Sfoghi | I peggiori vizi dei peggiori ristoranti

Su nostra richiesta, venerdì scorso avete fatto a chi ce l’ha più lungo, ehm, volevo dire che avete snociolato i PEGGIORI vizi dei PEGGIORI clienti dei vostri ristoranti. Siccome siete dotati di un sottovalutatissimo talento da sceneggiatori, ne è uscita una sequenza di perle niente male, eccone alcune: Quelli che come mancia ti portano una saccata di bronzini.

  • Quelli che levano, mettono, rivoltano, e modificano ogni voce del menù fino a raggiungere le estreme vette del ridicolo: Vorrei un piatto di tortellini alla panna con i rigatoni al posto dei tortellini e pomodoro e basilico al posto della panna.
  • Quelli che chiedono un consiglio sul vino e poi tirano fuori l’iPhone e ti dicono che sulla guida non c’è.
  • Quelli che: un espresso ristretto in tazza grande, che sprigiona meglio l’aroma.
  • Quello che: scusi, ma nella coppa agli amaretti ci sono gli amaretti?
  • Quella che mi chiama urlando e sentenzia ”Ma c’è un vetro nel mio piatto!” e il vetro presunto altro non è che un croccante trasparente ai capperi e limone.
  • Quello che fa il mix con gli ingredienti di 4 diverse portate del menù creandosi estemporaneamente un piatto che lo chef dovrebbe preparargli il sabato sera col locale pieno.
  • Quello che appena seduto inzia a dire quanto bene ha mangiato in una serie di ristoranti tuoi competitor.
  • Quello che vuol essere riconosciuto apertamente per vantarsene tuta la sera con gli amici.
  • Quello che dopo 22 anni che hai aperto il ristorante ti incontra per strada e “… Devo sempre venire da te”.
  • La signora del tavolo accanto che sa fare meglio ogni piatto che arriva: ma stai a casa!

Ma non c’è avventura di Paperone senza Rockerduck, ecco perché da questo momento la parola passa ai clienti. Cui chiediamo di snociolare i peggiori vizi dei ristoranti che frequentano. Serve un aiutino? Perlustrate il nostro elenco.

  • Quelli che non salutano i clienti.
  • Quelli che ti consigliano con particolare insistenza l’ultima aragosta rimasta. Ma mangiala tu!
  • Quelli che interrompono puntualmente le conversazioni senza aspettare che i clienti abbiano finito.
  • Quelli che ti stressano se non finisci una portata, specie le donne, costringendoti a momenti di grande imbarazzo: “Tutto bene?”
  • Quelli che porgono i bicchieri infilandoci le dita dentro.
  • Quelli che: “per chi sono le vongole, e la bistecca?” Ma un piccolo sforzo di memoria, no?
  • Quelli che stappano una bottiglia facendo i botti di Capodanno.
  • Quelli che mandano platealmente al diavolo lo chef, il sommelier o il cameriere mentre i clienti ascoltano.
  • Quelli che ci mangiano, bevono e fumano davanti. Ma il personale non era come il poliziotto che in servizio non beve.
  • Quelli che “Ottima scelta, signore”. Perché, ce n’è una peggiore?
  • Quelli che ti riempono il bicchiere dopo ogni sorso e quelli che lo lasciano vuoto troppo a lungo. Oddio che ansia!

Coraggio, tocca a voi, e ricordate che lo sfogo è terapeutico.

[Crediti | Link: dissapore, immagine: joshandjosh]

Massimo Bernardi Massimo Bernardi

18 Gennaio 2011

commenti (116)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar aranthor ha detto:

    quelli che ti lasciano a giocare con i grissini dopo aver preso l’ordine, si dimenticanio il cestello per il vino e intanto hanno servito e riverito di tutto punto il tavolo a fianco, che guarda caso era composto da n amici amici…..

  2. Avatar Mr. R ha detto:

    Quelli che come resto ti danno una saccata di bronzini! :-))

    1. Avatar MAurizio ha detto:

      Con le laute mance ricevute ci dovranmno pur fare qualcosa …
      :-))

  3. I proprietari che si attaccano al tavolo a parlare anche quando sono arrivati i piatti. Ma vai a lavorare e fammi mangiare!

    Al pizzaiolo che se gli dici che alla pizza manca il sale ti risponde che è una direttiva che arriva da Milano. (manco fosse un franchising)

  4. Avatar Luiggi ha detto:

    Quelli che alla richiesta del conto ti portano un piccolo foglietto a quadretti sgualcito con una serie di numeri scritti a penna e uno sconto di due euro, così non chiedi ricevuta fiscale.

    1. Avatar MAurizio ha detto:

      Quelli che non hanno neanche il foglio e “basta la parola …”

    2. Avatar manfre69 ha detto:

      quelli che lo scontrino lo fanno
      poi a casa ti accorgi che piccolo piccolo c’è scritto:
      ricevuta non fiscale

      a firenze…

    3. Avatar Luca Chef ha detto:

      quelli che ti chiedono lo scontrino e poi volevano la fattura e poi se la dimenticano nel tavolo 🙂

  5. Avatar oloap ha detto:

    quelli che ti fanno pagare il gelato fuori menu’ fisso come una bistecca fiorentina.

  6. Avatar emma ha detto:

    Quelli che hanno una carta dei vini di 400 pagine ma poi, guarda il caso, non hanno neanche uno dei vini che scegli

    Quelli che hanno una carta dei vini di 400 pagine, ti danno trenta secondi per scegliere la bottiglia e poi la fanno arrivare al tavolo quando hai già finito il primo piatto

  7. Avatar Viola ha detto:

    quelli che non ti portano il menu (in particolare dei dolci), ti dicono tutto solo a voce e poi si dimenticano un sacco di cose; il piatto che portano al tavolo accanto non si reano ricordati di dirtelo e magari lo avresti preso….

    quelli che ti portano da bere dopo un secolo e hai gia’ il piatto davanti quando arriva il vino

    quelli che palesemente insistono per farti prendere un certo piatto

    quelli che “per cominciare un antipastino della casa”… quanto mi fanno…….

  8. Avatar alberto ha detto:

    Quello che ha il tutto esaurito per i prossimi tre mesi, ma se lasci il numero di cellulare poi ti richiama e ti trova un posto il giorno stesso. Sempre.

    1. Avatar alberto ha detto:

      Io parlavo di un altro…. moooolto più marketing oriented!

  9. Avatar nicola a. ha detto:

    Al Bar.
    Il caffè glielo macchio?
    Se lo voglio macchiato te lo chiedo !!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Carte dei vini poco serie (specialmente in pizzerie/trattorie).
    Nei menu rettangolari plastificati da lebbra per motivi di spazio vengono indicati solamente nomi dei vini e vitigni, ma non le aziende produttrici. Ma di chi c…o sono !!!!!!!!!!!!

    A seguire.
    Come antipasti facciamo dei vassoini?????
    Ma de che????!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    1. Avatar Igor ha detto:

      Quelli che il caffe’ col banco pieno ti chiedono il caffe’, poi mooolto dopo lo vogliono macchiato, poi ti chiedono l’acqua, poi dopo un altro bicchiere d’acqua,poi dopo aver zuccherato il banco lasciato il cucchiaino in giro ti chiedono altra acqua…scusa e’ per il cane…

    1. Avatar sguida ha detto:

      mi preparo per lo sforzo 😉