50 supercibi

Un menù della longevità? Andava fatto. 50 alimenti che si prendono cura di noi rallentando il processo d’invecchiamento, in una parola supercibi. Chi è propenso a catechizzare il prossimo grandeggerà citando erba di grano, camu camu e bacche di maqui. Perché a dire che i mirtilli fanno bene sono bravi tutti. I talebani  del salutismo troveranno nella ciclopica lista gli alimenti anelati dai supermercati all’avanguardia, dai ristoranti moderni, dalle tavole delle famiglie più aggiornate.

Frutta e vegetali con proprietà particolari, ingredienti di cui non conoscevamo l’esistenza che ora diventano irrinunciabili, il concetto di benessere che all’improvviso s’impadronisce di noi.

Iniziamo? Ecco i magnifici 50, e a parte le botte di salutismo tritagonadi, qualcuno andrebbe mangiato ogni giorno.

1. Cavolo nero

cavolo nero

Se Braccio di Ferro avesse saputo del cavolo nero non si sarebbe rotto le scatole con gli spinaci. Questo robusto, scuro e rigoglioso vegetale è strapieno di nutrimenti come il ferro, la vitamina A C e K, fibre, antiossidanti e è grandioso per depurarvi.  Il vostro fegato ringrazierà.

2. Semi di chia

Semi di chia

Sponsorizzato già dai Maya e gli Atzechi, questo supercibo sta di nuovo diventando una star nella dieta contemporanea. Aggiungeteli alla vostra insalata o ai frullari per dare una spinta alle fibre, ai grassi omega 3 e al calcio. Sono anche una comoda fonte di proteine.

3. Spinaci

spinaci

La vostra mamma vi diceva sempre di mangiare questi vivaci e rigogliosi vegetali se volevate diventare alti e forti. Quello che non vi diceva è che sono anche un aiuto per prevenire il cancro alla prostata e una fonte eccellente di vitamine A, C e K, oltre a essere ricchi di antiossidanti e una buona riserve di proteine.

4. Bietole

Bietole

Le bietole si posizionano parecchio in alto nella classifica delle verdure salutari, ma la parte migliore è forse il gusto. Il cavolo nero può essere difficile, i cavoli verza sono pesanti e tante persone odiano gli spinaci. Le bietole assomigliano invece più alla neutrale lattuga . Meglio ancora: hanno gli stessi principi nutritivi dei loro fratelli.

5. Cavolo verza

Cavolo verza

La verza non riceve lo stesso incondizionato amore del cavolo nero, ma i nutrimenti che porta in tavola sono gli stessi, come la vitamina C e la vitamina K. Pensate che nei banchetti dei Romani, risaputi gozzovigliatori, veniva mangiata prima del pasto per favorire l’assorbimento dell’alcol da parte dell’organismo. Fate un po’ i vostri conti.

6. Polline di api

Polline d'ape

Il polline è un supercibo incredibile ed è considerato uno di quelli più completi che possiate mangiare. È la più grossa fonte di proteine rispetto a qualsiasi altra fonte animale e contiene tutti gli aminoacidi essenziali. Oltre a una massiccia quantità di enzimi (più di 5000), vitamine e minerali. Come se non bastasse tra i benefici ci sono anche un aumento dell’energia, e un sistema immunitario più forte e un potenziamento degli impulsi sessuali.

7. Foglie di moringa

Foglie di Moringa

Questo delle foglie di moringa, una pianta tropicale, è ancora un segreto ben mantenuto, ma quelli che lo detengono sanno che questa è una delle piante più salutari che esistano. I benefici? Una bella dose di ferro, calcio, fibre, magnesio, potassio e proteine. La cosa che stupisce di più è che il tutto venga da una foglia.

8. Fave di cacao

fave cacao

Gli amanti del cioccolato possono abbuffarsi di fave di cacao senza sentirsi in colpa. Sebbene il cioccolato che tutti usiamo e conosciamo sia fatto da questi semi, dopo la cottura, la trasformazione e l’aggiunta di zucchero, questo supercibo diventa anche super dannoso per la salute. Abbondando invece con le fave di cacao, mangiate da sole o aggiunte ai frullati, darete al vostro corpo uno dei cibi più ricchi di antiossidanti che esistano.

