trieste piazza unita

Non la nota mai nessuno. Okay, Trieste non è Venezia. L’architettura imperiale può sembrare pomposa, ma il ritmo della vita è più rilassato e c’è questa cultura anomala dei caffè. Eleganti, con soffitti alti e decori art-nouveau, chiaramente di ispirazione viennese. Il melting pot gastronomico di Trieste va scoperto e riscoperto. Sì, anche in 48 ore.

Di seguito trovate i nostri consigli dalla colazione alla cena: sfiziosi, abbordabili e raggiungibili a piedi perché tutti in centro.

Fatene buon uso.

clock time VENERDI’ 08:30 – COLAZIONE

eppinger caffe trieste

Eppinger, un classico della pasticceria triestina nella centralissima via Dante. I pezzi forti ci sono tutti: putizze, pinze, fave e strucoli. Potete prendere un caffè al volo oppure accomodarvi ai tavoli del piano superiore, anche per il brunch domenicale. Volete un promemoria? Scegliete tra le molte e irresistibili confezioni.

Eppinger Caffè via Dante Alighieri 2, tel . 040 637838.

clock time VENERDI’ 10:00 – PAUSA CAFFE

caffe san marco trieste

Trieste è la capitale italiana del caffè. Una cultura che ha permeato la sua storia facendo nascere numerose botteghe del caffè, alcune arrivate sino a noi. Sparito il Tergesteo (situato nell’omonima galleria) restano Stella Polare (al momento chiuso per restauro),  il centenario caffè San Marco, già ritrovo di Svevo e Saba, e il Caffè degli Specchi in Piazza Unità d’Italia, gestione che Generali, compagnia d’assicurazione proprietaria dell’immobile, ha affidato a Segafredo Zanetti di Bologna.

Infine il Caffè più antico, Tommaseo, decorato con specchiere provenienti dal Belgio e opere del pittore Gatteri, oggi gestito dalla famiglia Tombacco con frequenti degustazioni di vino e cucina raffinata.

Antico Caffè San Marco – via Cesare Battisti 18 – tel. 040 064 1724.
Caffè degli Specchi – piazza Unità d’Italia 7 – tel. 040 661973.
Caffè Stella Polarevia Dante Alighieri 14 – tel. 040 632742.
Caffè Tommaseo – piazza Nicolò Tommaseo 4/c – tel. 040 362666.

clock time VENERDI’ 13:00 – PRANZO

buffet pepi trieste

Una tipica forma di ristorazione triestina i Buffet, incrocio tra bar, trattoria e tavola calda specializzati in carni (porzina, cioè coppa o spalla di maiale, cotechino, carrè, lingua, zampone, pancetta, persino la testina) cucinate nella caldaia, ovvero un pentolone spesso incastonato nel bancone.

Come già raccontato, per un panino volante o un pranzo più posato l’indirizzo giusto è quello del mitico Pepi, che dal 1897 dispensa sul ben di dio sopracitato grattuggiate di kren (rafano) e spalmate di senape. Altrimenti i wurstel Vienna o di cragno, cioè una salsiccia del Carso, leggermente affumicata, dalla trama più grossolana, non sarebbero gli stessi. Altri ottimi Buffet: L’Approdo, da Rudy (Spaten), Siora Rosa.

Buffet da Pepivia della Cassa di Risparmi 3 – tel. 040 366858.
Buffet l’Approdovia Giosuè carducci 34 – tel. 040 633466.
Buffet Birreria da Rudy (Spaten)via Valdirivo 32 – tel. 040 639428.
Buffet da Siora Rosapiazza Attilio Hortis 3 – tel. 040 301460.

clock time VENERDI’ 13:00 – ALTERNATIVA VEGAN

zoe food trieste

Potete sedervi e rilassarvi, vegani e vegetariani sono di casa da Zoe Food. Il locale è recente, si è subito imposto in virtù dell’ambiente cosmopolita e delle proposte molto curate dalla colazione alla cena. E’ anche possibile fare la spesa.

Zoe Food – via Felice Venezia 24 – tel. 040 246 0420.

clock time VENERDI’ 16:00 – SHOPPING

liptauer trieste

Sartori mette in tavola Trieste. Piatti pronti, carne (wurstel e cotechini), grandi affettati, vino del Carso con etichette rare, olio e birra locale. Chiedete del Liptauer, antipasto da spalmare sul pane dalle origini ungheresi arrivato a Trieste ai tempi dell’impero, gusterete una crema di ricotta caprina con burro ammorbidito e cipolla, servita con generosa spolverata di paprika. Un’altra salumeria dove comprare è Alimentazione BM, con ottimi cioccolati e lievitati d’autore .

Salumeria Sartorivia di Cavana 15/A – tel. 040 300721.
Alimentazione BMvia Roma 3 – tel. 040 63 02 17.

clock time VENERDI’ 19:00 – APERITIVO

Gran malabar

Sempre affollato, non solo nel weekend, l’aperitivo triestino è fatto di piccoli spuntini (in dialetto ‘rebechin‘) che accompagnano i calici, vedi le tartine al prosciutto cotto nel pane spolverate di kren grattuggiato.

