di Manuela 7 Settembre 2020
Cafè Chiosco

Ad Aosta è stato chiuso il Chiosco di piazza Arco d’Augusto a causa di alcune violazioni delle norme anti diffusione Coronavirus. Nello specifico, si trattava di due clienti seduti al bancone senza mascherina e di un giornale sfogliato da un altro cliente con mascherina.

Durante dei normali controlli di routine, la Polizia si è recata al Café il Chiosco. La titolare, Sylvie Pillon, sulla sua pagina Facebook, ha spiegato che i poliziotti hanno contestato due clienti che erano al bancone senza mascherina, oltre al fatto che una cliente stava leggendo il giornale munita di mascherina.

Così è scattata la sanzione: cinque giorni di chiusura e multa da 400 euro. Sylvie ha ipotizzato che si sia trattato di una misura forse un tantino severa: da lei chiusura e multa e dal suo vicino niente, neanche mezzo controllo. Sylvie ha poi raccontato che quella sera, su 10 ore di lavoro, si è assentata per soli sette minuti. Quando è tornata al Chiosco, ha trovato ben otto poliziotti che stavano controllando i documenti dei due clienti seduti al bancone. Da lì poi sono partite multe e chiusura.

Se non ricordiamo male, però, le nuove linee di riapertura dei locali avevano nuovamente consentito la presenza dei giornali (a patto di usare mascherine e disinfettarsi le mani), dunque perché contestare la presenza di quel giornale, fra l’altro letto da una cliente con mascherina?