di Manuela 26 Aprile 2019
Arachidi

Dare le arachidi ai bambini per prevenire l’allergia non è una buona idea. Anzi, è una pessima idea visto che questo sistema ha triplicato le reazioni allergiche. A dirlo è uno studio realizzato dalla McMaster University, ripreso anche dal Daily Mail e che trovate in formato integrale su The Lancet ha evidenziato che trattare l’allergia alle arachidi in età infantile aumentandone progressivamente la tolleranza finisce col peggiorare la situazione invece che migliorarla.

Un approccio classico al problema delle allergie alimentari prevede l’uso dell’immunoterapia orale: aumentando progressivamente la dose dell’allergene incriminato potrebbe aiutare a eliminare l’allergia.

Ma non sono del medesimo avviso quelli della McMaster University: la loro nuova ricerca ha rielaborato i dati di 12 studi condotti su più di mille giovani pazienti, con età media di nove anni. La ricerca ha dimostrato che, rispetto all’evitare le arachidi, i vari tentativi di desensibilizzazione dei bambini nel “mondo reale” finiscono col promuovere le reazioni allergiche, ivi incluso lo shock anafilattico (potenzialmente mortale).

Lo studio ha messo a confronto l’efficacia dell’immunoterapia orale con l’esclusione dalla dieta delle arachidi. I ricercatori hanno così scoperto che l’immunoterapia orale alle arachidi ha triplicato il tasso di anafilassi. Altro che ridurre le allergie, queste sono aumentate dal 7,1% al 22,2%! Tali reazioni allergiche comprendevano sintomi tipici:

  • vomito
  • diarrea
  • dolore addominale
  • prurito in bocca
  • orticaria
  • dispnea
  • asma
  • shock anafilattico nei casi gravi

Questo vuol dire che eliminare dalla propria dieta le arachidi rimane la scelta migliore. Il dottor Derek Chu, della McMaster University in Canada, ha poi ribadito che ci sono diversi studi sull’uso dell’immunoterapia orale, ma la sua efficacia e affidabilità non sono ancora ben chiare. L’attuale regime di immunoterapia orale relativo alle arachidi non riesce a diminuire le reazioni allergiche nei pazienti, al contrario aumenta tali reazioni allergiche.

Il problema dell’allergia alle arachidi deriva dal fatto che si tratta di una patologia che può perdurare per tutta la vita. Inoltre le arachidi e derivati li si trova in molti prodotti insospettabili. Se andate a leggere le etichette degli alimenti, fra le avvertenze troverete che molti sono stati prodotti in stabilimenti dove vengono utilizzate arachidi e frutta a guscio. Pensate anche ai fritti: molti vengono cotti in olio di arachidi. E in quanti piatti già pronti viene usato l’olio come condimento? E se questo olio fosse quello di arachidi?

Bisogna sempre controllare l’etichettatura o chiedere gli ingredienti uno a uno se si soffre di allergia alle arachidi. D’altra parte, se anche Easy Jet ha deciso di non servire più arachidi per venire incontro agli allergici, ci sarà un motivo.

[Crediti | Daily Mail]