di Manuela 29 Aprile 2020
Alessandro Borghese

Seconda puntata per la nuova stagione di 4 Ristoranti con Alessandro Borghese: dopo averci accompagnato fra i canali di Venezia durante la prima puntata, lo chef dalla chioma ribelle ci porta in montagna, in Valle d’Aosta. E’ fra queste vette innevate che si svolgerà la sfida fra i quattro ristoratori valdostani: chi vincerà la gara e si aggiudicherà il premio di cinquemila euro da spendere nella propria attività?

La puntata si svolgerà nel modo consueto: dopo una breve introduzione al luogo teatro della sfida, conosceremo i 4 ristoratori. A turno ciascuno di essi offrirà la cena ai tre rivali e ad Alessandro Borghese: i primi esamineranno la sala, mentre Borghese ispezionerà la cucina. Alla fine della serata i ristoratori dovranno dare un punteggio da o a 10 a:

  • location
  • menu
  • servizio
  • conto

Ma attenzione: anche Borghese voterà e con i suoi voti può confermare o ribaltare la classifica. Inoltre lo chef ha a sua disposizione anche un ulteriore bonus di 5 punti che userà per giudicare un elemento chiave di quella sfida. Ma chi sono i ristoratori in gara questa volta? Eccoli:

  • Campo Base di Corinne (Ayas, Monte Rosa): Corinne è sia la titolare che la responsabile di sala di questo ristorante di Champoluc, situato a 2.500 metri di altezza e che può essere raggiunto tramite funicolare e seggiovia. Particolare anche la struttura che ricorda una tenda mongola. Il locale ospita 14 tavoli
  • La Grolla – Chalet Restaurant di Ephrem (Courmayeur, Monte Bianco): Ephrem è il titolare del ristorante aperto dai suoi genitori sin dal 1973. Il locale si trova a 1.700 metri di altezza e affaccia sulle piste da sci di Courmayeur. Anche in questo caso d’inverno è possibile raggiungerlo solo con gli sci, con la motoslitta o col gatto delle nevi. Il locale vanta grandi vetrate per ammirare il Monte Bianco e ha uno stile minimalista, rustico, con parecchio legno
  • Novez di Davide (Cmapoluc, Monte Rosa): Davide è il titolare e il responsabile di sala. Il ristorante è aperto sin dal 2018 e si trova a 2.080 metri di altezza sulle piste da sci. La location è molto moderna e minimalista, tutta realizzata in legno e ferro. Raggiungibile tramite ovovia, è disponibile un servizio con motoslitta
  • Bar Ristorante Chiecco di Anna (Courmayeur, Monte Bianco): Anna è la titolare insieme al compagno, lo chef del ristorante. Questo locale si trova a 2.000 metri di altezza sulle piste da sci. E’ raggiungibile tramite funivia. L’aspetto è quello di una baita di montagna, ma l’interno è molto più ricco e cosmopolita