di Manuela 24 Ottobre 2019
caffe

Un caffè preparato e servito da un robot: non sarebbe comodissimo al mattino quando, dopo esserci alzati a fatica dal letto al ventesimo suono della sveglia, ci dirigiamo in cucina per poter godere della prima dose di caffeina quotidiana? Il miglior amico tecnologico di tutti i dormiglioni e di tutti gli appassionati di caffè esiste e si chiama Kuka.

Kuka è un robot ideato dall’azienda cesenate Comega, che si occupa di automazione industriale ed è leader nella progettazione di sistemi di confezionamento e incartonamento per l’agroalimentare, ed è stato presentato in occasione dell’ultima edizione di CibusTec di Parma. È un vero e proprio robot barista. Prima prende tutte le ordinazioni tramite un tablet che è posizionato sul bancone del bar, poi prepara ogni caffè, secondo le preferenze dei clienti, e alla fine lo serve agli ospiti. Gesti “meccanici”, ma pieni di eleganza e di grazia, quasi ipnotici per chi ha assistito alla scena.

Kuka

In un video pubblicato dal Resto del Carlino si può vedere in azione Kuka, mentre prepara un caffè fumante al CibusTec, salone sulla meccanica per l’agroalimentare che si svolge ogni anno alle Fiere di Parma.

Kuka

Il robot antropomorfo di nuova generazione collabora con operatori umani, così come quello che a Torino si trasforma in un cameriere per servire sushi. Andrea Bellini, amministratore delegato dell’azienda con sede a Cesena, spiega che Kuka è un robot che si avvale della migliore tecnologia attualmente presente sul mercato, la stessa, tra l’altro, che viene impiegata ad esempio in campo medico. Ma che si può estendere anche a molti altri settori, anche quello agroalimentare. E non solo per le grandi aziende, ma anche per diventare beni di largo consumo, dal momento che le possibilità di utilizzo e applicazione sono davvero tantissime. I robot possono affiancare gli esseri umani in diversi lavori ripetitivi o di altissima precisione, diventando preziosi alleati in ambito lavorativo e industriale.

[Crediti | Facebook Comega]