di Manuela 27 Maggio 2020
Bufalo italiano

Il Gruppo Amadori ha venduto il 100% di Fattoria Apulia a Fattorie Garofalo. Si tratta di un affare del valore complessivo di 30 milioni di euro che va ad interessare una delle aziende agricole più grandi in Italia.

Fattoria Apulia ha sede a Cerignola, in provincia di Foggia e vanta una superficie di 1.850 ettari. All’azienda appartengono 2.000 bufali italiani (tutti iscritti nel Libro Genealogico per la produzione di latte di bufala) e un notevole allevamento di suini. Ha anche un impianto fotovoltaico sulle stalle.

In realtà da anni Fattoria Apulia è fra i principali fornitori di Fattorie Garofalo. Quest’ultima ha sede a Capua, in provincia di Caserta: anch’essa è attiva nel settore lattiero-caseario bufalino (alleva bufali, trasforma le materie prime in Mozzarella di bufala campana Dop, produce carni e salumi e ha diversi punti vendita). Fattorie Garofalo ha al suo attivo già altre sei aziende zootecniche bufaline e tre stabilimenti dedicati alla trasformazione. Inoltre produce anche energia rinnovabile per il Gse tramite biogas e fotovoltaico.

Grazie a questa acquisizione, fattore Garofalo potrà ulteriormente espandersi: il suo fatturato nel 2019 è arrivato a quota 100 milioni di euro, con un +10% della crescita rispetto al 2018. E’ stato soprattutto l’export verso Germania, Francia, Gran Bretagna, Paesi Bassi e Stati Uniti a trainare l’azienda.

Acquisendo Fattoria Apulia, Fattorie Garofalo di sicuro migliorerà l’approvvigionamento in modo da soddisfare gli obiettivi del gruppo che prevedono di aumentare del 100% la produzione interna di latte entro il 2026 in modo da arrivare a un margine di copertura degli utilizzi per la produzione di mozzarella di bufala intorno al 50%.

Per fare questo, il gruppo incrementerà la popolazione di bufali da 10mila capi a 18mila capi fra Caserta e Foggia.