9. Mirtilli

Mirtilli

I mirtilli sono anche un cibo per la mente: rafforzano la memoria, oltre a prevenire tutta una serie di problemi cognitivi che sopraggiungono con l’età. La parte migliore è che questi frutti popolari si trovano facilmente anche congelati, mantenendo intatti la maggior parte dei loro più importanti antiossidanti.

10. Curcuma

Curcuma

La curcuma è una spezia dai molteplici benefici che si trova anche nella miscela che forma il curry. Non è conosciuta solo per il fatto di essere di un bel giallo dorato: aiuta a combattere i radicali liberi, è antinfiammatoria e previene la perdita della memoria. Anche se è più diffusa sotto forma di polvere, in alcuni mercati si trova la radice, che è molto simile a quella dello zenzero.

11. Aglio

Aglio

Ok, forse non è la scelta migliore se subito dopo avete un colloquio di lavoro, ma potreste sempre giustificarvi con il fatto che per la vostra salute ne vale la pena. Questo supercibo, è risaputo, rafforza il sistema immunitario e combatte molti tipi di tumori. Magari il vostro futuro capo resterà colpito dalla vostra scrupolosità.

12. Acai

acai

Simili ai mirtilli questi piccoli frutti viola aiutano a combattere il cancro, i problemi circolatori e persino l’invecchiamento. È uno dei pochi frutti che contiene acido oleico, lo stesso che si trova nell’olio d’oliva, oltre a custodire il complesso ideale di amminoacidi, necessari per la rigenerazione muscolare.

13. Mirtillo rosso

Red-berry

Vi presento uno dei più nuovi supercibi della lista: il red-berry o mirtillo rosso canadese. Sono carichi di polifenoli delle piante, il che significa che questi piccoli gioiellini rossi acquistano subito un sacco di fascino. Possono diminuire le infiammazioni, combattere le infezioni da stafilococco, rifornirvi di antiossidanti e rafforzare gli enzimi del fegato.

14. Barbabietola

Barbabietole

A volte può fare un po’ senso preparare le barbabietole, per via del succo rosso che tanto ricorda il sangue, tuttavia bisognerebbe andare contro le apparenze, perché questi vegetali sono una ricchissima fonte di antocianosidi, ovvero antiossidanti, e vitamine del gruppo B. E non vi azzardate a buttare le foglie verdi, ricche di luteina, che ha molti dei benefici della vitamina A.

15. Fagioli neri

Fagioli neri

I poveri fagioli neri devono stare in alto nella nostra lista perchè sono una sottostimata fonte di proteina. Una sola tazza contiene circa 15 grammi di proteine, e la parte migliore è che non vanno a braccetto con tutta la serie di grassi saturi che si trovano in quelle di derivazione animale, come la carne rossa.

16. Avena

Avena

Da noi non è molto usata, e per questo dovremmo fare tutti quanti una penitenza. Potrebbe ricordarvi la parte più noiosa della colazione all’inglese, ma l’avena è anche una scelta ottimale per chi deve regolare i livelli del colesterolo. I chicchi di avena fanno esattamente questo, oltre ad aiutare nel mantenimento dei livelli di zucchero nel sangue. Per godervela potete sempre aggiungere mirtilli, cannella o miele.

17. Avocado

avocado

L’avocado è paradossalmente un altro cibo ricco di grassi, ma che fa bene al nostro corpo. Questo perché si tratta di grassi buoni, come l’acido oleico, la luteina, i folati la vitamina E e glutatione. Tutti componenti che fanno bene al cuore e proteggono dai tumori.

18. Olio di fegato di merluzzo

Olio di fegato di merluzzo

L’olio di fegato di merluzzo non è forse l’ingrediente più esaltante che potete mettere nella vostra dispensa, ma con le nocciole è una prelibatezza. Un cucchiaio al giorno, si diceva in tempi di carestia, e sarete al sicuro contro l’artrite e i dolori muscolari. Contiene anche omega 3, il che significa controllo del colesterolo e prevenzione contro i disturbi cardiovascolari.

