di Marco Locatelli 6 Maggio 2020

Campari chiude l’acquisizione dello champagne Lallier per 21,8 milioni di euro. Una trattativa avviata il 17 aprile e chiusa in tempi record, e che vede passare sotto il cappello del colosso milanese del beverage l’80% delle quote di Lallier. In futuro la totalità del capitale passerà a Campari.

In una nota stampa, si legge che “la rimanente quota del capitale azionario è soggetta a tipiche opzioni reciproche call e put, che potranno essere esercitate a partire dal 2023. Francis Tribaut proseguirà nel suo ruolo di managing director di Champagne Lallier”.

Campari è attivissima nelle acquisizioni: nell’ultimo trimestre la società ha infatti chiuso altre due operazioni, una in Giappone e un’altra in Francia. Il Gruppo Campari ha infatti creato una joint-venture in Giappone con Ct Spirts Japan, un partner locale specializzato nel food&beverage, per promuovere lo sviluppo dei prodotti del gruppo nel mercato del Sol Levante.

Il 28 febbraio, Campari ha invece chiuso l’acquisizione – per 54,6 milioni di euro – del suo distributore francese Baron Philippe de Rothschild France Distribution (Rfd), che in Francia distribuisce alcuni dei più famosi marchi Campari, come Aperol, Campari, Skyy Vodka e anche Appleton Estate.

FONTE IMMAGINE: Le Mie Bollicine