di Cinzia Alfè 21 Giugno 2016
Pizza, Sorbillo e Joe Bastianich

E poi non venitemi a raccontare che Joe Bastianich non è un volpone. Tutto si può dire del flemmatico giudice di Masterchef, tranne che non sia un imprenditore più che scaltro.

Talmente abile da trasformare una sonora stroncatura in una ghiotta occasione di visibilità e di riscossa, moneta sonante per i suoi 25 ristoranti disseminati per il pianeta.

Uno di questi è Mozza, la pizzeria di Bastianich a Los Angeles che Dissapore ha avuto il (dis)piacere di testare, piazzata al settimo posto da Where to eat Pizza, la fantomatica guida delle migliori pizzerie del pianeta edita da Phaidon, e invece relegata da Dissapore a un prodotto che”trasuda mediocrità da tutti i pixel”.

Anzi, per essere sinceri e a voler girare il coltello nella piaga, l’editor di Dissapore la considerava troppo cotta, troppo piccola e troppo poco condita. A completare il bel quadretto, nei commenti al suddetto post, branchi di leoni da tastiera consigliavano coloritamente al nostro –come solo gli italici a volte sanno fare–  di andare a casa a studiare, cioè a imparare come si fa una succulenta pizza degna di questo nome, almeno secondo gli esigenti palati italiani.

Roba che uno potrebbe prendersela un pochino (incazzarsi un attimo), ribattere, difendere a spada tratta l’eccellenza del proprio prodotto, no?

Sorbillo e Joe Batianich, Pizza

E invece Bastianich che fa? Con un magico calcio d’angolo ben piazzato rilancia il post su Twitter, poi piazza su Instagram una risposta meno diplomatica in cui non le manda certo a dire a Dissapore, ma sempre con l’aria da uomo di mondo.

Infine, mite mite, molla Mozza e la città degli angeli per vestire i panni del bravo scolaretto, e a scuola di pizza ci va veramente.

E mica dal pizzaiolo sotto casa, a Los Angeles – a scanso di altre stroncature – no, no! Lui viene qui, in Italia, addirittura a Napoli da Gino Sorbillo, uno che la pizza ce l’ha nel sangue, cresciuto a pane e pizza nel locale che fu già dei nonni.

Si mette (mentalmente) bravo bravo il grembiulino nero col fiocco al collo e giù di pizza e impasti: prova, riprova, studia, si dedica. E alla fine riesce. Impara. Apprende.

Ruba il mestiere di pizzaiolo, mentre insegna quello, persino più profittevole, della visibilità mediatica. E porta a casa il risultato. Bastianich, da quell’istrione-imprenditore che è ce l’ha fatta ancora una volta: ha trasformato una critica solenne in un punto a suo favore. Praticamente un colpaccio, un po’ offerto dal caso e un po’ abilmente costruito.

Perché quando hai 25 ristoranti  di successo sparsi dappertutto in giro per il mondo –e non sei nemmeno un “vero” cuoco– non può certo solo essere  una botta di c… fortuna.

DISCLAIMER:

Sorbillo, Bastianich, Cannavacciuolo,Sorbillo, Barbieri, pizzaSorbillo, Masterchef

Ci avete creduto, vero? Magari sarà anche come vi abbiamo raccontato, almeno in parte, ma Joe Bastianich ieri era a Napoli insieme ai compagni di avventura Cracco, Cannavacciuolo e Barbieri per una prova in esterna del prossimo Masterchef. E tutti ne hanno approfittato per una pizza da Lievito Madre, la pizzeria di Sobillo.

[Crediti | Link: Dissapore. Immagini: Vincenzo Pagano]