19. Broccoli

Broccoli

Forse la vostra nonna era un po’ superficiale quando vi diceva che i broccoli vi avrebbero fatto diventare intelligenti, ma sareste furbi a mangiarli il più spesso possibile. Il supercibo che amavamo odiare da piccoli aiuta a eliminare le tossine dal corpo e ha una grande concentrazione di vitamina C. Sta diventando sempre più importante anche nella prevenzione al cancro.

20. Tè verde

Tè verde

Il tè verde darà al vostro metabolismo una bella spinta acceleratoria. Le persone che lo bevono quotidianamente bruciano più calorie durante il giorno (un rapporto di circa 50 a 100). Aiuta anche a regolare i livelli di glucosio, quindi ottimo per i diabetici, e aiuta a regolare il colesterolo oltre a rallentare i processi di invecchiamento cerebrale.

21. Noci

noci

Se volete migliorare l’umore durante la giornata aggiungete qualche noce alla vostra dieta quotidiana. Non solo contengono una grande quantità di zinco, manganese e rame, ma sono anche cariche di serotonina, una sostanza che nel nostro cervello è collegata direttamente alla felicità e alla sensazione di stare bene, e le noci hanno una delle maggiori concentrazioni di serotonina che possiate trovare.

22. Mandorle

mandorle

Uno dei supercibi più popolari, e a ragione. Che cosa potrebbe non andare in un grande quantitativo di grassi che fanno bene al vostro cuore? Le mandorle sono ricche di omega 3, che sostengono il buon funzionamento del sistema circolatorio e combattono il colesterolo. Oltre ad essere una fonte di manganes, vitamina E, magnesio e triptofano.

23. Pinoli

Pinoli

Chi non è mai andato a raccogliere i pinoli vada subito dietro la lavagna. Un’altra delle abitudini salutari che cercavano di inculcarci da bambini che era anche una delle poche divertenti. I pinoli sono ricchi di vitamina A e luteina, che aiutano a migliorare la vista, oltre a contenere vitamina D, che rafforza i muscoli e vitamina C, ottima per il sistema immunitario.

24. Quinoa

quinoa

I vegetariani e i vegani si sono sforzati di diffondere il credo della quinoa, il cereale non cereale, per anni. Finalmente anche gli onnivori hanno capito che se vogliono assumere un po’ di proteine (circa 8 grammi in una tazza) che non derivano dagli animali senza buttarsi sui fagioli, hanno quello che fa per loro.

25. Yogurt/kefir

Yogurt - Kefir

Non tutti i batteri fanno male. Il vostro corpo necessita di alcuni di quelli buoni per aiutare la digestione e lo yogurt li contiene tutti. Il vostro intestino sarà felice ( e funzionerà meglio) se aggiungete questi batteri alla vostra dieta quotidiana, e sappiamo tutti fin troppo bene che con un intestino felice si vive contenti.

26. Olio di cocco

Olio di cocco

L’olio di cocco sta andando molto di moda oltreoceano di questi tempi, e anche tanti panettieri hanno iniziato ad usare questo grasso al posto del burro e della margarina nelle loro preparazioni. È lodato per il suo acido laurico, che aiuta nella prevenzione di alcuni problemi circolatori come il colesterolo e la pressione alta. E i grassi saturi contenuti non sono nocivi come quelli di tanti oli in commercio.

27. Latte di cocco

Latte di cocco

Il latte di cocco è una buona alternativa naturale a un energy drink. Molti lodano il suo potere dissetante, e il buon lavoro che fa nel reintegrare i liquidi persi durante lo sport. Come se non bastasse una lattina contiene più potassio di 4 banane.

28. Radice di zenzero

Radici di zenzero

Lo zenzero è una base imprescindibile per la cucina indiana e cinese. È conosciuto per fare meraviglie per lo stomaco, ovvero combattere il mal di stomaco, eliminare i gas e calmare il tratto intestinale. Non usatelo solo a fine cottura per insaporire le vostre verdure, quindi. Ma prendete la buona abitudine di metterne un pezzetto nel vostro frullato mattutino.

