di Giorgia Cannarella 27 Febbraio 2014
Scontrini parlanti

Sbatti gli scontrinisti in prima pagina. Specie se omofobi, sessisti e malati di calcio.

Quello del “Valpolicella per sette stronzi“, scritto da un cameriere orgogliosamente veneto, non è certo il solo caso di offesa a mezzo scontrino. Anzi la moda sta dilagando anche fuori dai patrii confini. Tipo nei Burger King americani dove si usa dare delle hem… prostitute alle clienti. Ma ci torniamo dopo.

La casistica è ricca: un rapido esercizio di memoria e di ricerca su Google apre scenari stordenti. L’insulto al cliente è uno sport popolare e ricco di simpatiche variazioni.

Ci pare il caso di sdrammatizzare la pratica con una disamina dei più eccessivi, creativi, maleducati e politicamente scorretti del lotto.

GLI OMOFOBI

 Collage scontrini

“Un caffè macchiato per i ricchioni”. Sarà successo sicuramente in uno scalcinato bar di una zona industriale di una remota provincia! No, da Obika alla Rinascente di Milano. Destinatari quattro amici omosessuali che, però, si tolgono la soddisfazione di affrontare il cameriere, ottenere le scuse del personale di sala e, soprattutto, non pagare il conto.

A proposito di omofobia non se la passano tanto bene nemmeno nel Regno Unito, se il cameriere grafomane descrive nello scontrino una tavolata come “gay guys”. Almeno qui però si risparmiano l’insulto.

C’è poi l’antilesbismo del cliente. Tipo il caso di Dayna Morales, una cameriera omosessuale che lavora presso l’Asia Bistrò di Bridgewater, nel New Jersey. Invece della mancia le è tornato indietro uno scontrino con scritto “mi dispiace, non lascio nessuna mancia perché non condivido il tuo modo di vivere”. Finito su Facebook lo scontrino ha provocato una reazione virale: da tutti gli States sono arrivate messaggi di inviti e supporto, oltre a 1.200 dollari di donazioni attraverso PayPal.

IL TIFOSO

20131125_art_scontrino_antijuventino

C’è chi alla fede calcistica non rinuncia anche quando batte cassa. Accade al Bar della Piazzetta di San Sebastiano in Vesuvio, dove il proprietario Massimo sugli scontrini scrive «Napoletano juventino, ti schifano a Napoli e pure a Torino». Ricevendo insulti telefonici dagli juventini, e attestati di stima dai napoletani.

Momenti edificanti che rimandano a vari esercizi della capitale dove nel passato (?) capitava di leggere “vietato l’ingresso ai cani e ai laziali”.

LO STILNOVISTA

screencap-BK

Non si è capito cosa abbiano fatto due donne della Virginia che, dopo un pasto al Burger King, si sono viste definire “bitch ass hoes”. O meglio, se lo sono viste scrivere sulla ricevuta. Erano vestite in maniera provocante? Hanno flirtato con il cameriere? Oppure questo, appena tradito dalla moglie, ha avuto un rigurgito di misoginia? Tra l’altro le due donne erano NONNA E NIPOTE.

Sua ilarità il cameriere si è beccato però un licenziamento per il quale non piangerò lacrime iodate.

GLI ESTETI

article-2245158-166A7693000005DC-572_634x426

Ed è stato licenziato anche il cameriere che sullo scontrino ha scritto “fat girls”, “ragazze grasse”. È accaduto al Cameo Club Casino di Stockton – dove probabilmente entrano solo quelle con la taglia 40.

IL VENDICATORE

taco-haus

A volte, però, è il cliente a metterci del suo. Come questo amabile ragazzo che, invece che lasciare una mancia al cameriere del Taco Haus, lo manda a farsi fottere. Mancanza di classe (e di educazione, negli Stati Uniti non lasciare mancia equivale a vomitare sul tavolo). Il locale però replica mettendo lo scontrino su Facebook con nome e cognome visibili e l’hashtag #shameonyou #16yearoldrudepunk.

L’EVANGELICO

xlargeUna storia che fa tanto cinema americano, vista l’incredibile copertura mediatica data al caso. A St. Louis, nel Missouri, un pastore evangelico si è rifiutato di pagare la mancia al cameriere scrivendo sullo scontrino “I Give God 10% Why do you Get 18“, ovvero: se giro già a Dio il 10% del mio stipendio perché dovrei pagare il 18% a te?  Il cameriere, sconsolato, ha dichiarato: “Non avevo avuto nessun problema, erano anche rimasti soddisfati del servizio”. 

[Crediti | Link e immagini: Unione Sarda, Il Mattino, Daily Mail, Newsfeed, gay.it]