di Massimo Bernardi 14 Aprile 2009

Glass Hostaria a Trastevere, RomaDove posso portare il mio ex per riconquistarlo? Sto venendo a Roma per un breve periodo e vorrei portarlo a cena fuori. E’ un giornalista, detesta i ristoranti pretenziosi. Potresti trovarmi qualcosa di diverso, purché si mangi bene? Aiutami, per favore.

Questa è la mail di un’amica che vive a Los Angeles, arrivata poco fa alla casella di Dissapore. Ho subito pensato al Pagliaccio di Anthony Genovese, la cui cucina incorpora con successo influenze orientali. Poi mi sono posto il problema del budget, anche volendo riconquistare il proprio ex, spendere 100-120 € a persona può essere un problema. Mi è venuto in mente il Glass Hostaria di Cristina Bowerman, che la cucina panitaliana e il design ultra-moderno rendono diverso da tutti i ristoranti di Trastevere. Con 50-60 euro a testa dovrebbe cavarsela. Non sono consigli così originali, se ci fossi stato potrei includere il Julian Café del cuoco Fabio Spadaro, vicino a Piazza dei Coronari (quello che il petroliere Abramovich voleva regalare alla fidanzata), ma posso fare meglio se mi aiutate voi.

In un caso come questo, quali altri ristoranti romani consigliereste?

[Immagine: Flickr, utente Squidish]