29. Pepe di Cayenna

Pepe di Cayenna

Il pepe di Cayenna fa molto di più di quanto ci si possa aspettare da una semplice spezia. Vi rifornisce di vitamine A, C e K, oltre a essere conosciuto come fonte imprescindibile di capsaicina, che aiuta contro le infiammazioni. Provate ad aggiungerlo alla vostra dieta e scoprirete che può anche frenare l’appetito e alzare la vostra temperatura corporea, aiutandovi a bruciare più calorie

30. Aceto di sidro di mele

Aceto di sidro di mele

Alcune persone sono pronte a giurare sull’effetto depurativo dell’aceto di sidro di mele. Noi sappiamo che aiuta a bilanciare l’equilibrio del ph corporeo e a stimolare la circolazione.

31. Bulgur

bulgur

Mangiare i cereali aiuta a ridurre diversi problemi cardiovascolari. È per questo che il bulgur, 100 % di grano duro, è un toccasana per l’alimentazione. Fibre, proteine, ferro e vitamina B 6 tutti in un ingrediente solo.

32. Pistacchi

Pistacchi

A questo punto della lista non avete più scuse se volete abbassare i livelli di colesterolo nel sangue e non ci riuscite. Noi abbiamo a cuore la vostra salute e vi diciamo che potete farlo anche con i pistacchi. In che modo? Attraverso i loro alti contenuti di fitosteroli e fibre solubili.

33. Peperoncino

peperoncino

Tutti l’abbiamo visto almeno una volta citato in qualche ricetta afrodisiaca, ma forse non ci siamo fermati a pensare che il peperoncino ci fa bene non solo quando vogliamo dare il meglio sotto le lenzuola. Oltre a stimolare la circolazione, è ricco di vitamina C, vitamina A antiossidanti e licopene, che riduce il rischio di cancro alla prostata.

34. Papaya

Papaya

Se sentite che sta per arrivarvi l’influenza, correte subito a comprarvi una papaya, al posto della spremuta d’arancia. In uno solo di questi frutti tropical c’è più del triplo della vitamina C che si dovrebbe assumere ogni giorno. La papaya è anche una riserva di flavonoidi, vitamina B, magnesio e fibre. Inoltre, è un toccasana contro i problemi circolatori e riduce il rischio di cancro al colon.

35. Aglio nero

Aglio nero

L’aglio nero è ottenuto esponendo all’umidità e al calore il normale aglio per più di un mese. In questo periodo, i suoi benefici per la salute rimangono intatti, ma il gusto è più delicato e meno pungente. Ottimo se consumato con tamarindo, sciroppo di melassa e aceto balsamico.

36. Cannella

Cannella

Vedere la cannella sulla lista non è una scusa per abbuffarsi di strudel. Questa antica spezia è conosciuta da sempre per i suoi effetti benefici nella prevenzione del cancro, nel contrllo del colesterolo, oltre ad essere un ottimo alleato per regolare i livelli di zucchero nel sangue.

37. Semi di lino

Semi di lino

Piccoli di dimensione ma grandi come benefici, i semi di lino si posso aggiungere facilmente alle insalate, ai cereali e alle zuppe. Sono famosi per essere una grande riserva di fibre, che fanno bene all’intestino. Ma sono anche una fonte di omega 3 e lignani, che riducono il richio di cancro al seno nelle donne e alla prostata negli uomini.

38. Bacche di Goji

Bacche di Goji

Diventate famose con la dieta Dukan grazie a Kate Middelton, una manciata ha 500 volte più vitamina C di un’arancia. Oltre a questo, sono ricche di vitamine del gruppo B, di vitamina E e di un sacco di antiossidanti.

39. Alga spirulina

Alga Spirulina

Un’alga collegata con ogni sorta di benefici per il corpo. Fonte di prima qualità per le proteine, gli omega 3, e un sacco di vitamine (A, vitamine del gruppo B, C, D e E). Nella spirulina il calcio è 26 volte in più che nel latte. Haun gusto particolare, quindi è meglio aggiungerla a qualcosa di fresco come gli smoothies.

