di Andrea Soban 18 Dicembre 2012
Trita, Milano, hamburger, esterno

Come ha fatto Trita: “tailor made burgers”, a far parlare di sé più della previsione dei Maya sulla fine del mondo, guadagnando a pochi mesi dall’apertura la menzione della guida Foodies 2013, in una scena congestionata come quella delle hamburgherie di Milano? I molti clienti in zona ticinese citerebbero la possibilità di personalizzare al massimo ogni panino: alla cassa si scelgono subito il tipo di pane, carne, salsa, verdura o formaggio. Poi si prendono le bibite nel frigo e in attesa di essere chiamati per ritirare il panino attraverso l’apertura che dà sulla cucina si paga il conto.

trita milano hamburger menutrita milano hamburger comunicazionetrita milano hamburger cucinatrita hamburger frigotrita milano hamburger salviette

Il locale luminoso, total-white, con grandi cartelli sulle pareti che “raccontano” gli ingredienti aiutando i clienti ad assemblare il panino, adotta la formula della vendita di alimenti a libero servizio ovvero, una specie di take-away con alcuni posti a sedere. Per questo mancano i servizi igienici e di conseguenza, ci si lava le mani con le salviettine imbustate reperibili sui tavoli.

La scelta è tra quattro tipi di carne, bufalo campano a 6,50/8,50 €, limousine padana a 7,50/8,75€, black angus a 8/10€ e wagyu, la razza giapponese conosciuta come manzo di Kobe, a 18€. Tutte in due diverse pezzature (200 o 250 grammi), tritate e pesate al momento sulla bilancia, mentre le verdure, ovvero lattuga, pomodoro, cipolla e cetriolo sono gratuite. Pagabili a parte come supplemento bacon, funghi, melanzane, avocado, zucchine e jalapenos, formaggi (cheddar, gorgonzola, brie, caprino a 0,75€) e salse (mayo, chetchup, curry, bbq, senape, speciale a 0,50 l’una tranne quella della casa, in omaggio).

trita milano hamburger panino

Il gioco è divertente: nel nome della massima personalizzazione ognuno crea il suo hamburger perfetto, ma occhio, facendosi prendere la mano i prezzi lievitano. Anche la sartorialità ha un prezzo. Accanto ai panini si possono ordinare patate fritte a 3,50 €, bibite classiche o birre in bottiglia scegliendo tra Menabrea, Tennent’s super o Corona a 4€ l’una.

Supero l’indecisione che provoca tanta abbondanza e scelgo un black angus da 200grammi con cheddar, bacon, insalata, pomodoro e ketchup in un panino al sesamo. Abbinato a non indimenticabili patate fritte dal taglio a bastoncino largo (surgelate?) nell’apposito involucro di cartone, con le salse servite a parte, bevendoci sopra una classica Menabrea nella versione migliore, etichettata G. Menabrea E Figli, imbottigliata ancora a Biella.

trita milano hamburger morso

Con tutte le variabili possibili non è facile giudicare i panini di Trita. Restando al mio, generosamente farcito, non lo includerei nel kit di sopravvivenza per la fine del mondo: la carne lascia un ricordo tutt’altro che indelebile, poco saporiti anche formaggio e bacon, il cui gusto ho percepito a fatica. Meglio il pane, declinato in tre varianti, liscio, sesamo e semi di papavero, largo, ben masticabile e con una leggera nota dolce.

trita milano hamburger patatone fritte

Da riprovare, magari facendosi tentare dall’hamburger con il manzo di Kobe, i cui capi prima di tirare le cuoia verranno anche massaggiati con la birra massaggiati con guanti di crine di cavallo e bevono birra, ma che se non squisiti, costando 18 €, ci costringerebbero a sbugiardare la guida Foodies 2013 e scacciare dal paradiso delle hamburgherie Trita l’impostore.

Trita,
piazza XXIV maggio 6 – Milano
.

[Crediti | Link: Dissapore, immagini: Andrea Soban]