Partite dal Gran Malabar, eno-bar con oltre 60o etichette del Carso e del Collio (brda) e una gagliarda scelta di salumi e formaggi locali.

Gran Malabarpiazza S. Giovanni 6 – tel. 040 636226.

clock time VENERDI’ 21:00 – CENA

antipastoteca di mare voliga trieste

In cima al colle di San Giusto con un nome che non ti aspetti: Antipastoteca di Mare ‘Alla Voliga’. In realtà è una trattoria di mare con verace e squisita cucina triestina. Da provare tassativamente le zuppe.

Antipastoteca di mare ‘Alla Voliga’ via della Fornace 1 – tel. 040 309606.

clock time VENERDI’ 23:00 – BICCHIERE DELLA STAFFA

osteria da marino trieste

Tra le strette calli del ghetto alle spalle di piazza Unità c’è l’Osteria da Marino. Accomodatevi al bancone per gustare la Guinness o se preferite una (ho detto una) tra le 700 etichette. Cucina aperta per appetiti notturni.

Osteria da Marinovia del Ponte – tel. 040 366596.

clock time SABATO 08:30 – COLAZIONE

040 zeroquaranta social food trieste

Da Zeroquaranta si va per l’hamburger gourmet. Senza dimenticare pranzi e cene veloci con tramezzini e pesce fritto, la botta yankee con il brunch della domenica e i cupcake, la generosa colazione a buffet dove spicca l’ottimo a strudel.

040 social food via Rossini 8 – tel. 040 7600869.

clock time SABATO 10:00 – PAUSA CAFFE

romaquattro trieste

Niente caffè storici, oggi. Le alternative sono all’insegna di Illy, il caffè di casa: Romaquattro oppure Espressamente Illy di via delle Torri, le alternative

Romaquattro via Roma 4 – tel. 040 634633.
Espressamente Illyvia delle Torri – tel. 040 765251.

clock time SABATO 13:00 – PRANZO

genuino trieste

Ci sono fast food salutisti anche a Trieste. Da 2 anni Genuino serve pollo, insalate, zuppe, riso e piatti vegetariani, alternati a carni e patate al rosmarino cotte al forno. Look minimalista senza servizio al tavolo, con posate e stoviglie ecosostenibili.

Genuinovia delle Beccherie 13 – tel. 040/0640490.

clock time SABATO 19:30 APERITIVO

salumare trieste

Uno dei posti più divertenti di tutta Trieste. Salumare è la bottega/pescheria di design che affumica il pesce con metodi artigianali, e propone stuzzichini di mare in versione cicheti veneti (sardoni al savor) accompagnati da una bella selezione di Bollicine (sorvoliamo sui bicchieri). Un po’ caro.

Salumarevia di Cavana 13 – tel. 040 322 9743.

clock time SABATO 21:00 – CENA

nerodiseppia trieste

Stavolta il nome non inganna.

Nerodiseppia è una trattoria di mare specializzata nel fritto fatto in padella, niente friggitrice, che cambia ogni giorno a seconda del pescato. Da provare i zlikofli, apprezzati ravioli sloveni, in fin dei conti il confine dista un refolo di bora. Cantina fornita con spunti sloveni e croati, buoni i dolci come la millefoglie destrutturata della foto.

NerodiSeppiavia Luigi Cadorna 23 – te. 339 153 9039.

[immagini: Stefano Crevatin, istituti-religiosi.org, luxor magazine, wikipedia, Andrea Soban, trevenezie, passato tra le mani, promo trieste, lamagnada, escapista, goodmorningt rieste, vecio, Sabrina Lorenzi, facebook]

commenti (54)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Marcello ha detto:

    Consiglio anche Scabar per un pranzo o una cena.
    Dicembre 2012: che ricordi (e che fatica tornare fino a Milano dopo pranzo!)

  2. Avatar appetito ha detto:

    NOn riesco a rassegnarmi all'”alternativa Vegan”. Ma che alternativa è ?

    1. Avatar andrea Soban ha detto:

      a pranzo suggerisco una tappa, imperdibile, in un tipico buffet, non propriamente un locale consigliato per chi è vegano.
      C’è però questo bel nuovo locale, Zoe, che va incontro a queste esigenze

    2. Avatar appetito ha detto:

      Si questo l’avevo capito; più che altro non riesco a rassegnarmi al rilievo dato ad una prassi alimentare che considero deviante e malata, come se fosse una cosa normale. Ma immagino di dovermi rassegnare io…

    3. Avatar Grace ha detto:

      Bisogna soddisfare le minoranze, sperando che questa resti tale, altrimenti non è politically correct. Penso che Andrea dieci anni fa non lo avrebbe mai menzionato. Comunque grazie, mi è venuta voglia di andare a Trieste, con questo bel carnet di indirizzi.