40. Radice /polvere di maca

Radici di maca

Usata dai nativi americani da migliaia di anni, questa radice, che è facile trovare anche in polvere, è un toccasana per il sistema endocrino e dovrebbe – tra tante altre cose – aumentare la vostra energia, gli impulsi sessuali, e bilanciare gli ormoni.

41. Semi di zucca

Semi di zucca

Quante volte li avete buttati dopo aver pulito una zucca? Bene, sappiate che ogni volta avete gettato nella pattumiera una miniera d’oro di magnesio, zinco, e persino triptofano, che vi avrebbe aiutato a dormire.

42. Erba di grano

Succo di erba di grano

Anche se masticarla è una sfida per le mandibole, il succo che si estrae dall’erba di grano ha effetti sorprendenti sul nostro corpo. Fa di tutto: stimola la tiroide, favorisce la formazione di globuli rossi, purifica il sangue e il tratto gastrointestinale, previene il cancro e provvede a fornire enzimi al nostro corpo.

43. Camu camu

camucamu

Supercibo e supertrendy, soprattutto in Nord America. Il motivo è il suo alto contenuto di vitamina C (l’integratore più usato negli Stati Uniti). Un cucchiaino al giorno e potete smettere di farvi venire l’acidità di stomaco con la spremuta a colazione.

44. Alga clorella

Alga Clorella

Chi sta cercando di ripulire l’organismo dai metalli pesanti corra subito a far rifornimento di chlorella, chiamata anche l’alga meravigliosa per i suoi poteri depurativi. Quest’alga monocellulare si lega ai metalli, alle sostanze chimiche e ai pesticidi e vi aiuta a eliminarli.

45. Lucuma

Lucuma

Questo frutto tropicale originario del Sud America è ricco di vitamine del gruppo B e di antiossidanti. È conosciuto per essere un valido aiuto per il sistema immunitario e per prevenire un sacco di disturbi. La cosa migliore è che il suo sapore è fin troppo gradevole, anche nella versione in polvere.

46. Bacche di Maqui

Bacche di maqui

Molte bacche sono antiossidanti, ma queste originarie del Cile forse sono le migliori. Oltre ad offrirvi una sincera dose di vitamina C, sono ricche di calcio, ferro e potassio, che fanno di loro delle piccole bombe antinfiammatorie.

47. Canapa

Canapa

No, non è quello che pensate. Non sto parlando di quella che vi alleggerisce le membra e il cervello, ma della versione in semi. Forse non sapevate che i semi di canapa favoriscono la digestione, e che sono più nutrienti di quanto si pensi, grazie al loro alto contenuto di fibre, proteine e omega 3.

48. Sacha Inchi

Sacha Inchi

Non siamo abbastanza ferrati sulle noccioline Inca. Gli indios della Foresta Amazzonica erano soliti usare questo supercibo per integrare la loro alimentazione. Anche se non sapevano che sono la migliore fonte di omega 3 che si possa trovare.

49. Miele di Manuka

Miele di manuka

Il miele di manuka è un prezioso alleato per le sue proprietà antisettiche. Forse non l’avere mai sentito nominare, ma sappiate che questo raro miele , che si produce dell’albero di Manuka in Australia e Nuova Zelanda, è famoso per i suoi poteri curativi. Il bello è che, rispetto agli antibiotici che ci vengono propinati, il gusto non è niente male.

50. Olio extravergine d’oliva

Degustazione olio extravergine

Non abbiamo bisogno di stare a elencare tutti i poteri benefici dell’olio extravergine d’oliva, che fanno parte del nostro bagaglio culturale da secoli, per non dire da millenni. Tuttavia è sempre bene ricordare, in tempi di diete del supermetabolismo e diete fast, che un buon olio d’oliva, consumato nelle giuste dosi, è il più buono e il miglior condimento che possiamo portare nelle nostre tavole.

