Com è possibile che esista l’acqua biologica?

Ripeto: come è possibile che esista l’acqua biologica?

Okay, siamo ossessionati da tutto ciò che è bio. Frutta bio, cereali bio… ora, capisco che l’idea dell’acqua biologica possa far fregare le mani a chi dovrebbe venderla, ma ditemi voi, come fa l’acqua a essere bio visto che, tanto per iniziare, non è mai stata viva?

Eppure, di recente, alcune intraprendenti aziende americane hanno trovato uno stratagemma ingegnoso: prendere l’acqua bio dagli alberi.

[Pensate che l’acqua sia la bevanda più dissetante? Ripensateci]

Ebbene sì, esiste una certificazione biologica per l’acqua ottenuta dalla linfa delle piante attraverso osmosi inversa.

In pratica, la linfa delle piante viene bollita e l’acqua, a patto che gli alberi siano frutto di pratiche forestali sostenibili, è considerata purissima.

Ecco come si spiegano i primi produttori americani di “organic tree water” certificata.

È il caso della Asarasi, che online vende quattro bottigliette da 355 ml. a 9,9 dollari e di TreTap Beverages, con sede nel Vermont, che ha sviluppato una linea di acque aromatizzate alla frutta ottenuta dalla linfa degli alberi e confezionata in lattine sciccose.

[Quanto guadagnano i giganti italiani dell’acqua minerale? Spoiler: moltissimo]

Bevande che contengono, all’incirca, cinque calorie ogni 100 ml. ma che promettono assenza di minerali ingombranti, idratazione e sostenibilità senza concorrenza.

Nel frattempo TreTap, che per ora distribuisce solo nello stato del New England, si sta organizzando per arrivare in tutto il Paese.

[Crediti | Daily Mail]

Chiara Cavalleris Chiara Cavalleris

8 gennaio 2018

commenti (8)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Inquesto mondo disastrato qualsiasi “offerta ” trova la sua “domanda” indipendentemente da utilità, costo, qualità del bene e sue caratteristiche basilari.
    Poi il mercato e l’immagine contribuiscono da dare un valore sociale ( fittizio) – e cioè di status – a cose impensabili e perfino prive delle caratteristiche di “bene economico”.

  2. Se esiste l’acqua biologica? Signori/e conosco gente che compra acqua OMEOPATICA!!! Come? Basta che costi come l’oro…

  3. Ennesma genialata americana, fanno bene a fare soldi sui fessi ricchi, che sembrano abbondare parecchio da quelle parti.

  4. Cioè, per capire: tolgono la linfa agli alberi (i quali immagino poi stiano benissimo) e da questa linfa ricavano l’acqua “bio”?
    Anziché preoccuparsi di non inquinare le falde e gli acquedotti (in alcuni stati americani hanno seri problemi in questo senso), oltre a rovinare l’acqua rovinano anche gli alberi.
    Però sono “bio”, cioè succhiano la vita dalle cose vive (gli alberi) e uccidono l’acqua inquinandola ma pagandola sempre a peso d’oro…
    Davvero abbiamo ancora qualcosa da imparare dal “modello americano”?

  5. copioincollo:
    “per ora distribuisce solo nello stato del New England…”

    Ma il New England non è unO statO degli USA, bensì una regione composta da almeno 6 stati, nel nordest degli USA medesimi!

  6. Il Bio è una delle migliori truffe legalizzate a livello alimentare che io conosca.

«
Privacy Policy