    4. Avatar gourmet ha detto:

      ci mancava veramente, la tua opinione illuminata tollerante e produttiva. “deviante e malata”..”soddisfare le minoranze”..ma da dove vi verra’ poi, tutta ‘sta spocchia.

    5. Avatar Chiara ha detto:

      Nel senso che ci sono troppo pochi posti vegani a Trieste? Si, sono d’accordo!!!!!
      Comunque c’è anche Life Respect, in via Alfieri 15 con delle cene sfiziosissime!!!

  3. Avatar pippolimpionico ha detto:

    Per concludere la serata con un buon bicchiere o cocktail e ottima musica, a volte dal vivo, consiglio Never inn via Madonna del mare 19 in Cavana. Valido anche per aperitivo.

    1. Avatar andrea Soban ha detto:

      @pippo mi leggi nel pensiero 😉 ..il Never Inn Sturachakra (nome completo, sennò non lo trovate su facebook) era il secondo bicchiere della staffa il sabato sera (talvolta con musica dal vivo/djset)…

  4. Avatar Sneakerfreaker ha detto:

    Da un gelatiere manco una pausa gelato…..?
    Bello l’articolo, comunque!

  5. 21 posti per mangiare, bere, comprare e divertirsi a Trieste:
    abbastanza azzeccato, solo Pepi stona: ormai viene citato ovunque ma solo per la fama di una volta. Pepi dà porzioni piccole, è caro e la qualità è mediocre. Trieste ha molti altri buffet superiori a Pepi, due citati giustamente nell’articolo.

    1. Avatar Maurizio ha detto:

      Stavo per scriverlo io, meglio Rudi o Fora per fora (non citato)

    2. Andrea Soban Andrea Soban ha detto:

      Rudi citato (ma la preparazione dei bolliti è meno scenografica rispetto a Pepi), mentre Fora par Fora volutamente NON citato: è cambiata la gestione e non mi sono ancora fatto un opinione in merito

    1. Avatar andrea Soban ha detto:

      condivido solo in parte, per quanto riguarda prezzi, ma non qualità, sempre sopra la media
      Per chi non è mai stato a Trieste, pepi una visita la merita

    2. Avatar luka ha detto:

      Appunto per chi non è mai stato a Trieste…
      I veri triestini stanno sempre più alla larga da Pepi…
      Al limite, entrano, prendono un panino al volo e se lo mangiano per strada…

    3. Avatar Nome ha detto:

      Concordo…basta con sto Bepi..

  6. Avatar Giulio ha detto:

    Andate dove volete ma nella vita un panino di cotto col cren in quantità tale da provocare forte lacrimazione bisogna provarla.

  7. Avatar Gillo ha detto:

    Amo le città di mare.Amo il caffè.Amo Trieste.
    Mi è piaciuta moltissimo questa rassegna.Alcuni, bellissimi.
    Ci vogliono 3 giorni.

  8. Avatar elisa ha detto:

    e il frappè da Cremcaffè in piazza Goldoni? spero che lo facciano ancora se no io a Trieste non ci torno più 🙂

    1. Avatar Laura ha detto:

      Cambiata gestione il Cremcaffe di Rovis rimane un ricordo. Il frappé viene fatto in fretta da banconiere inesperte. Aspettiamo che riapra il Bar Koala?

    2. Avatar Gillo ha detto:

      Il dibattito è interessante perchè sono intervenuti molti triestini/e(o conoscitori).
      Il frappè è una specialità da bar conosciuta meno dagli italiani perchè consumata meno dei caffè, cappuccini ecc…
      A me piace molto, ma è difficilissimo trovarlo eccellente.
      Ora, proprio sul Cremcaffe di Rovis, Laura è stata tranchant e contrapposta alle opinioni di altri amici giuliani.
      Chi ha ragione?
      E’ questo l’annosa domanda di chi si trova a leggere, di passaggio, questo bel post sulla romantica Trieste.

    3. Avatar Laura ha detto:

      Ho dato due possibilità nell’ultimo inverno, entrambe fallite. Ma oggi ho visto che hanno riaperto il Bar Koala, via Mazzini. Appena capita l’occasione testerò.

  9. Avatar Pastaalsalmone ha detto:

    Non sono d’accordo su Nero di Seppia. È una trattoria che si vuole comportare da ristorante chic. Il pesce sicuramente è fresco, ma le porzioni davvero piccole e il prezzo un po’ sbilanciato. C’è molto di meglio a Trieste. Allo stesso prezzo consiglio il ristorante La Barca alla Marina di San Giusto e a prezzo un po’ più alto Pepenero Pepebianco, davvero imbattibile. E, tra i buffet, Al Porton è sempre una garanzia di qualità..per bere un bicchiere di vino spizzicando prosciutto o bruschette, o per una cena completa, con proposte sempre diverse e una tartara di angus da urlo