[Crediti | Immagini: samanthamackie, flexiefoodie, bitesize wellness, healthenlightment, behealthyandwell, sweetpeaskitchen, plos, sheridan media, lifelesshurried, eataandrelish, littlechoicesmatter, dolomitiheart, lorensworld, bristolbites, kitchen thymes, willeatsdotcom]

commenti (38)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Paolo ha detto:

    La lista è così ampia, che alla fine anche uno zotico come me ci ritrova elementi della sua dieta settimanale. noci-mandorle-pinoli, mancano forse a un qualunque italiano? Per non parlare dell’olio di oliva. o della curcuma che ci rifilano al posto del più costoso zafferano 🙂
    Vabbè, forse non quotidiano, ma insomma almeno 4-5 volte la settimana! E senza alcun comportamento tritagonadi, garantisco.

  2. Avatar fontici ha detto:

    mia nonna e morta a 100 anni e 6 mesi la sua alimentazione principale
    era a base di latte almeno un litro al giorno

    1. Avatar Gillo ha detto:

      Conosco chi ha mangiato burro per una vita ed è arrivato ad oltre 90 anni

  3. Avatar Meg ha detto:

    Non per voler fare la pignola, ma la foto del n. 13 non mi sembra del mirtillo rosso, ma della pyracanta.

    1. Avatar Matty ha detto:

      Che occhio!!! In effetti i sepali (credo si chiamino così, comunque mi riferisco a quel ciuffo nero che spunta sotto la bacca) del mirtillo non sono neri, anche il colore della bacca mi sembra diverso.

      Comunque mi hai ricordato che, quando ero piccolo, a scuola c’era tutta la siepe di Pyracantha e all’intervallo facevamo la guerra tirandoci le bacche a manciate!!!

  4. Avatar Magic Luke ha detto:

    il grosso problema di alcuni di questi alimenti è il costo elevato, che ne rende difficile l’accesso ai comuni mortali almeno se intendiamo un consumo quotidiano. Senza andare sulle alghe, frutti esotici ecc… basti pensare ai mirtilli che hanno un costo al kg elevatissimo purtroppo
    In alcuni casi, comunque, si tratta solo di moda. Non voglio certo fare il moralizzatore, ma vale veramente la pena acquistare un prodotto che arriva dall’altra parte del mondo, estremamente costoso, quando posso trovare in Italia e in europa un equivalente, dal punto di vista nutrizionale, in grado di garantire gli stessi vantaggi?
    Le bacche di goji le ho mangiate anch’io ma non vedo perchè dovrei preferirle ai nostri comuni “frutti di bosco” che poi sono anche più buoni, a mio avviso.

    1. Avatar Matty ha detto:

      In effetti sono dettagli, nessun alimenti ti salva la vita…sembra banale dirlo ma una dieta variata e bilanciata con alimenti di buona qualità è già protettiva di per sè…

    2. Avatar Paolo ha detto:

      Temo, Matty, che neppure la “dieta variata e bilanciata con alimenti di buona qualità” sia condizione necessaria e sufficiente per una sana e lunga vita.
      Non almeno dalle parti dei miei avi, in Ogliastra, dove storicamente la fame litigava con la miseria, e la varietà degli alimenti andava di pari passo con la ricerca della qualità: zerovirgolazero.
      Però facciamo i gradassi come popolazione più longeva d’europa, e io conto in Quor myoh di avere ereditato quella parte di cromosomi, senza dovere rinunciare alle tagliatelle al ragù 🙂

    3. Avatar Matty ha detto:

      In effetti, caro Paolo, il grosso lo fa la genetica: sui nostri cromosomi c’è già scritto di cosa moriremo; però considera che ti alimenti tutti i giorni perciò non è credibile che il benessere dell’organismo possa prescindere totalmente dallo stile di vita…

    4. Avatar Vanni ha detto:

      Peraltro in tutti i negozi di integratori si trovano gli estratti di molti di questi prodotti, potendone ottenere i benefici con un costo decisamente inferiore.

    1. Avatar antonia ha detto:

      Non mi dire che non hai mai mangiato ‘u Màccu i favi.

