di Manuela 27 Gennaio 2020
Caffè

Scontrino da 80 euro per 9 caffè? Succede a Castellamare di Stabia dove un consigliere regionale della Campania denuncia l’accaduto. Francesco Emilio Borrelli ha consumato nove caffè nel Bar Elixir di Piazza Matteotti, pagando 80 euro. Fin qui nulla di strano: vale sempre la regola che ogni esercente nel suo locale può far pagare quanto vuole.

Ma Borrelli sottolinea due irregolarità fondamentali: il titolare è sì libero di vendere a qualsiasi prezzo voglia, ma il problema è che nel bar in questione non erano esposti i prezzi e nello scontrino mancava il dettaglio delle consumazioni.

80 euro per nove caffè, forse, sono un tantino troppi, anche se bisogna vedere il tipo di servizio (solo caffè al banco o caffè seduti al tavolo con magari qualcosa da spizzicare?). Il problema qui, però, sono le altre irregolarità commesse dal gestore, tanto che Borrelli ha deciso di denunciare quanto accaduto alla polizia.

Inoltre il consigliere ha fatto notare anche altre incongruenze: il titolare del bar ha fatto pagare prezzi diversi alle persone sedute allo stesso tavolo in quanto qualcuno ha pagato un caffè 1,50 euro, mentre a lui sono stati fatti pagare 80 euro per 9 caffè. Quindi si parlerebbe di prezzi differenti per lo stesso prodotto consumato al tavolo. Borrelli ha poi ribadito che non gli è stata portata la carta dei prezzi e che lo scontrino era irregolare in quanto mancavano informazioni dettagliate su ciò che era stato consumato.