti, ne’ ho trovato che ad esempio A….rello 5 volte piu’ caro sia 5 volte piu’ buono di altri

  2. Girino Giovanni, Casale Monferrato, Alassandria. Per me il migliore, scendo dalla Svizzera per comprarlo da lui!

  3. Avatar noname ha detto:

    Li ho provati quasi tutti.
    Per me il migliore per sapore, tenuta di cottura, consistenza, “carnosità”, insomma per tutto, è il Pila Vecia – Antica Riseria Ferron.
    Spettacolare!

    1. Avatar Paolo ha detto:

      Concordo con noname: Pila Vecia e’ una sicurezza.
      Accanto a questo, ho di recente scoperto un produttore del vercellese non meno buono: Cascine Bellaria (sito omonimo).
      Nel mio orizzonte non vado molto oltre questi due, davvero spettacolari.

  4. Avatar Giorgio ha detto:

    Il Carnaroli è un riso pavese. Infatti io lo compro solo all’azienda agricola Carenzio, a Pavia.

  5. Avatar Alan ha detto:

    Secondo me il migliore é sicuramente Acquerello della Famiglia Rondolino!

  6. Avatar icarus.mi ha detto:

    Non è per amore di polemica ma il riso alla barbabietola rossa è una ricetta di Bartolini, fin dai tempi delle Robinie.
    Concordo con il Pila Vecia. In particolare quello integrale ha un sapore e una consistenza unici.

  7. Carnaroli Riserva San Massimo di Gropello Cairoli (PV), miglior risotto milanese mangiato a Milano (Ratanà) e miglior risotto con le quaglie a casa 😀