  5. Avatar Laura ha detto:

    Al di là delle mode del momento, per me è stato fondamentale, ad un certo punto recente della mia vita, sapere che ci sono cibi che possono aiutare a migliorare il proprio stato di salute: non perchè prima non si consumassero già, ma perchè “psicologicamente” sono diventati un po’ ancore a cui aggrapparsi. Curcuma, zenzero, tè verde, crucifere, tanto per citarne alcuni, sono alimenti che per motivi diversi inibiscono la proliferazione incontrollata di cellule ed è provato da molti studi. Per quanto riguarda la curcuma si voleva addirittura portare avanti uno studio in cui essa veniva impiegata a certe dosi al posto della chemioterapia. Però ammesso che fosse possibile ciò,si potrebbe pensare che la case farmaceutiche utilizzerebbero o promuoverebbero un simile principio attivo non brevettabile e sui cui non si farebbero grossi guadagni?
    Quindi ritornando al tema ci sono sicuramente alimenti con interessanti proprietà (il cibo inteso anche come medicina), bisognerebbe avere più dati su come utilizzarli al meglio e nella combinazione più appropriata per ciascun caso perchè evidentemente non è che ingozzandoci di curcuma o di certe bacche se ne abbia necessariamente un beneficio. Insomma è un tema complesso ed interessante e ci vorrebbero più studi seri sull’interazione dei vari elementi.

    1. Avatar Magic Luke ha detto:

      il punto fondamentale del discorso, a mio avviso, è rendere la popolazione informata e consapevole delle scelte alimentari e di ciò che si porta sulla tavola: non si tratta di imporre il consumo di determinati “super”alimenti, perchè il cibo non può divenire un farmaco prescritto dal medico; si tratta invece di far conoscere i reali vantaggi, dimostrati scientificamente, di alcuni prodotti e di diffondere una buona cultura alimentare.
      Purtroppo siamo un popolo di tradizionalisti e l’introduzione di alimenti estranei alla nostra dieta mediterranea è ancora visto come un qualcosa di stramboide: io stesso sono vittima di questo tipo di pregiudizi ma non da parte dei giovani, bensì da parte degli adulti/anziani.
      Io nel mio piccolo ho raggiunto buoni risultati, specie tra i miei coetanei, ma in famiglia è veramente difficile.
      Al di là dei gusti personali, che rimangono inattaccabili, mi piacerebbe prima o poi evitare di sentire frasi del tipo “non mangio frutta secca perchè fa ingrassare” (ma mi ingozzo di patatine e merendine industriali), “il tea è per i malati”, “il cioccolato fa male” (si, se il tuo standard è la nutella)

  6. Avatar giovanni ha detto:

    Se tutti mangiassimo le erbe, i frutti selvatici, le verdure di campo e tutte le cose buone della nostra terra staremmo tutti meglio in salute, e senza bisogno di inquinare il mondo, avvelenandoci ed avvelenando, per fare arrivare semi e frutti da 30.000 kilometri di distanza ………….

    1. Avatar Matty ha detto:

      No credo che le aziende alimentari italiane che esportano in tutto il mondo sarebbero d’accordo con te…

    2. Avatar Paolo ha detto:

      Vade retro, satanasso!
      Incrocerei le mie lame con chiunque volesse privarmi della noce moscata.

      Ma sono uomo d’indole pacifica, del tutto privo di afflato vendicativo: ti butterei semplicemente nel Circo Massimo, additandoti ai presenti con queste semplici parole: “Ecce Homo, Colui che vi vuole privare dei semi delcaffè”.
      Poi mi giro: ho orrore del sangue…

  7. Avatar Nome ha detto:

    Ma i semi di lino, come si assumono? Quando avevo il cavallo glieli davo una o due volte al mese, ma bisognava farli bollire, il che li rende una pappa viscida e per niente appetitosa

    1. Avatar Matty ha detto:

      Hanno un sapore neutro, vanno bene sia col dolce che col salato…io li aggiungo alle insalate o allo yogurt, ovviamente dovresti dargli una masticata per rompere il tegumento e rendere disponibili i nutrienti all’interno.