Carni lavorate: New York mette al bando hot dog e bacon

Pare che si prospettino tempi bui per gli Statunitensi amanti del comfort food americano per eccellenza: New York infatti potrebbe mettere presto al bando hot dog e bacon, insieme al resto delle carni lavorate.

Il veto nei confronti di due dei prodotti simbolo della dieta americana arriva dal sindaco della Grande Mela Bill de Blasio, che ha approvato un pacchetto “green” da 14 miliardi di dollari per combattere i cambiamenti climatici. Nel calderone dei provvedimenti da prendere in nome della salvaguardia del pianeta, c’è anche la rinuncia ai famosi hot dog newyorkesi, visto che il piano ha come obiettivo quello di tagliare drasticamente il consumo di carni lavorate. Il provvedimento non riguarda solo le scelte alimentari personali ma, per dare il buon esempio a livello istituzionale, prevede anche un taglio del 50% sull’acquisto di carni rosse destinate alle strutture statali della città, tra cui scuole e ospedali. Un piano, quello del sindaco de Blasio, che mira a ridurre le emissione di gas del 30% entro il 2030.

Il mondo delle carni lavorate, già sotto accusa per motivi legati alla salute (con studi anche autorevoli che sostengono che il consumo di carni rosse, anche in quantità moderate, possa aumentare il rischio di cancro), potrebbe dunque subire un durissimo colpo da quella che è forse la sua capitale più nota nel mondo. Che New York sarebbe, senza i baracchini che servono i migliori hot dog del pianeta?

[Fonte: Ansa]

Valentina Dirindin Valentina Dirindin

25 Aprile 2019

commenti (3)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Oetzi ha detto:

    E’ il paese per antonomasia che è guidato dalle lobby.
    Questo “spirito rivoluzionario” durerà poco 😀

  2. Avatar Ganascia ha detto:

    La strada è questa. Mangiare meno carne, mangiarne di migliore.