di Manuela 23 Luglio 2019
Cocco

A Bologna, anzi, in Riviera per la precisione, multati venditori di cocco in spiaggia con una sanzione di 48mila euro. I vigili di Ravenna hanno sequestrato 250 fette di cocco non idonee alla vendita. Mancavano permessi e autorizzazioni sanitarie, il prodotto non era tracciabile, non erano rispettate le norme per la conservazione alimentare e non c’era la notifica sanitaria: per tutti questi motivi i venditori di cocco che stavano svolgendo la loro attività sulle spiagge dell’Emilia-Romagna, sono stati sanzionati.

Tutto è accaduto a Lido Adriano, Lido di Savio e Punta Marina. La polizia di Ravenna, all’interno di un programma di lotta agli abusivismi, ha effettuato ben cinque sequestri per bloccare la vendita in spiaggia di 250 fette di cocco. Il problema è che, mancando delle necessarie autorizzazioni sanitarie, si metteva a rischio la salute dei bagnanti.

Per quanto riguarda i dettagli delle multe amministrative, sono state di 5.164, 1.500 e 3.000 euro per ognuno dei cinque sequestri, il che ha portato l’importo totale a più di 48mila euro. I due venditori, inoltre, non erano nuovi a fatti del genere: tutti e due italiani, già in passato erano stati pizzicati mentre vendevano cocco non regolare.