di Martina Liverani 6 Febbraio 2014
Sex & the city, Il frigo

«Guardare dentro al frigorifero, è come guardare nelle mutande». Questa frase la disse un tizio invitato per la prima volta a cena a casa mia e al quale avevo appena proposto di prendere una bottiglia di vino e servirsi. Volevo solo metterlo a proprio agio, ma evidentemente non avevo considerato quanto avessi dovuto tenermi stretta la verginità del refrigeratore.

No, aprire il frigorifero al primo appuntamento, è una cosa che non si fa. Dopo i sogni nel cassetto, gli scheletri nell’armadio, i “vasetti del frigorifero” sono la metafora dell’interior design che meglio si presta a rivelare la nostra intimità.

Non solo in termini di gusti (si, mi piace il burro di arachidi Calvè, e allora?), di debolezze (si, ogni tanto bevo birra industriale e non per questo dovresti mettere in discussione la mia autostima) o di abitudini (mentre controllo il tuo ultimo accesso su whatsapp e mi chiedo perchè diavolo non rispondi dato che sei online, mi faccio un panino con il burro e le acciughe. Ieri ne ho mangiati otto).

Ma, di più, il frigo rivela chiari segni della nostra personalità. Dice se siamo o non siamo quel genere di persone di cui potersi fidare, innamorare, programmare figli e una vita insieme. Già viviamo in un epoca in cui le relazioni sono abbastanza complicate, ora per sperare di fare colpo o di cementare un rapporto promettente, tocca pure preoccuparsi di cosa contiene il frigorifero.

Bei tempi quelli in cui dovevi cercare ben altre informazioni:
una volta era il quadro astrale,
poi la dichiarazione dei redditi,
il guardaroba,
gli esami del sangue,
la fedina penale.

Oggi per decidere se è vero amore si guarda dentro al frigorifero. Qua da noi, la disciplina del interpretatore di frigoriferi è ancora in via sperimentale (posso dire, senza peccare di superbia, di essere una delle massime esperte nazionali in materia), ma naturalmente c’è già chi ne ha fatto un business.

Frigoriferi incompatibili

Parlo di John Stonehill, un guru che si è inventato un blog nel quale – analizzando le foto del vostro frigo e quello del partner – vi dirà se la vostra relazione funziona o se è solo un avventura. Massima stima a questo genio nel nostro tempo. E alle sue brillanti deduzioni.

Un frigorifero vuoto significa che non sei disposto ad impegnarti, e che viaggi molto, non hai tempo per una relazione stabile; se hai più di un vasetto iniziato e non finito dello stesso prodotto significa che sei uno che non porta a termine ciò che comincia, vuoi solo un’avventura; e naturalmente un frigo disordinato, corrisponde a disordine nella vita.

Frigoriferi compatibili

Stonehill non si limita a rilasciare pareri, ma offre anche consulenze preventive, come nel caso dei consigli su cosa assolutamente non tenere in frigo per essere sicuri di fare colpo:

No a stradi odori e sporcizia
Nessun animale morto intero
No la foto dell’ex appesa sulla porta
Nessun fluido corporeo
Niente cibo per animali
No al frigorifero vuoto
No all’assenza di bevande alcoliche
No a salse generiche
No a vasetti mezzi vuoti dello stesso prodotto
No allo yogurt con il Bifidus Actiregularis

E per fortuna che quella volta, il tizio invitato a casa mia, non ha aperto il frigorifero…

[Crediti | Immagini: Daily News | Link: Check Their Fridge]