di Camilla Micheletti 19 Giugno 2014
Jeff Bezos usa Nutella per presentare Fire Phone

Dal sempre proficuo profilo Facebook di Dario Bressanini, il chimico sul cui sci-blog passa la certezza della notizia scientifica, apprendiamo che i gastrohipster, oltreoceano, considerano Nutella un prodotto di culto. Non come noi, qui, che all’immedesimabile crema di nocciole accordiamo lo status di piacere inconfessabile. Al massimo.

Se avevamo bisogno di una prova ce l’ha fornita involontariamente Jeff Bezos. Ieri, a Seattle, l’ingegnoso fondatore di Amazon ha presentato Fire Phone, smartphone con 6 telecamere che riconosce canzoni, film e oggetti. Come, giustappunto, il barattolo di Nutella usato da Bezos per dimostrare quanto è diligente il Fire Phone.

Siccome due indizi fanno una prova, ecco l’appassionato articolo che il Washington Post (di Jeff Bezos pure quello, ma allora il fissato è lui) ha dedicato alle differenze di sapore tra Nutella prodotta negli Stati Uniti e Nutella importata dall’Italia, peraltro venduta a peso d’oro dai negozi di specialità.

A sorpresa, il punto non è la quantità elefantiaca di zucchero contenuta, neanche la presenza dei grassi idrogenati o la penuria di nocciole. No, l’articolo del Washington Post dà per scontato il fatto che Nutella sia un prodotto eccellente, ne non un’assuefazione da guarire.

Dobbiamo dire, con tutto il rispetto per il Washington Post, che non abbiamo altri sex symbol universali.

Guido Gobino, per dire. L’impudico cioccolatiere torinese che distinguiamo da uno meno bravo perché quando ci fa provare un gianduiotto non ci accorgiamo che è cosmico in quanto troppo occupati a chiederne un altro.

Ecco, volendo prendere la strada del fai-da-te, dell’autoproduzione insomma, per dimostrarvi, cari lettori di Dissapore, che una crema di nocciole buona e discretamente spalmabile possiamo farla da soli, ci siamo rivolti a Guido Gobino. Che perlatro, produce di suo una Crema al Gianduja ottima e abbondante

Ecco quello che ci ha detto.

Munitevi di:

100 g nocciole Piemonte Igp
80 g zucchero a velo
30 g cioccolato fondente amaro al 63 % di cacao
30 g cioccolato al latte con il 35 % di cacao
5 g di cacao in polvere

Nutella fatta in casa, noccioleNutella fatta in casa, nocciole a frullareNutella fatta in casa, nel frullatoreNutella fatta in casa, pronta

1. Tostare in forno le nocciole sgusciate per 15 minuti a 120 °.

2. Quando si sono raffreddate frullatele con lo zucchero a velo per ottenere un impasto omogeneo e cremoso.

3. Sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente insieme a quello al latte, attenzione, non superate mai la temperatura di 45 °.

4. Unite i due cioccolati alle nocciole e aggiungete il cucchiaino di cacao in polvere.

5. Versate in un vasetto di vetro sterilizzato e chiudete.

Basta: facile, no?

nutella, gnam

Conservate a temperatura ambiente tra i 18 e i 20 gradi in un luogo fresco e asciutto.

P.S. Guido Gobino vi fa sapere che per una variante dalla consistenza più impalpabile potete sostituire le nocciole con la pasta di nocciole. Ammessa anche la versione aromatizzata della Nutella, purché profumata da una bacca di vaniglia bourbon.

E’ tutto, folks.

[Crediti | Link: Scienza in cucina, DDay, Washington Post. Immagine: The Verge]