Sfida a Capri: dopo L’Altro Vissani arriva Mammà di Gennaro Esposito

Capri si affolla di stelle. Michelin.

Risalita la china di uno splendore appannato dai tempi del jet set grazie a l’Olivo del Palace Hotel e al Riccio, il beach club migliore d’Italia, nella famosa piazzetta è da poco sbocciato l’altro (Gianfranco) Vissani.

Tra resident e in trasferta fanno cinque stelle Michelin. Ora con Gennaro Esposito il settebello è calato. Il 15 giugno, quando lo chef campano de La torre del saracino di Vico Equense aprirà il suo nuovo ristorante pizzeria, Mammà, nei locali che furono dello storico Gemma, saremo a quota 7.

Ma che nome è Mammà, e chi ha detto pizza? Chiediamolo a lui, presissimo dalla progettazione della nuova Festa a Vico che dal prossimo fine settimana occuperà il gastrocosmo.

D: Il luogo innanzitutto. Perché Capri?

GE: “Perché è qui che buona parte della clientela della Torre del Saracino ama trascorrere le vacanze estive. Da Sorrento sono soprattutto i turisti stranieri cui piace mettere la prua in direzione dell’isola Azzurra”. Mammà è in un posto strategico con la sala che è snodo tra Piazzetta e vista panoramica.

D: Capri, ombelico dell’alta cucina con due nuove aperture in Piazzetta, dove già si favoleggia di un Gianfranco Vissani istrionico “buttadentro” del suo nuovo ristorante.

GE: “Un caso fortuito e fortunato che permetterà un confronto e credo altri motivi di interesse per andare a Capri”.

D: Ci saranno diversi motivi per entrare da Mammà. Uno si chiama pizza, nuovo oggetto del desiderio per gli appassionati di gastronomia.

GE: C’era un doppio ingresso e un forno. Nella ristrutturazione era fin troppo facile prevedere una pizzeria con 50 posti mentre il ristorante può ospitare 60 persone”.

Gennaro Esposito

D: Cosa ci fa mangiare Mammà?

GE: “Un mix, un 50 per cento di classici de la Torre del Saracino e un 50 per cento di piatti della tradizione partenopea, caprese in particolare, con la selezione di prodotti assicurati da agricoltori e pescatori dell’isola”.

Si inizia con la Parmigiana di pesce bandiera con mozzarella di bufala e la Minestra di pasta mista con crostacei e piccoli pesci.

Pizza e alta cucina vanno sempre più d’accordo (ricordate la nuova pizzeria di Andrea Berton che aprirà a Milano o avete visto il programma della Festa a Vico con La Pizza delle Stelle nella serata dei (100) Big Chef?) e anche se La Torre del Saracino non si trasferisce a Capri, l’eco della sua tavola con la Parmigiana di pesce bandiera con mozzarella di bufala e la Minestra di pasta mista con crostacei e piccoli pesci arriva sui Faraglioni.

A un prezzo di degustazione di 90 €.

Ristorante Mammà
Via Madre Serafina 6/11 – Capri (Napoli).
Tel. + 39 081 837.7472

[Crediti | Link: Dissapore, Scatti di Gusto. Immagini: Scatti di Gusto]

Avatar Vincenzo Pagano

27 Maggio 2013

commenti (9)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. E’ strano! Sia Vissani (leggere le interviste) che Esposito usano la frase “tradizione partenopea”.
    Macomèche quando si parla di “tradizione” nei blog si fa subito riferimento
    alla cucina della nonna,alla cucina casalinga,a pizza_spaghetti(e mandolino) ecc…?
    Connotandola in senso dispregiativo?

  2. E per pizza e alta cucina citerei il Foro dei Baroni a Puglianello dove ad una onesta pizzeria (anche da asporto!) si affianca un ristorante notevole e creativo…

    1. Non li conosce quasi nessuno,se non i locali.La grande tradizione regionale è poco conosciuta dagli italiani.1) Conoscono quella della loro regione ed in più si sta sviluppando una 2) conoscenza della cultura gastronomica estera,che è un fatto positivo.Ma,secondo me,è trascurato l’approfondimento dei piatti tipici regionali..Lasciando stare il campione di appassionati e frequentatori di blog come D,la pasta alla genovese metterebbe in difficoltà tantissimi italiani,specialmente se dici loro che è un piatto napoletano : ma come la genovese a Napoli ?!
      Un capolavoro che ,spero,non venga mai destrutturato o ridotto a spuma.
      Ma lo spirito creativo delle avanguardie è sempre pronto a fare danni,
      perchè come lo soddisfi un io ipertrofico e narcisistico?

    2. Avatar Oste ha detto:

      oooppps..la risposta qui sopra è per Gianluca D.B.