di Tavole Romane 16 Febbraio 2012

Se dico supplì al telefono, con la crosta croccante e dentro sontuosi, con il ragù al pomodoro e la mozzarella che fila alcuni di voi inizieranno a salivare incontrollabilmente. La quota di lettori romani saliverà di più, perché come si diceva su Dissapore all’epoca del primo post sul tema, i supplì sono istituzione profondamente romana, e siccome a Roma è più facile comprare un supplì che un pacchetto di sigarette, una caccia al perfetto supplì è un bel modo di girare la città.

Trascorsi due anni dal primo itinerario era arrivato il momento di aggiornarlo.

Così, esattamente due settimane fa abbiamo dato il fischio di inizio sul nostro blog, chiedendo una calda, intensa, calorica confessione. Dove avete mangiato il supplì romano dalla crosta perfetta, il ripieno emozionante, l’effetto antidepressivo garantito?

Valeva tutto, dal take-away (rosticcerie, tavole calde e pizze a taglio) ai ristoranti-pizzerie dove i supplì si mangiano comodamente seduti.

Ecco i risultati:

TAKE AWAY
1. Pizzarium (24%)
2. 00100 Pizza (19%)
3. Sisini, la casa del supplì (16%)
4. Il mattarello d’oro (13%)
5. Franchi gastronomia (12%)

RISTORANTI/PIZZERIE
1. La Gatta Mangiona (27%)
2. Sforno e Tonda (16%)
3. L’Arcangelo (16%)
4. Ai Marmi, Panattoni detto “l’obitorio” (13%)
5. Bir&Fud (13%)

Menzione d’onore per Alari a Porta Portese e per la pizzeria-rosticceria accanto al cinema Giulio Cesare, in Prati. Mentre il più votato in assoluto, chevvelodicoafare, è stato Gabriele Bonci di Pizzarium.

Cosa ne pensate voi lettori di Dissapore? Per lo scottante interrogativo chiediamo il vostro competente parere e, ovviamente, anche qualche proposta brillante e originale. La discussione è ufficialmente aperta.

[Crediti | Link: Dissapore, Tavole Romane, immagini: Tavole Romane, Flickr/Paola Sersante]

commenti (42)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar francesca ciancio ha detto:

    00100 Pizza
    sembrava obbligatorio andarci e ci sono stata. in tutta onestà non sono rimasta impressionata. Sta storia poi del trapezzino non mi convince affatto. Ma la colpa è mia : sono cresciuta a Port’Alba a Napoli mangiando due pizze a portafoglio al giorno !

    1. Avatar INDASTRIA ha detto:

      Same Here.
      E sinceramente mi hanno deluso anche gli altri “soliti nomi” che vedo in calssifica.

    2. Avatar nico aka tenente Drogo ha detto:

      trapIzzino, please 🙂

      per me un’invenzione che dovrebbe essere tutelata dall’Unesco
      (e che ci azzeccano le pizze a libretto?)

  2. Avatar Tiziana ha detto:

    Franchi per tutta la vita. Il supplì caldo sbocconcellato per Cola di Rienzo è un ricordo che risale alla mia infanzia…alla prima credo…

    1. Avatar giulia ha detto:

      anche io affezionata di franchi. E’ vero che sono un po’ altalenanti, ma non sono veri.
      Da Rosticcerì mi è capitato di mangiarlo che dentro la mozzarella era ancora congelata.
      Invece mi pare che manchi Volpetti più, lì ho mangiato il miglior supplì, fritto al momento su richiesta. strepitoso!

    2. Avatar giulia ha detto:

      intendevo dire che i supplì di franchi sono veri, come da tradizione

    3. Avatar nico aka tenente Drogo ha detto:

      forse venti anni fa

  3. Avatar Barbara Marcotulli ha detto:

    Pizzeria a taglio/rosticceria di Piazza Re di Roma, ovviamente in citta’. Sono semplicemente PERFETTI.

  4. Avatar ricbrig ha detto:

    Beh Mattarello d’Oro e Pizzarium sono giustamente al top. Franchi mi entusiasma di meno. Non vedo tracce di Angelo e Simonetta sulla Nomentana che pure fanno suppli’ molto buoni.

    1. Avatar nico aka tenente Drogo ha detto:

      infatti, Arcangelo è un gradino superiore a tutti
      (anche nei prezzi però)

    2. Al suo ristorante supplizio MEMORABILE a tal punto che il prezzo passa inosservato! 😉
      Al Caffè Propaganda invece siamo ancora molto lontani per cottura e gusto. Ma forse è stata la sfortuna di una sera…

  5. Avatar Jaws ha detto:

    Casa del Suppli’- Sisini su piazza Re di Roma , hanno uno smercio continuo talmente veloce che si trovano sempre i suppli’ caldi appena usciti dalla friggitrice , Sforno e Tonda li ho trovati altalenanti ( come la cottura delle pizze , spesso bruciate eccessivamente , ma questo è un altro discorso ) ..I marmi assolutamente no , per me fanno suppli’ veramente ordinari ….roba da rosticceria qualsiasi

  6. Avatar Letico ha detto:

    Ricordo Pecorino,Checco er carettiere, Piperno una volta, non so oggi. Trovo Franchi altalenante, sono convinto che la Gatta non meriti il primo posto.

  7. Avatar Guido ha detto:

    Franchi provato domenica scorsa: olio vecchio e ha perso la “sontuosità” che lo caratterizzava.

  8. Avatar Riccardo I. ha detto:

    Se, intorno al 2004-2005, qualcuno m’avesse detto che 7 anni dopo sarebbero usciti articoli e articoli su supplì e crocchette e infinite accese discussioni sulla migliore carbonara della città, gli avrei dato del veteroreazionario e forse l’avrei denunciato alle Forze Imperiali della Coalizione Creativa.
    Erano i tempi dell’operazione di pulizia gastroetnica denominata “Tempesta nel Dessèrt” e i Partigiani Pecorini della Brigata Cacio & Pepe erano ricercati come “banditen”. 😎

    Poi arrivò la crisi…

    1. Avatar MAurizio ha detto:

      E’ che alla fine, tra schiume e texturas, mangiamo sempre le stesse cose … 🙂

  9. Ragazzi, non si scherza coi sentimenti e nemmeno coi fatti. Ora non ricordo il nome perché sono emigrante (cit.) ma il supplì migliore di Roma lo fa la rosticceria a Piazza Re di Roma. Non è un’opinione ma un fatto:)

    1. Ero troppo eccitato per adoprare con cura la meteria scritta. Anche l’accoppiata supplì a re di roma e pizza al taglio a magna grecia regna. Poi i coraggiosi possono tornare a re di roma e dargli di tiramisù da pompi. Segue esofagite inappellabile ma si gode. Quello è 1 km importante