Biologico, boom di consumi nel 2020

Secondo un'indagine Nielsen-AssoBio, per effetto della pandemia i consumi di cibo biologico nel 2020 sono aumentati: +6,5% nei supermercati, +12,5% nei discount, +150% online.

Il cibo biologico prosegue il suo trend di crescita, e la pandemia non ha fatto che accelerarlo: un boom di consumi nel 2020 che non è affatto casuale. Questi sono i dati e le interpretazioni di un’indagine condotta da Nielsen e AssoBio: +7% per gli acquisti di prodotti biologici nel 2020 rispetto al 2019, per un valore complessivo di 4,3 miliardi. Le vendite sono così distribuite: supermercati +6,5% (oltre 847 milioni di euro), quello dei discount +12,5% (valore totale 194 milioni), negozi specializzati +10%. Ma il vero boom si ha, prevedibilmente, nelle vendite online con il +150%.

La ragione principale sta nel fatto che l’epidemia di Covid ha portato ancora di più l’attenzione dei consumatori sulla salute e sul benessere ambientale. Commenta il Presidente di AssoBio, Roberto Zanoni: “Proprio durante il lockdown, i consumatori sono andati alla ricerca di prodotti biologici e biodinamici, a conferma di una tendenza di crescita già in atto. Il consumatore italiano sta prestando sempre maggiore attenzione alla qualità, alla sicurezza, con uno sguardo rivolto anche alla corretta politica di prezzi”.

Il dato notevole, oltre a quello dei consumi, è che per effetto della richiesta sempre maggiore di prodotti bio, la Grande distribuzione organizzata (GDO) sta aumentando sempre più il proprio assortimento di cibi biologici a proprio marchio: la conseguenza è che ormai questi rappresentano il 48,7 % delle vendite bio, quasi la metà del totale.

[Fonte: AssoBio]

biologico prodotti biologici
Potrebbe interessarti anche