di Dissapore Dissapore 15 Luglio 2017
gelato cono

Nata nel 2011, cresciuta nel 2013, prima di dilagare ovunque nel 2014 con le attuali 100 posizioni, la classifica delle migliori gelaterie di Dissapore è diventata nel 2015 e 2016 un riferimento culturale per chi cominciava a non poter vivere senza vaniglia del Madagascar, pistacchio di Bronte e personale rockettaro con grembiule brandizzato.

Bene, questo post ha due compiti, iniziamo dal primo: preannunciare in pompa magna la venuta della classifica 2017 snocciolata in tre parti, o meglio, in 3 giorni:

martedì 18 luglio con le posizioni dal numero 100 al 51;

mercoledì 19 luglio con le posizioni dal numero 50 all’11;

giovedì 20 luglio con le posizioni dal numero 10 all’1.

Mentre l’altro compito del post è farvi sapere chi si aggiudica il titolo di “Gelatiere dell’anno 2017” (certo che stiamo per spiegarvi di cosa si tratta, ancora un attimo di pazienza).

gelato al cioccolato

I gelatieri, gelatai e artigiani del freddo che vogliono entrare nella magica lista sanno già di dover mischiare l’opulenza delle merci con il consumo etico, dunque consumo etico ed estetico, perché la frutta e le creme, magari bio, niente hanno da spartire con l’estetica poverella delle gelaterie opache, anzi sono il trionfo del lampone turgido e del latte fresco di fattoria, perché da mucca felice e umanizzata.

E se volete approfondire, voialtri mastri-stracciatella, i 10 comandamenti per entrare nel “Regno del gelato” –insomma, i criteri necessari– li sapete già, ve li abbiamo detti e ridetti.

GELATIERE DELL’ANNO (2017)

Tra scaffali di legno chiaro, allegre scritte su lavagne, infinite vaschette in acciaio, personale giovanissimo e “funky” (niente facce da commessi) LORO –i gelatieri nostri– rischiavano di rimanere sullo sfondo.

Allora abbiamo chiesto ai 100 protagonisti della classifica 2016 di Dissapore il nome di un loro collega particolarmente attivo durante l’anno, e non solo per avere inventato il gusto al cavolo nero (stiamo scherzando).

Anzi la richiesta recitava pomposamente così:

“Segnalateci il gelatiere che si sia particolarmente distinto, dati come criteri di giudizio professionalità, pregio del gelato e spirito di divulgazione della sua artigianalità”.

andrea soban

Ci siamo divertiti a leggere le risposte che dopo un appassionante testa a testa hanno prodotto questo risultato:

10. Giancarlo TimballoFiordilatte, Udine

8. Fabio SolighettoAlbero dei gelati, Seregno (MB), Monza (MB), Cogliate (MB)

8. Simone De FeoCapolinea, Reggio Emilia

7. Alberto MarchettiAlberto Marchetti, Torino

6. Antonio LuziMakì, Fano (PU)

4. Maurizio BernardiniGalliera 49, Bologna

4. Gianfrancesco CutelliDe’ Coltelli, Pisa

2. Antonio MezzaliraGolosi di Natura, Gazzo (PD)

2. Paolo BrunelliBrunelli, Senigallia (AN)

1. Andrea SobanSoban, Valenza (AL), Alessandria, Trieste.

Complimenti al club selezionato di super gelatieri artigianali italiani e ad Andrea Soban, votato dai suoi colleghi gelatiere dell’anno 2017.

Disclaimer: Sì, Andrea Soban, gelatiere evoluto, sperimentatore di nuovi sapori, gourmet instancabile e anima della Compagnia dei gelatieri, associazione non profit per la divulgazione del gelato artigianale, è lo stesso che scrive spesso su Dissapore, ma sfido chiunque di voi lettori che state per saltarci alla giugulare a non essere d’accordo, non con noi peraltro, ma con i suoi colleghi.

Tutto ciò detto e ribadito, Dissapore vi dà appuntamento a martedì 18 luglio (posizioni 100/51), mercoledì 19 luglio (posizioni 50/11) e giovedì 20 luglio (posizioni 10-1) per scoprire la classifica delle migliori 100 gelaterie di Dissapore 2017.