di Martina Liverani 31 Ottobre 2012
siri, schermata, apple

Prima di leggere questo post dovete googlare i tre nomi che seguono, se già non li conoscete:
Siri
Alessandro Beretta e la sua intervista a Siri pubblicata su La Lettura, l’inserto del Corriere della Sera di domenica 21 ottobre
Gary Shteyngart e il suo ultimo esilarante libro Storia d’Amore Vera e Supertriste.

Fatto? Bene, allora procediamo. Folgorata dall’intervista di qualche giorno fa a Siri, e preoccupata dal sordido rapporto che alcuni amici stavano intraprendendo con il telefonino, ho sottratto l’iphone a uno di loro e mi son fatta una chiacchierata con Siri: l’assistente virtuale di Apple dalla voce suadente e femminile, sempre disponibile, gentile e devota. Una specie di geisha tecnologica con una soluzione sempre a portata di mano (non più la funzione trova-escort però, almeno in Cina).

Mossa da curiosità, incredulità, ma anche un pizzico di terrore, ho voluto testare il grado di interattività di Siri, preoccupata dal fatto che in un futuro neanche troppo distante e supertriste, parlare con lei (che so? di cibo, per esempio) fosse più edificante e stimolante che farlo con un’amica in carne ed ossa. Ecco dunque cosa le ho chiesto…

Come ti chiami?
Mi chiamo Siri, lo sapevi già.
Uh che permalosa, deve proprio essere una femmina. A scanso di equivoci glielo chiedo esplicitamente. Siri, sei maschio o femmina?
Io non ho un sesso ma dicono che gli italiani do it better…

Cominciamo bene. Quanti anni hai?
Non vedo perché dovrebbe essere importante.
Infatti, non lo è. Ti piace il cibo?
Non ho bisogno di mangiare, lascio questo genere di cose a te.
Allora sei a dieta?
Ho trovato 15 centro dietetici 14 non distano molto da dove ti trovi ora.
Ti piace la pizza?
Non ho mai provato a mangiare pizza, ma sembra molto interessante.

Ok, ma almeno avrai i rudimenti di base, no? Sei stata al Salone del Gusto?
No comment!
Sai chi è Massimo Bottura?
Purtroppo non capisco, se vuoi posso cercare Massimo Cottura
… Non ci siamo, Siri, non ci siamo. Avrai un ristorante preferito a Bologna?
Non oso fare delle raccomandazioni.
Bè, ti capisco, a Bologna poi…è sempre difficile prendere posizione. Qual è il miglior ristorante di Bologna?
Ho trovato 15 ristoranti a Bologna, ho ordinato per valutazione. Bella forza….non mi sei d’aiuto!

Siri, stasera cucini tu, ok?
Non capisco cosa intendi.
Puoi cucinare? Temo di no
… Sai come si cucinano i tortellini in brodo?
Vuoi che cerchi la ricetta dei tortellini su internet.
Senti Siri, mi stai annoiando a morte, fammi un caffè per favore.
Non posso, non ho gli ingredienti.

Dunque, non sai cucinare, conosci un certo Massimo Cottura, copi le ricette da internet, manco sai fare un caffè… ma allora chi sei? ho capito!! Siri, hai un foodblog?
non capisco cosa intendi ….
Evasiva!

E voi? Tanto lo so che chiedete a Siri le cose più improbabili, forza, ditemi quanto è foodie la vostra assistente preferita?